The Cool Greenhouse

Sod's Toastie

2022 (Melodic) | post-punk, spoken word

L’ascesa dei londinesi The Cool Greenhouse ebbe inizio grazie all’eccellente omonimo debutto del 2020, un mix basato su ripetitivi schemi post-punk à-la Fall, conditi dai geniali e surreali testi ideati dal frontman Tom Greenhouse. Un prodotto che regalò una corroborante boccata d'aria fresca, inserita in un filone musicale che negli ultimi anni sta presentando un’ampia offerta, oltre a ottenere importanti consensi.
Con il sophomore “Sod’s Toastie”, Tom Greenhouse e la sua intrepida banda di esploratori sonori compiono un balzo decisivo, presentando un prodotto che conserva intatte le peculiari caratteristiche gustate nell’esordio, fissate ora su target di produzione molto più maturi, prevedendo una gamma ancor più ampia di soggetti lirici e tentando qualche astuto ammiccamento agli standard pop, come dimostrato nell’ottima “Get Unjaded” e nel jangle-pop di “I Lost My Head”, episodio, quest’ultimo, dove Greenhouse abbandona per la prima volta il suo classico spoken word.

 

Le stravaganti osservazioni e gli aneddoti bizzarri di Tom restano ovviamente in primo piano nel raccontare vicende e visioni sempre più brillanti, gioendo del potere dell'impassibile battuta e impreziosendo le sue canzoni con minuziosi riferimenti culturali, ma questa volta la band aumenta il proprio raggio d’azione esibendo un suono più gagliardo, che tiene il passo con lo stile lirico del tutto distintivo: dagli inserti synth, alle pugnalate di chitarra esultanti e ripetitive, a dire il vero un loro indelebile marchio di fabbrica, ai flirt con melodia, accordi in progressione e arrangiamenti che elevano il progetto in un insieme più eccitante, collaudato e coeso.
L’opener "Musicians" è l'incarnazione perfetta di questo consapevole sviluppo. Qui Greenhouse racconta con sarcasmo una storia fondata su mezze verità che lo vedono vagare con galanteria per la città cercando di mettere insieme una band. Dal punto di vista sonoro, s’intravvede un caustico richiamo al materiale presente nel primo Ep del gruppo, "Crap Cardboard Pet", e alla sua estetica über-minimalista. Alla fine del brano, si aggiunge al mix un gioioso festival di strumenti ispirati all'afrobeat, tra cui fischietti samba, bonghi e sassofoni, poiché il protagonista, nella storia declinata con spiccata ironia, fallisce miseramente la sua missione di reclutamento, rifiutato persino dal suo parrucchiere, anch’egli sottoposto al tentativo d’ingaggio.

La mente di Tom Greenhouse continua a viaggiare lontano. Con un attacco alla “My Generation” e un percorso che riporta alla memoria i Blur di “Parklife”, la title track espone una serie di semplici vicissitudini di vita quotidiana, tutte conclusesi alla rovescia, mentre nella straordinaria “The UFOs” è delineato lo stile di vita isolazionista del misterioso Blinkus Booth, sorprendentemente interrotto da improbabili visitatori extraterrestri.
In “The Neoprene Ravine”, uno sbarazzino coacervo di strumenti si accalca su una storia che descrive le gesta di una band denominata proprio come il titolo del pezzo, l’assurdo equivalente alieno dei Velvet Underground, che, nemmeno a dirlo, comprendono in line-up tal Rou Leed e Cohn Jale.
Nel frattempo, "Hard Rock Potato” è sospinta da un vortice di sintetizzatori, una vera gemma noise-pop composta da inediti accordi di chitarra rock oriented, che accompagnano le sinistre dinamiche dell’industria finanziaria, e comprendente una delle numerose battute di alto livello presenti in scaletta, forse la migliore: "It’s Not Gambling If You’re Wearing A Tie (Even If You’ve Got No Trousers On)”.

 

In "Sod's Toastie" i Cool Greenhouse hanno spinto le loro tipiche fragranze post-punk quasi al punto massimo: i loro riff incongrui, l’alchimia strumentale, il sagace ed esilarante spoken word non denotano alcun segno di debolezza, per un lavoro che piazza un carico pesantissimo alla briscola lanciata due anni fa.

(17/11/2022)

  • Tracklist
  1. Musicians
  2. Sod's Toastie
  3. The UFOs
  4. Get Unjaded
  5. I Lost My Head
  6. The Next Stage Of Destiny
  7. Hard Rock Potato
  8. Get Deluded
  9. Y.O.L.H.
  10. The Neoprene Ravine




The Cool Greenhouse su OndaRock
Recensioni

THE COOL GREENHOUSE

The Cool Greenhouse

(2020 - Melodic)
L'esordio dei londinesi è un miscuglio ben riuscito di post-punk e irresistibili liriche in spoken ..

The Cool Greenhouse sul web