Louis Philippe

Unheard (Rarities, 1991-2009)

2020 (self released) | chamber-pop, songwriter

La musica di Louis Philippe è irresistibile come la Nutella. Una prelibatezza zuccherina che crea dipendenza e trascina corpo e anima nel mondo dei sogni; una cascata di melodie che rifugge il fascino temporale per abbracciare la filosofia della perfezione armonica, una musica pop che non accarezza le classifiche di vendite e la banalità del mainstream.
Il musicista francese è uno degli artisti di culto più geniali e atipici del panorama internazionale, membro degli Arcadians e dei Border Boys, autore di uno straordinario trittico discografico per la prestigiosa El Records di Mike Always, arrangiatore e produttore dal lungo curriculum (Clientele, Louise Le May, Big Big Train, tra gli altri), noto anche come cuoco e soprattutto come giornalista sportivo, purtroppo assente dal mercato discografico dal 2007 (“An Unknown Spring”).

Per i fan avidi delle gesta di Philippe questi ultimi anni hanno offerto pochi ma pregevoli momenti di gaudio, due collaborazioni con l’ex-Young Marble Giants Stuart Moxham (tra i quali il recente “The Devil Laughs”) e una con la band svedese dei Testbild, sotto il nome Ocean Tango.
Il 2020 è un anno ricco di novità per il musicista francese: oltre alla pubblicazione del disco con Stuart Moxham e a un nuovo album di prossima pubblicazione (“Thunderclouds”), frutto del contratto con la Tapete e inciso per la prima volta con il supporto di una band (The Night Mail), il musicista ha rilanciato la sua pagina Bandcamp pubblicando, purtroppo solo in digitale, una raccolta di rarità e curiosità incise tra il 1991 e il 2009 (si spera in un secondo capitolo).

“Unheard” offre una visuale molto interessante e stimolante della dimensione artistica del musicista, tracciando un percorso che include sia la sua passione per la musica brasiliana, rappresentata qui dall’omaggio a Jobim condiviso con Sean O’Hagan (“Só Danço Samba”) e dal raro estratto da uno show dei Cityboy (“Spiceboy”), sia le ambiziose e raffinatezze chamber-pop, queste abilmente esemplificate dagli abbondanti nove minuti di “Sleep”, un brano realizzato con Dean Broderick per l’album “Rainfall” e incluso solo in una ristampa.
Ulteriori spunti di interesse sono costituiti dall’ottimo arrangiamento del tema principale di un film di Alfred Hitchcock (“Marnie”) e dal prezioso inedito che chiude l’album, un brano originariamente concepito per “An Unknown Spring” e scartato dalle sessioni finali (“Valse de Mari”).

Sono ben venti brani, quelli inclusi in “Unheard”, ognuno meritevole di essere analizzato, ma oltre a quelli sopracitati, mi limito a segnalare una versione lo-fi con tanto di drum machine di un brano di John Lennon (“I’m Only Sleeping”), una versione acustica di “When Georgie Died” (un brano dell’album “Azure”) e una raffinata rielaborazione per piano e voce di “Ainsi Va Sa Vie” (l’originale è inclusa nell’album “Sunshine”), sottolineando che gran parte delle tracce sono comparse nei vari progetti tematici realizzati da etichette come El, Siesta e Trattoria, che hanno ospitato alcune delle pagine più estroverse e curiose del musicista francese.

Un delizioso insieme di appunti e stimoli musicali di alto livello, quello offerto da “Unheard”, o meglio: un succoso aperitivo da sorseggiare in attesa dell’imminente ritorno in scena con il nuovo album “Thunderclouds”.

(23/10/2020)



  • Tracklist
  1. A Kiss In The Funhouse 
  2. Bali Lied 
  3. Viens 
  4. Só Danço Samba 
  5. Spiceboy 
  6. Sleep (with Dean Brodrick)
  7. Xmas Sun
  8. I'm Only Sleeping 
  9. Little By Little 
  10. Eusebio 
  11. 'F' For Fake 
  12. Peter Pan 
  13. Marnie 
  14. Toytown Cocktail Jazz 
  15. When Georgie Died 
  16. Le Nom Aimé 
  17. Ainsi Va Sa Vie 
  18. Deauville 
  19. Lazy Thunderstorms 
  20. Valse De Mari
Stuart Moxham & Louis Philippe su OndaRock
Recensioni

STUART MOXHAM & LOUIS PHILIPPE

The Devil Laughs

(2020 - Tiny Global)
Un’esaltante apologia del songwriting naif per i due cavalieri oscuri del pop

LOUIS PHILIPPE

An Unknown Spring

(2007 - Wondergamma / First Press)
La malinconia e le sottili raffinatezze del cantautore francese

Louis Philippe on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.