Jóhann Jóhannsson

12 Conversations With Thilo Heinzmann

2019 (Deutsche Grammophon)
modern classical

Per chi se ne va improvvisamente nulla può davvero fungere da testamento, e dunque potenzialmente tutto. Di certo l’islandese Jóhann Jóhannsson non ha goduto soltanto di riconoscimenti postumi, ma in qualche modo le uscite successive alla sua scomparsa ce lo fanno sentire ancora vivo e prolifico, oltre a rimarcare il progressivo affinarsi di uno stile compositivo che sèguita a fare scuola.
La storica Deutsche Grammophon, principale firmataria tra i numerosi contratti discografici, si è attivamente fatta carico di onorare la memoria del maestro nordico con la pubblicazione di una retrospettiva, della riedizione per i quindici anni dell’esordio “Englabörn” e di una delle ultime colonne sonore (“The Mercy”).

Commissionato dalla Richard Thomas Foundation e dedicato da Jóhannsson all’amico e pittore tedesco, “12 Conversations With Thilo Heinzmann” ha avuto la sua live première nel 2016 presso la Conway Hall di Londra, ed è oggi presentato nell’esecuzione della formazione belga Echo Collective. Si tratta del primo vero quartetto d’archi dell’autore: nel tempo questo organico si è imposto come “barometro” eccellente nell’interpretazione dei mutevoli zeitgeist che hanno costellato la storia della musica dal Settecento ai giorni nostri. A lato dell’insanabile disgregazione delle avanguardie emerse nel secolo scorso, la corrente modern classical rappresenta oggi un “ritorno all’ordine” in grado di coniugare lo spirito romantico e l’asciuttezza melodica del post-minimalismo – un dominio espressivo nel quale, assieme a pochi altri, Jóhannsson ha indiscutibilmente primeggiato.

Dunque non deve stupire né risultare sminuente il carattere fortemente classico di questo sentito omaggio al profondo legame intellettuale tra il compositore e il pittore, sviluppato in dodici movimenti che si richiamano l’un l’altro per mezzo di motivi ricorrenti e raffinate variazioni sugli stessi. Anche in questo le tessiture di violini, viola e violoncello tendono a ricordarci la sempre più intensa attività di scrittura per il cinema dell’autore: l’inusuale setting completamente acustico, i gesti precisi ed essenziali sembrano anticipare il mood crepuscolare del premiato “Phantom Thread” di Jonny Greenwood, muovendosi con grazia entro un registro intimo che per natura appartiene alle formazioni da camera.

L’incedere da sorrowful songs di “Low” e “Harm”, i silenzi che intervallano i lievi staccati di “Stuk” e i vibrati della speculare “Shell”, lo spleen autunnale di “Arc” e il valzer infinitamente aggraziato di “Danse”: questi alcuni dei momenti più ispirati e ammalianti di questa inedita incisione, che assieme al poema “Orphée” rappresenta una delle più pregevoli produzioni di Jóhannsson sotto il marchio tedesco. A pochi giorni, poi, da quello che sarebbe stato il suo cinquantesimo compleanno, “12 Conversations With Thilo Heinzmann” è davvero capace di prendere al cuore.

27/09/2019

Tracklist

  1. Manifest
  2. Low
  3. Stuk
  4. Shell
  5. Zurich
  6. Harm
  7. Lacrimosa
  8. Pol
  9. Form
  10. Arc
  11. Danse
  12. Gold


Johann Johannsson sul web

Tutte le recensioni su OndaRock
JÓHANN JÓHANNSSON
Drone Mass

Pubblicata postuma, la messa di droni è una delle opere più ambiziose del compositore islandese

JÓHANN JÓHANNSSON
The Mercy (Original Motion Picture Soundtrack)

Tra gli ultimi lavori del maestro islandese recentemente scomparso, la colonna sonora di un biopic ne compendia l'opera e lo stile

JÓHANN JÓHANNSSON
Englabörn & Variations

Una pregevole reissue omaggia l'esordio solista del compositore islandese, recentemente scomparso

HILDUR GUĐNADÓTTIR & JÓHANN JÓHANNSSON
Mary Magdalene (O.S.T.)

Tra le ultime colonne sonore del maestro islandese anche il dramma storico-religioso di Garth Davis

JÓHANN JÓHANNSSON
Mandy (Original Motion Picture Soundtrack)

Ultimo lavoro postumo per il compositore islandese, all'insegna di una scura visionarietà horror-fantasy

JÓHANN JÓHANNSSON
Orphée

La star islandese della neoclassica esordisce anche su Deutsche Grammophon

JÓHANN JÓHANNSSON
Arrival (Original Motion Picture Soundtrack)

Il giovane maestro islandese torna alla soundtrack, musicando un emozionante racconto sci-fi

JÓHANN JÓHANNSSON
Sicario OST

Dopo il Golden Globe per "La teoria del tutto", il nuovo impegno cinematografico del guru islandese

JÓHANN JÓHANNSSON
The Theory Of Everything OST

La consacrazione del guru islandese, reinventatosi compositore per il cinema

JÓHANN JÓHANNSSON
Prisoners (Original Motion Picture Soundtrack)

Dopo più di dieci anni il compositore islandese non smette di incantare

JOHANN JOHANNSSON
The Miners’ Hymns

Grandiosità orchestrale e contenuto narrativo nella seconda colonna sonora consecutiva del compositore islandese

JOHANN JOHANNSSON
And In The Endless Pause There Came The Sound Of Bees

Le inquiete pièce del compositore islandese per una colonna sonora d'animazione

JOHANN JOHANNSSON
Fordlândia

Un'immersione profonda e coinvolgente in un favoloso non-luogo, accompagnati dalle melodie orchestrali del compositore islandese

JÓHANN JÓHANNSSON
Fordlândia

Il capolavoro del compositore islandese dedicato alla dolorosa storia della città Fordlandia