Field Music

Flat White Moon

2021 (Pias/Memphis Industries) | art-pop-rock, prog-pop

Fermi tutti! I fratelli Brewis non si sono fatti sopraffare dall’isolamento causato dal Covid e sono pronti a lanciare l’ennesima sfida creativa.
Da sempre in tour con set spartani, nonché ineffabili autori di un artigianato musicale che si nutre di dettagli e non di spirito da jam session, con il nuovo album “Flat White Moon” i Field Music cesellano l’affresco pop per eccellenza dell’era pandemica.
I quattro minuti e quaranta secondi del video di “No Pressure”, sono la chiave di lettura per comprendere fino in fondo l’originalità e la forte personalità della band, una lezione di composizione pop, che non solo non tace le influenze mai nascoste (Beatles, Xtc, Free, Cockney Rebel), ma addirittura svela trucchi e facezie dell’art-pop degli ultimi 30 anni, attraverso un video e una canzone oltremodo irresistibili.

Ben dodici brani per l’album più essenziale e diretto della band di Sunderland. A voler giocare con le citazioni, “Flat White Moon” è il loro “Rumours”, un graffiante “Black Sea”, un ribelle “Pretzel Logic”, un equamente bizzarro “How Dare You”, un modesto “Revolver”, un poco probabile “Kiss Me, Kiss Me, Kiss Me” e, perché no, un potenziale “More Songs About Buildings And Food”.
L’attitudine funky alla Prince è in verità l’elemento catalizzatore di un disco che rimette le quotazioni della band al vertice della scena pop contemporanea. Anche la nostalgia agita le acque, senza che il gruppo ne resti mai vittima, anzi padroneggiandola con rinnovata ironia e sarcasmo: quanti sarebbero in grado di cantare "Possiamo sparare alla merda" su un tempo prog-pop alla Gentle Giant era “The Power And The Glory”, nell’apparentemente romantica “Not When You're In Love“.

Il gioco del citazionismo non è mai stato così brillante e piacevolmente esplicito come in “Flat White Moon”, ad esempio. Il pop sinfonico di “When You Last Heard From Linda” sembrerebbe al primo ascolto un patchwork alla Beatles era “Strawberry Fields Forever” per poi palesare un mood Xtc al ralenti.
Il microcosmo/macrocosmo dei Field Music si nutre di riff, refrain e brevi hook che sono parte della storia del rock, al pari delle scorribande di Partridge e compagni sotto le mentite spoglie dei Duchi della stratosfera, mescolano sacro e profano: Yes e Stevie Wonder in “In This City”, la psichedelia dei Beatles con la scintillante magia dei Field Music (oops) in “Orion From The Street”, o le idiosincrasie di Lindsey Buckingham con i coretti degli Sparks in “Do Me A Favour”.
Imprevisti in chiave blues/garage-rock (“Meant To Be”), citazioni baroque-pop in chiave beat (“Invisible Days”), un riff Aor privo di pudore e pathos (“Out Of The Frame”), e carnalità funky alla Prince (“And You Get Better”) sono solo altre forme geometriche di un universo pop che rinunciando ad abbellimenti e trucchi provocherà senz’altro qualche dissenso da parte della critica più chic.

Non importa, i Field Music sanno divertire e divertirsi con le sette note, come novelli Todd Rundgren mettono in fila una personale raccolta di feticci sonori, ben consapevoli che anche se tutto è stato già inventato, c’è ancora spazio per buon gusto e arte del dettaglio, una qualità che rende la band dei fratelli Brewis unica e sconvolgente.

(02/05/2021)

  • Tracklist
  1. Orion From The Street
  2. Do Me A Favour
  3. Not When You're In Love
  4. Out Of The Frame
  5. When You Last Heard From Linda
  6. No Pressure
  7. In This City
  8. I'm The One Who Wants To Be With You
  9. Meant To Be
  10. Invisible Days
  11. The Curtained Room
  12. And You Get Better






Field Music su OndaRock
Recensioni

FIELD MUSIC

Making A New World

(2020 - Memphis Industries)
Un ambizioso concept-album sulla prima guerra mondiale per i fratelli Brewis

FIELD MUSIC

Open Here

(2018 - Memphis Industries)
L’evoluzione definitiva dei fratelli Brewis verso un moderno e fantasioso pop-prog

FIELD MUSIC

Commontime

(2016 - Memphis Industries)
I fratelli Brewis sulle orme dei fratelli Shulman

FIELD MUSIC

Plumb

(2012 - Memphis Industries)
Il quarto album dei fratelli Brewis, in bilico tra l'omaggio al pił classico prog e la ricreazione di ..

FIELD MUSIC

Play

(2012 - Memphis Industries)
Un cover album che diventa un esercizio di riscrittura pop

FIELD MUSIC

Field Music (Measure)

(2010 - Memphis Industries)
L'atteso ritorno della band dei fratelli Brewis e del loro raffinato prog-pop

FIELD MUSIC

Write Your Own History

(2006 - Memphis Industries)
La prima raccolta dei Field Music ad un solo anno dall'esordio

FIELD MUSIC

Field Music

(2005 - Memphis Industries)

News
Field Music on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.