Winstons

Smith

2019 (Tarmac) | psych-pop, jazz, prog, canterbury

Nati come progetto estemporaneo per riempire brevi momenti di vuoto nelle carriere dei super-impegnati Enrico Gabrielli, Roberto Dell’Era e Lino Gitto, i Winstons non sono in realtà mai stati percepiti come un divertissement buono per una sola stagione. Il piacere di suonare assieme, il gratificante successo di pubblico e la possibilità di portare la propria musica oltre gli angusti confini nazionali hanno convinto i tre “fratelli” a proseguire. Il progetto Winstons guadagna così terreno rispetto alle rispettive band madri, Calibro 35 e Afterhours, non proprio le ultime arrivate.

A tre anni di distanza dall’omonimo esordio, si rimette in moto la macchina del tempo, programmata qualche decennio indietro, quando psichedelia, Canterbury sound, jazz (occhio a “The Blue Traffic Light”), rock e brit governavano il mondo. Dai Kula Shaker della sontuosa “Ghost Town” ai Pink Floyd di “Around The Boat”, dai Doors immersi nel liquido amniotico jazz di “Soon Everyday” alla portentosa mini-suite “Tamarind Smile/Apple Pie” che muta repentinamente a metà del cammino, i Winstons si confermano band tecnicamente superiore, con una scrittura che continua a impressionare per la capacità di riprendere il passato e renderlo naturalmente contemporaneo, mantenendo sempre una grande attenzione per la melodia (“Blind”).

C’è l’India dentro le dodici tracce di “Smith”, ma anche la Swinging London di Mary Quant e la California lisergica dei Grateful Dead, una vocazione internazionale questa volta sancita anche dagli importanti ospiti che hanno nobilitato le registrazioni: Mick Harvey dei Bad Seeds, sublime nella confidenziale “A Man Happier Than You”, Richard Sinclair dei Caravan in “Impotence” e Nic Cester (ormai di casa in Italia) nell’energetica conclusiva “Rocket Belt”, che strizza l’occhiolino a Who e Kinks. E ancora, l’amico Rodrigo D’Erasmo al violino in “Around The Boat”, Federico Pierantoni alla tromba in “Tamarind” e Tommaso Colliva in cabina di regia. Sixties forever

(14/06/2019)

  • Tracklist
  1. Mokumokuren
  2. Ghost Town
  3. Around The Boat
  4. Tamarind Smile/Apple Pie
  5. A Man Happier Than You
  6. Not Dosh For Parking Lot
  7. The Blue Traffic Light
  8. Blind
  9. Impotence
  10. Soon Everyday
  11. Sintagma
  12. Rocket Belt
Winstons su OndaRock
Recensioni

WINSTONS

The Winstons

(2016 - AMS Records)
Enrico Gabrielli e Roberto Dell'Era guidano il nuovo progetto psych-prog

WINSTONS

Golden Brown / Black Shopping Bag

(2016 - AMS Records)
La cover di una hit degli Stranglers e una traccia autografa nel 7 pollici della band psych-rock

Live Report
Winstons on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.