Stereolab

Electrically Possessed (Switched On Volume 4)

2021 (‎Duophonic) | alt-pop

Una raccolta di inediti, di versioni alternative e di brani tratti da vari Ep e singoli, per un qualsiasi musicista è spesso un semplice artificio per coprire un vuoto discografico, mentre per gli Stereolab questo assioma non è mai stato valido, al punto che le varie raccolte denominate “Switched On” hanno rappresentato una ghiotta occasione per i fan per ottenere su un sol supporto vinilico, o su compact disc, una serie di piccole perle disperse in meandri non del tutto ordinari. A supporto delle recenti ristampe su vinile della discografia dell’ormai disciolta band franco-britannica, la Duophonic ha aggiunto un quarto capitolo alla serie Switched On, “Electrically Possessed”, che se da un lato completa la discografia mettendo insieme gli ultimi residui, dal'altro offre anche un interessante spunto critico sulla qualità della musica degli Stereolab, oltretutto sottolineandone ulteriori sfumature grazie all'ottimo lavoro di rimasterizzazione.

Le venticinque tracce, o meglio i quasi 105 minuti di questa compilation, sottolineano l’eccellenza della produzione discografica del gruppo, partendo proprio da uno degli episodi meno amati da pubblico e critica, ovvero l’Ep “The First Of The Microbe Hunters“, progetto che ha fatto da trait d'union tra le più esplicite influenze kraut e jazz di “Cobra And Phases Group Play Voltage In The Milky Night” (riproposte con leggerezza in “Barock-Plastic”) è quelle più sofficemente esotic-pop di “Sound Dust” (“Nomus Et Phusis” e la melodia adagiata su un tappeto di marimba di “Outer Bongolia”), lasciando in eredità una delle canzoni più istintive e geniali del gruppo (“Household Names”).

Per il resto, “Electrically Possessed, Switched On Volume 4” pesca nella gran quantità di singoli pubblicati in edizioni limitata tra il 1998 e il 2008, più un inedito assoluto registrato durante le session di “Dots And Loops”: una splendida incompiuta dai toni sperimentali (“Pandora's Box Of Worms ”) che stimola domande sulle potenzialità dei Stereolab in ambito avantgarde, che purtroppo non avranno mai risposta.
Più che porsi interrogativi è meglio trastullarsi con le fluttuanti melodie di “L'exotisme Intérieur” e “Explosante Fixe” (brani presenti su un 7”del 2008), con le interferenze elettronico/sperimentali della rarissima e incantevole “B.U.A.” o dell’ambizioso singolo in chiave Idm “Solar Throw-Away (Original Version)”. 

Difficile tenere fuori dalla vostra collezione un disco come “Electrically Possessed, Switched On Volume 4”, chiunque abbia praticato il mondo degli Stereolab è consapevole che negli anfratti meno noti sono nascoste tante piccole perle.
“The Super-It”, l’eccellente digressione dance di “Dimension M2”, il brio old-jazz di “Free Witch And No Bra Queen”, l’omaggio a Robert Moog, “Variation One”, e la travolgente e sensuale collaborazione con Brigitte Fontaine in stile Serge Gainsbourg (“Calimero”) sono pezzi di un puzzle che altrimenti rischia di restare incompleto.

Che la miscela di kraut-rock, pop francese, tropicalia, elettronica, lounge-music e new wave degli Stereolab non avesse eguali era cosa nota, ma che riascoltare l’ennesima raccolta di singoli ed Ep risvegliasse una così intensa nostalgia per la fine della storia della band non era previsto, un segno della grandezza di Gane, Sadier e soci o forse della mediocrità che ha fatto seguito alla loro scissione.

(16/07/2021)

  • Tracklist
  1. Outer Bongolia 
  2. Intervals
  3. Barock-Plastic
  4. Nomus Et Phusis
  5. I Feel The Air (Of Another Planet)
  6. Household Names
  7. Retrograde Mirror Fom
  8. Solar Throw-Away (Original Version)
  9. Pandora's Box Of Worms 
  10. L'exotisme Intérieur
  11. The Super-It
  12. Jump Drive Shut-Out
  13. Explosante Fixe
  14. Fried Monkey Eggs (Instrumental Version)
  15. Monkey Jelly
  16. B.U.A.
  17. Free Witch And No Bra Queen
  18. Heavy Denim Loop Pt 2
  19. Variation One
  20. Monkey Jelly (Beats)
  21. Dimension M2
  22. Solar Throw-Away
  23. Calimero  
  24. Fried Monkey Eggs (Vocal)
  25. Speck Voice




Stereolab su OndaRock
Recensioni

STEREOLAB

Not Music

(2010 - Duophonic / Drag City)
Un opaco arrivederci - o forse un addio - dopo vent'anni di tastiere vintage e filastrocche contagiose ..

STEREOLAB

Chemical Chords

(2008 - 4AD)
Un nuovo ritorno per la matura coppia Gane-Sadier, sempre fedele a se stessa

STEREOLAB

Fab Four Suture

(2006 - Too Pure)

STEREOLAB

Margerine Eclipse

(2004 - Elektra)

STEREOLAB

Sound-dust

(2001 - Elektra)

STEREOLAB

Transient-Random Noise Bursts With Announcements

(1993 - Elektra)
Il capolavoro della band che nel decennio 90 ha coniato un nuovo stile di "pop retrofuturista"

News
Speciali

Stereolab on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.