Travis

10 Songs

2020 (Red Telephone Box, BMG) | pop-rock, folk

Quattro anni di puro letargo sono troppi per una band amata come i Travis. Gli scozzesi tornano dunque con le attese di turno salite fin troppo in cima alla lista. Un rientro in carreggiata il cui titolo, "10 Songs", non è di certo tra i più originali, ma fornisce quantomeno la cifra di un approccio ancora una volta semplice, immediato, innanzitutto vivido. L'album contiene infatti dieci canzoni pop dolcissime, delicate come solo band del loro spessore riescono ancora oggi a proporre senza mai risultare eccessivamente stucchevoli. Si prenda ad esempio "The Only Thing", in duetto con la statunitense Susanna Hoffs, ballata romantica prevedibile in refrain fin dal primo istante, eppure suadente, suonata per tutto il tempo con garbo d'altri tempi; oppure l'introduttiva "Waving At The Window", con il suo giretto al piano commovente a sostenere il passo morbido, in un crescendo armonioso e mai invasivo. Nel ritornello sembra quasi di ascoltare un Chris Isaak stagionato al meglio.

Non solo tenerezza pop collaudata con l'estro dei campioni, "10 Songs" offre anche momenti diversi, come la marcetta pop-rock (alla Blur, per intenderci) di "Valentine". Sono canzoni che paiono provenire da un passato effettivamente lontano, parimenti vicino nella memoria degli amanti del miglior pop d'oltremanica. I cori angelici in apertura di "Butterflies" aggiungono poi quella luce necessaria per illuminare un immaginario folk al solito ammaliante.
Non poteva inoltre mancare il rimando ai beati tempi di un'infanzia felice, quindi irripetibile, che assume per l'occasione un rifugio figurato in cui trovare riparo nei giorni peggiori: "All Fall Down". Un brano, quest'ultimo, il cui videoclip con ripresa a volo d'uccello vede alla regia lo stesso Fran Healy, mentre l'ispirazione viene dallo "spirito di Tony Hart", l'amato presentatore televisivo britannico per bambini con il quale Healy ha affermato di essere cresciuto.

Il disco procede senza sbavature, tra ganci pop sempreverdi ed efficaci, come in "Kissing In The Wind", e ballate al piano di matrice sfacciatamente beatlesiana, con archi leggeri come colombe libere di volare nel cielo limpido (vedi "Nina's Song").
In "10 Songs", non ci sono vette da capogiro come ai tempi del magnifico "The Man Who", ma la bontà pop propria del gruppo di Glasgow è comunque garantita in ogni momento. Insomma, bentornati Travis.

(19/11/2020)

  • Tracklist
  1. Waving At The Window
  2. The Only Thing
  3. Valentine
  4. Butterflies
  5. A Million Hearts
  6. A Ghost
  7. All Fall Down
  8. Kissing In The Wind
  9. Nina's Song
  10. No Love Lost


Travis su OndaRock
Recensioni

TRAVIS

Everything At Once

(2016 - Red Telephone Box)
Trova nuova linfa l'istinto di autoconservazione di Healy e soci

TRAVIS

Where You Stand

(2013 - Red Telephone Box)
Il ritorno dopo cinque anni all'antica formula porta giovamento ai Travis

TRAVIS

Ode To J. Smith

(2008 - Red Telephone Box)
Un azzardo guitar-rock e un ritorno alle origini per il quartetto di Glasgow

TRAVIS

The Boy With No Name

(2007 - Sony / Indiependiente)
Il ritorno del quartetto scozzese tra sincerità e pressioni commerciali

News
Travis on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.