Paul Mosley (And The Red Meat Orchestra)

You're Going To Die!

2019 (Red Crow Collective) | chamber-folk, pop-opera

Una delle magie che si ripete ogni qual volta Paul Mosley pubblica un nuovo album (in compagnia dei Moses, della Red Meat Orchestra o della Klaxon band) è quella sensazione di essere al centro di un'enorme rappresentazione teatrale dai forti connotati corali. Come in un gioco ad incastro, scenari e personaggi si muovono tra le ingegnose intuizioni liriche e armoniche, che un giornalista ha definito come un incrocio tra Tom Waits e i Muppets. Scorrendo le tappe discografiche di Mosley, è facile perdersi tra disquisizioni agrodolci sulla storia di un ventriloquo (“The Ventriloquist”, 2009) o tra geniali osservazioni sul mondo dei volatili (“A Chattering Of Birds”, 2013), ma per quest'ultimo album il musicista sceglie un argomento arduo e impegnativo: il dolore.

Non concede spazio all’indecisione, il titolo dell’album (“You’re Going To Die!”), un progetto che il musicista ha realizzato in tempi brevi, sull’onda emotiva della dolorosa dipartita della mamma, che Paul accudiva da tempo, un evento che lo ha spinto ad accantonare, nel frattempo, un concept-album sulla storia di un pugile e di una balena (anche se nel frattempo sta scrivendo le musiche per l’adattamento teatrale di "The Owl and The Pussycat" di Julia  Donaldson e ha in uscita ben due colonne sonore).
Ad assecondare le stravaganze dell’autore, con versatilità e perizia tecnica, la sempre prodiga e agile Red Meat Orchestra: una formazione che all’interno ospita musicisti come Tom Moth (Florence and The Machine), Joe Peet (Cousteau, Benjamin Clementine) e Colin Smith (Feist, Shapeshifters).

Non è un personaggio facile da amare, Mosley, il carattere sfuggente delle sue composizioni non stimola l’ego dell’ascoltatore, le canzoni sono folk, ma prive di quella malinconia che tanto piace ai fan dei folksinger (“Judge Mosley Presiding”), sono pop, ma troppo beffarde per poter essere canticchiate con disinvoltura (“Hello Yellow Crow” e l’ottima “The 1970s”), anche le matrici blues sono scompigliate e disordinate, come se a suonarle fosse Frank Zappa in preda a una sbornia (“Because I Did Not Die Today”, la title track). 
Nulla è comunque lasciato al caso, anche la sequenza dei brani di “You’re Going To Die!” ha una sua ragion d’essere, tra tempi ritmici disadorni che si alternano ad atipiche cadenze quasi disarmoniche (“Couldn't Love You More”), mentre un paio di ballate allentano l’atmosfera (“Build Your Fire”, “Midnight/Moonlight”).

Di tutti gli album pubblicati in questo affollato 2019, il nuovo disco di Mosley è senz’altro il più eccentrico, ne è fulgido esempio il singolo “People Are Idiots” dove i synth duettano con la mini-orchestra su un curioso tempo ritmico (11/8), mentre cori femminili e maschili raccordano il tutto con effetti esilaranti e giocosi: una magia che si ripete anche nelle morbide trame del piano di “A Week Of Rain”, che il musicista associa ad atipiche soluzioni sonore (tempi in 5/4 e contrappunti quasi jazz).
Mosley si conferma menestrello del surreale, con uno stile tra musical e teatro che rievoca Harry Nilsson, abile nel mettere insieme oscurità e luce, gioia e dolore. “You’re Going To Die!” è  comunque un album destinato a un romantico e colpevole oblio critico, un disco per pochi che “forse” piacerà a molti.

(16/11/2019)



  • Tracklist
  1. Hello Yellow Crow
  2. People Are Idiots 
  3. Couldn't Love You More
  4. Judge Mosley Presiding
  5. A Week Of Rain 
  6. Midnight/Moonlight
  7. You're Going To Die!
  8. the 1970s 
  9. Build Your Fire 
  10. Well Done Son 
  11. Because I Did Not Die Today




Paul Mosley su OndaRock
Recensioni

PAUL MOSLEY

The Butcher

(2016 - Folkwit Records)
Sulle orme di Anais Mitchell e Harry Nilsson, una pregevole folk-opera

PAUL MOSLEY

A Chattering Of Birds

(2013 - Folkwit)
Un album che suona come un esordio per il musicista inglese, giÓ autore di sette album di folk-pop orchestrale ..

Paul Mosley (And The Red Meat Orchestra) on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.