Chung Ha

Querencia

2021 (MNH / 88rising) | k-pop, dance-pop, latin-pop

Non solo i gruppi di punta, e altri progetti idol che hanno riscosso i favori del sempre più ampio pubblico internazionale (si vedano le LOONA e in misura minore le Dreamcatcher), anche i solisti stanno tentando di varcare i confini della Corea e farsi conoscere dal mondo, offrendo uno spaccato più ampio sull'universo k-pop e le sue molteplici diramazioni. Certo, con esempi quali BoA e Psy, il rischio di passare sotto traccia o trasformarsi in un one-hit wonder buono per una stagione può essere alto, ma i tempi sono drasticamente cambiati e il potenziale per fare bene sul medio-lungo termine può essere alto.

Fresca di contratto con la 88rising (casa di Joji e per un breve periodo di Lexie Liu), ballerina di prim'ordine e interprete versatile, Chung Ha è l'ultima a estendere le sue mire oltre le frontiere nazionali, e con un full-length quale “Querencia” è provvista di un eccellente biglietto da visita. Progetto collaborativo, di ampissimo respiro, con una struttura che richiama quella di un doppio vinile, il primo album della cantante di Seoul esibisce un'ambizione inconsueta per il filone, suddividendo i brani in quattro filoni tematici, per mood e tratti estetici, che esplorano e espandono il potenziale del k-pop sposando un approccio più universale, non per questo privo però di carattere. A conti fatti, già così è un successo.
 
Querencia, il luogo dove sentirsi al sicuro, riparati dalle aggressioni esterne: quello di Chung Ha assume quasi le fattezze di un lungo corridoio, con quattro porte attraverso cui accedere ad altrettante stanze, ciascuna a soffermarsi su un aspetto specifico, una particolare piega dell'anima della cantante. Nobile, selvaggia, misteriosa, piacente: a ognuna delle quattro stazioni viene dato un analogo spazio, e un'opportuna introduzione, a impostare dall'inizio il carattere del “lato”.
Il primo capitolo, dominato dalla lead track “Bicycle”, trap-pop dai sovratoni latini che sfrutta il tocco irriverente delle BLACKPINK ma con una scrittura e una produzione decisamente più accattivanti, ci mostra così il profilo incalzante e fiero della cantante, la sua attitudine no-nonsense e appassionata, che ben si riflette nel grintoso affresco elettro-chitarristico di “Flying On Faith” e nel tocco dancehall/funk di “Luce sicut stellae”, sbarazzina e rilassata al punto giusto.

Il terzo segmento, introdotto dal cappello decostruito di “Unknown” che richiama le strutture in disfacimento del primo Arca, sposta il baricentro sonoro tra la Giamaica e la Colombia e offre un saggio di spigliato latin-pop, con una parata di ospiti di prim'ordine. Dal ben popolare Changmo nella caldissima “Play” (appena increspata da prescindibili sovratoni Edm) allo svagato funky in scia digital-cumbia di “Lemon”, scritta da e interpretata assieme al geniaccio del r&b coreano Colde, per finire agli svagati steel-pan in scia reggaeton di “Demente” (in compagnia del lanciatissimo Guaynaa), con Chung Ha ad abbozzare anche dei convincenti versi in spagnolo, la sezione si sposta in lungo e in largo per i continenti, e paga pegno alla versatilità di una voce che qui trova pieno sostegno al suo talento espressivo.
 
Laddove il quarto segmento, già anticipato da una “별하랑” che effettivamente rappresenta uno dei due momenti deboli dell'intero progetto, si prodiga in ballate e midtempo di varia natura (“X”, con i suoi riferimenti sixties e le sue venature soul, si avvale della firma degli eroi dell'indie made in Korea Black Skirts, “All Night Long” con le sue effusive venature retrò reca chiaro il marchio di Yerin Baek), è con il secondo lato che l'album estrae dal cappello le sue trovate più accattivanti, i momenti da custodire. “Dream Of You”, passo funk e ritornello sincopato, non può non richiamare alla memoria “Break My Heart” di Dua Lipa, rispetto però alla hit dell'inglese il brano di Chung Ha spinge ulteriormente sul lato danzereccio e sulla lucidità dei synth, che fungono quasi da raccordo col tripudio nu-garage di “짜증 나게 만들어”, brano sviluppato dalla maestra del synth coreano Sumin, articolato su un'inesorabile progressione canora e un esplosivo tocco melodico.

Su tutte svetta però il più luminoso anthem k-pop dell'ultimo triennio, quella “Stay Tonight” che ha dato nuova propulsione all'intera future-house, che è riuscita a sfruttare la tecnica del climax per spegnerla nel più magmatico dei ritornelli, tutta bassi vulcanici e fraseggi spezzati, puro vogue futuristico. Se anche la parte restante dell'album fosse stata mediocre o peggio, una canzone di tale livello sarebbe stata capace di salvarlo in corner.
 
Sedici brani, 5 interludi, un'ora di durata: riuscire a portare a termine l'obiettivo con giusto un paio di riempitivi, in uno scenario che invece premia la sintesi più estrema, è una rarità. Centrarlo con un organico da grandi occasioni, adattato di volta in volta alle esigenze dei singoli brani, è proprio un unicum. Duttile ma mai arrendevole, la voce (e in sparute occasioni la penna) di Chung Ha si impone su un progetto così espanso, offrendo il più ampio spaccato possibile delle sue notevoli doti espressive. Se il suo nome comincerà a fare i giri nei circuiti internazionali che contano, qui vi avevamo avvertito....

(04/03/2021)

  • Tracklist
  1. Side A {Noble}
  2. Bicycle
  3. Masquerade
  4. Flying On Faith
  5. Luce sicut stellae
  6. Side B {Savage}
  7. Stay Tonight
  8. Dream Of You (with R3HAB)
  9. 짜증 나게 만들어 
  10. Chill해 
  11. Side C {Unknown}
  12. Play (ft. Changmo)
  13. Demente (ft. Guaynaa)
  14. Lemon (ft. Colde)
  15. 별하랑 (160504 + 170607)
  16. Side {Pleasures}
  17. X (걸어온 길에 꽃밭 따윈 없었죠)
  18. All Night Long
  19. 솔직히 지친다 
  20. Comes n Goes
  21. Querencia (Epilogue)






Chung Ha on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.