Rock in Onda

Adult Oriented Rock

Non una puntata per giovani

di Claudio Fabretti
L'Adult Oriented rock è al centro della nuova puntata di Rock in Onda, il programma condotto da Claudio Fabretti tutti i mercoledì dalle 12 alle 14 sulle web-frequenze di Radio Città Aperta (www.radiocittaperta.it).
Amato e bistrattato al contempo, l'Adult Oriented rock è uno dei fenomeni più curiosi della storia del rock, un "non genere" in cui convivono tanti filoni, da quello di matrice prog e hard rock a quello da pop-rock da Fm americano. Un rock "per adulti" che però spesso ha conquistato anche i più giovani, attraverso band come Styx, Journey, Foreigner, Rush, Yes, Asia, Boston, Toto, Steely Dan, Steve Miller Band, Sweet, Electric Light Orchestra, Supertramp e tante altre. Ascolta online.

Ascolta o scarica gratuitamente il podcast:


Adult Oriented Rock

Scintillanti chitarre hard rock, sensibilità pop e cori in quantità, con lo studio di registrazione che torna a farla da padrone. Sono alcune delle caratteristiche dell'Adult Oriented Rock, "non-genere" di grande successo nei decenni 70 e 80, in cui confluirono tanti filoni, da quello di matrice prog e hard rock a quello da pop-rock da Fm americano, dall'arena rock al soft rock fino addirittura allo "yacht rock". Un sound "per adulti" che però spesso ha conquistato anche i più giovani, attraverso band come Styx, Journey, Foreigner, Rush, Yes, Asia, Boston, Heart, Kansas, Toto, Steely Dan, Electric Light Orchestra, Supertramp e tante altre. Ma anche un filone tra i più invisi alla critica pseudo-alternativa che ha spesso dettato legge in ambito rock. Fin dalla sua origine. Proprio mentre il punk si accingeva a incendiare entrambe le sponde dell’Atlantico, mettendo al rogo più o meno consapevolmente un’intera stagione musicale, i paladini dell'Aor tentarono infatti una disperata respirazione bocca a bocca all’agonizzante rock classico – e perfino prog – dell’epoca. Al miracolo della resurrezione credette soprattutto il pubblico, correndo in massa ad acquistare i loro dischi e gremendo le arene dei loro concerti, mentre la critica, disillusa dal cinismo nichilista del punk, si rifiutò per lungo tempo di accettarne finanche l’eventualità. È rock fuori tempo massimo, rock per vecchi, sentenziò. E come tale venne anche spregiativamente appellato: Adult Oriented Rock, per l'appunto.
In realtà, volendo prendere per buona una definizione ingannevole per sua natura, Aor si può intendere un tipo di rock adulto, perché pur conservando la strumentazione e i suoni classici del rock non ne possiede alcuna carica trasgressiva, o in qualche modo "fastidiosa" per l'ascoltatore, dove per quest'ultimo si intende un tipo di età magari intorno ai 30 in su, cresciuto col rock ma che ormai conduce una vita integrata, tranquilla e priva dell'irrequietezza tipica di chi è giovane. Un tipo di musica che poteva quindi soddisfare l'amante del rock ma senza sconvolgerlo. Il lavoro di produzione divenne determinante, in quanto doveva mirare a togliere appunto qualsiasi carica eversiva e disturbante al suono, e renderlo accattivante, moderno ma classico allo stesso tempo.
Ma, andando oltre le etichette, si deve riconoscere la piena dignità di una corrente importante per la musica rock, che studiò nuove tecniche di registrazione divenute poi emblematiche durante gli anni 80 (ad esempio, le stratificazioni vocali tipiche delle produzioni di Mutt Lange hanno qui la loro radice) e piazzò brani dalle strutture inusuali per un’ultima volta nelle orecchie del grande pubblico. E il fatto che la critica istituzionalizzata non le abbia ancora riconosciuto alcun merito non è che l’ennesima dimostrazione della sua miopia.



Vi ricordiamo di iscrivervi alla pagina Facebook di Rock in Onda, presso la quale potrete sempre trovare i podcast da scaricare, più le scalette integrali e tutte le news relative alla trasmissione.
Inviateci pure commenti, suggerimenti e proposte per le prossime puntate, su Facebook e all'indirizzo mail: rockinonda@ondarock.it Sarà un piacere costruire le scalette anche grazie al vostro contributo.

rockinonda_home2_01

Playlist
Scaletta del programma
 
  1. Boston – More Than A Feeling
  2. Boston – Amanda
  3. Styx – Come Sail Away
  4. Kansas – Dust In The Wind
  5. Rush – The Spirit Of Radio
  6. Yes - Owner Of A Lonely Heart
  7. Asia – Heat Of The Moment
  8. Foreigner – Urgent
  9. Foreigner - That Was Yesterday
  10. Journey – Don’t Stop Believin’
  11. Steely Dan – Kid Charlemagne
  12. Toto – Africa
  13. Heart - Barracuda
  14. Pat Benatar – Shadows Of The Night
  15. Tom Petty & The Heartbreakers – You Got Lucky
  16. Steve Miller Band – Abracadabra
  17. The Cars – Just What I Needed
  18. Cheap Trick – Dream Police
  19. REO Speedwagon – Take It On The Run
  20. Bryan Adams – Summer Of '69
  21. Scorpions – Still Loving You
  22. Status Quo – In The Army Now
  23. Sweet – Love Is Like Oxygen
  24. Electric Light Orchestra – Confusion
  25. Supertramp - Child Of Vision


Base strumentale: Foreigner – Tramontane

 

Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.