NewDad

Madra

2024 (A Fair Youth)
goth-gaze, alt-pop

Originari di Galway, Irlanda, i NewDad sono un quartetto caratterizzato in maniera forte dalla voce eterea di Julie Dawson, decisamente vicina allo stile di Hope Sandoval. Rispetto a molte formazioni connazionali uscite dal circondario dublinese negli ultimi anni, i NewDad non cercano la ruvidezza post-punk dei Fall, ma lavorano in prospettiva gothic-gaze, definendo il suono delle chitarre in un’ottica indirizzata verso il suono di Cure e Slowdive. Proprio la band di Rachel Goswell appariva come il principale riferimento nelle loro primissime incisioni, quelle contenute nell’Ep Waves” del 2021, al quale fece seguito l’anno successivo “Banshee”, che già mostrava l’intenzione di ampliare gli orizzonti stilistici. Intenzione confermata dalle canzoni che compongono il primo album, “Madra”, traducibile in italiano con il termine “cane”.

Utilizzando la medesima sensibilità melodica dei Beach House, i NewDad ampliano il proprio ventaglio sonoro inglobando sia un lato guitar-pop (“Nightmares”), sia la vulnerabilità espressa in tracce morbide e avvolgenti come “Nosebleed” e “White Ribbons”. Ma le nuove fonti d’ispirazione arrivano soprattutto rovistando nei vecchi bauli dell’indie-pop al femminile e del post-grunge di matrice nineties: ecco quindi una “Sickly Sweet” che spia dal taccuino degli appunti dei Garbage e una “Let Go” dove nel ritornello sono i distorsori a prendersi con forza il centro della scena.

Poi ci sono brani come “In My Head” e la title track, capaci di decodificare l’obiettivo di mediare le diverse anime che la band intende esternare. Le direzioni sono molteplici ma i quattro irlandesi non riescono per il momento a trovarne una davvero personale. Raffinati ma un filino ripetitivi, i NewDad finiscono così per assomigliare a tanti senza mai riuscire a esprimere veramente sé stessi. “Madra” si impone comunque come l’ennesima conferma proveniente da una scena musicale sempre florida, densa di motivi d’interesse: dopo quello degli Sprints, nell’arco temporale che abbraccia le prime settimane del 2024, ecco un altro esordio irlandese degno di attenzione.

22/02/2024

Tracklist

  1. Angel
  2. Sickly Sweet
  3. Where I Go
  4. Change My Mind
  5. In My Head
  6. Nosebleed
  7. Let Go
  8. Dream Of Me
  9. Nightmares
  10. White Ribbons
  11. Madra