Dowling Poole

Refuse

2022 (369 music inc) | alt-pop

Per Willie Dowling e Jon Poole (Cardiacs), “Refuse” è l’occasione per proporre in formato fisico una serie di singoli, B-side e bonus track pubblicati solo in formato digitale, più due inediti.
I due musicisti avevano progettato da tempo un disco che desse organicità a canzoni sparse o tenute fuori dai loro tre album, brani registrati in un lungo arco di tempo, dieci anni, resi omogenei da un sapiente lavoro di remix. Undici tracce che rimarcano le assonanze con il pop sbilenco degli Xtc (“Optimum Delirium”), la magniloquenza armonica degli Electric Light Orchestra (“Miles Checks Out”), le assonanze prog-rock alla Porcupine Tree (“White Light”) e le pulsioni power-pop stile Jellyfish (“The Straw Man”).

Corredato da una serie di note sulla genesi di alcune tracce scritte dei due autori, “Refuse” supera brillantemente il confine di raccolta di singoli: un set di spunti pop oltremodo bizzarri e dilettevoli, al quale fanno da sfondo una galleria di personaggi spesso relegati ai margini della società. L’album alterna armonie Beatles-iane (“Fuck You Goodbye”) a esternazioni disco-wave alla Sparks (“Bricks From The Wall”) e cita la genialità degli arrangiamenti vocali dei 10cc (“Deep Breath”), restando fedele a un tono scanzonato e pungente.

Che “Refuse” sia ricco di richiami ed echi non è un mistero, ma la solida e personale scrittura dona una sufficiente autonomia creativa. Poco importa se un brano come “The Same Mistake Again” sembri uscire dalle session di “Skylarking” o “Bright Spark” citi Elvis Costello: quello che i Dowling Poole si prefiggono è poter rischiarare la staticità della musica pop.
Degni di nota i due inediti, ovvero la ballata piano-pop “Push Repeat” e la leggermente amara e malinconica “The Hand Moved”, che svelano ulteriormente l’animo pop del duo, sottolineandone quella genialità che Willie Dowling e Jon Poole hanno dispensato nella loro produzione discografica. Un disco amabilmente frivolo, che promette scintille ulteriori per il futuro.

(15/01/2023)

  • Tracklist
  1. The Straw Man
  2. White Light
  3. Fuck You Goodbye
  4. The Same Mistake Again
  5. Miles Checks Out
  6. Bright Spark
  7. Deep Breath
  8. Bricks From The Wall
  9. Optimum Delirium
  10. Push Repeat
  11. The Hand Moved


Dowling Poole su OndaRock
Recensioni

DOWLING POOLE

See You See Me

(2020 - Self Released)
Una virata verso il pop obliquo alla Xtc per i due musicisti inglesi

DOWLING POOLE

Bleak Strategies

(2014 - 369 Music)
La consacrazione dei canoni del pop-rock inglese in un album destinato a un gioioso culto

Dowling Poole sul web