Motorpsycho

The All Is One

2020 (Stickman)
psych-rock, progressive

“The All Is One” chiude la trilogia dei Motorpsycho iniziata nel 2017 con “The Tower” e continuata nel 2019 con “The Crucible”. La “Gullvåg Trilogy”, denominabile così per l’autore delle tre cover, Håkon Gullvåg, si chiude restando fedele ai due mondi da sempre padrini della band norvegese, il progressive e la psichedelia. I ricordi sabbathiani di “The Crucible” non ci sono più, ma ci troviamo in quel territorio al confine tra le favole dei Genesis e le cavalcate lisergiche dei maestri della psichedelia, dai Grateful Dead ai Pink Floyd.

Si chiude come era iniziata, con un grande operazione nostalgia del rock che fu, continuamento citato e omaggiato, in particolare nel brano-cardine dell’album, la monumentale suite “N.O.X.”, divisa in cinque parti per un totale di ben 42 minuti, che si candida senza remore a migliore suite dell’anno. Dall’inizio lisergico con canto psichedelico in stile Byrds, alle continue accelerazioni e decelerazioni tipicamente progressive, alla quarta parte floydiana fino al finale suonato a velocità estrema che riprende la melodia iniziale, con tanta fantasia e tanto mestiere, tutto è perfetto e non mostra cedimenti nonostante la lunghezza inusuale. Ispirato a dipinti, alchimia e tarocchi è per certi versi un tassello persino radicale della loro discografia, una summa e un punto di arrivo di una carriera trentennale.

Il resto impallidisce di fronte a tanta grandezza. Nonostante l’ottima qualità, la title track è fin troppo derivativa da Genesis e Yes, così come brani come “The Same Old Rock” fanno capire sin dal titolo il loro continuo citazionismo. Non mancano riferimenti psych-folk, dal più rigido folk-revival strumentale di “A Little Light” al formato ballad folk di “The Dowers”. Chiude “Like Chrome” con un riff di chitarra avvolgente e crimsoniano, perfetto momento finale dell’ennesima festa progressive a cui i Motorpsycho ci hanno gentilmente invitato.

21/09/2020

Tracklist

  1. The All Is One
  2. The Same Old Rock (One Must Imagine Sisyphus Happy)
  3. The Magpie
  4. Delusion (The Reign Of Humbug)
  5. N.O.X.
    • I Circles Around The Sun Pt 1
    • II Ouroboros
    • III Ascension (Strange Loop)
    • IV Night Of Pan
    • V Circles Around The Sun Pt 2
  6. A Little Light
  7. Dreams Of Fancy
  8. The Dowser
  9. Like Chrome

Motorpsycho sul web

Tutte le recensioni su OndaRock
MOTORPSYCHO
Yay!

Il disco più smaccatamente psych-folk mai realizzato dal prolifico trio norvegese

MOTORPSYCHO
Ancient Astronauts

L'essenza progressive-rock della band norvegese continua a espandersi con estrema efficacia

MOTORPSYCHO
Kingdom Of Oblivion

Ennesima conferma per i prolifici e instancabili norvegesi

MOTORPSYCHO
The Crucible

Un ritorno a buoni livelli per la storica band norvegese

MOTORPSYCHO
The Tower

Ritorno al disco doppio di jam rocciose per i tre norvegesi

MOTORPSYCHO
Here Be Monsters

Prosegue senza cedimenti l'enciclopedica saga psych-rock del trio norvegese

MOTORPSYCHO
Supersonic Scientists

Doppia retrospettiva per festeggiare il traguardo dei 25 anni di attività

MOTORPSYCHO
Behind The Sun

Ennesimo superbo lavoro per la band norvegese, al traguardo dei 25 anni di attività

MOTORPSYCHO
Still Life With Eggplant

Il ritorno verso territori hard-psichedelici per la band-istituzione norvegese

MOTORPSYCHO
The Death Defying Unicorn

Il trionfo symphonic-prog della storica formazione norvegese, tra fughe strumentali e radure chamber-jazz

MOTORPSYCHO
Heavy Metal Fruit

La band norvegese ritorna con un disco ancora più "pesante"

MOTORPSYCHO
Child Of The Future

Un lavoro pubblicato soltanto su vinile per festeggiare i vent'anni di attività della band norvegese

MOTORPSYCHO
Little Lucid Moments

Torna il gruppo norvegese, tra psichedelia pesante e avventurose jam

MOTORPSYCHO
Black Hole / Blank Canvas

La truppa motorpsichedelica si cimenta in un album doppio

MOTORPSYCHO & JAGA JAZZIST HORN
In The Fishtank

MOTORPSYCHO
It's A Love Cult