Jasmine Infiniti

BXTCH SLÄP

2020 (Autoprodotto / Dark Entries) | techno

Che il 2020 sia stato un anno impossibile per la vita nei club penso non ci sia bisogno di ripeterlo. Come gran parte dell'umanità, anche il popolo della notte ha dovuto fare a meno delle sue congregazioni, perdendo nel processo la possibilità di sfogare il proprio innato edonismo, ma soprattutto rimanendo momentaneamente orfano di quel caloroso senso di comunità e scambio che fa da collante a tante più piccole realtà sociali.
Rilasciato indipendentemente a marzo, quindi proprio all'inizio dei problemi legati al Covid-19 in America, "BXTCH SLÄP" probabilmente non è stato ancora testato sul dancefloor come da intenzioni originarie - la sua autrice, Jasmine Infiniti, è una personalità tuttofare nella vita notturna queer newyorkese, attiva anche nel mondo delle ballroom. Ma "BXTCH SLÄP" ha comunque una sua particolarità, perché non è solo un disco da ballo; queste incessanti e taglienti cavalcate ritmiche vengono avvolte da oscuri manti di ambient, felpate atmosfere umorali e sparuti sample provenienti dal mondo dell'hip-hop e dell'r&b, che donano al lavoro un concettuale taglio deep. Con un'attenta sequenza delle tracce a legare il tutto, l'album regala un ascolto che non è solo pensato per il corpo ma anche ponderato per la mente più curiosa.
 
Certamente la matrice base del lavoro risponde alla definizione di techno: ripetitivi sample meccanici montati su oscuri beat dal ritmo sostenuto, sbavature acide di contorno e bassi che attaccano alle ginocchia. I descrittivi titoli dei brani spesso si spiegano da soli; la sottomissione cerebrale di "YES, SIR", la snervante tensione horror di "SPOOKED", l'erotismo tellurico di "HOTT", l'aggressivo beat di "GHETTRO" che sterza verso i crash del vogue in una disforica dissonanza tra butch e femme. La bonus track finale si dipana su oltre dieci minuti di baccanali digitali. E c'è davvero bisogno di dare una descrizione per un brano chiamato "DEMONHOLE"?
Quando Jasmine diverge dal solito sferragliare techno, il disco infila i suoi momenti peculiari; la title track in apertura è nera come la pece, ma l'impiego di voci spezzettate richiama le conversazioni filosofiche tra Dj Sprinkles e il suo sampler, e la successiva "NXT2U" sembra emergere da quella stessa caverna prima di lanciarsi su un più squadrato ritmo al galoppo.
C'è anche posto per un lento come "HEART" a cavallo  tra la post-club della Fade To Mind e sentori quasi chillout. Concitata e robotica, "HOWEVER" infila una serie di distortissimi e spesso irriconoscibili sample soffiati alla celebre "Back To Life" dei Soul II Soul.
 
Sarebbe bello poter vivere queste tracce in pista, sentirle vibrare lungo la schiena, osservare i ballerini che si contorcono come creature possedute dall'estasi del momento. Ci sarà tempo anche per questo. 
Per ora "BXTCH SLÄP" è un ascolto curioso e spesso intenso ma sempre di ottima fattura, che riesce a mettere assieme l'umore di Sandwell District e Andy Stott con le più dense partiture deep di Octo Octa e Barker per un'ora abbondante di espansive esplorazioni elettroniche. Un long playing di tutto punto, insomma, che difatti ribalza alle cronache questo mese perché Dark Entries ne sta già curando una primissima ristampa in vinile - la dimostrazione che, anche a discoteche chiuse, il suono di Jasmine Infiniti si sta facendo strada a furia di tacchi e sprangate, e di questo passo chissà dove altro potrà arrivare in futuro.

(16/11/2020)



  • Tracklist
  1. BXTCH SLÄP
  2. NXT2U
  3. HOTT
  4. GHETTRO
  5. DOWNHILL
  6. DEMONHOLE
  7. YES, SIR
  8. SPOOKED
  9. BE READY
  10. WELL FAIR
  11. HEART
  12. HOWEVER
  13. SHONUFF (bonus track)


Jasmine Infiniti on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.