Rock in Onda

Aussie rock

Vibrazioni rock dall'emisfero australe

di Claudio Fabretti
C'era una volta in Australia. Un viaggio tra le vibrazioni rock dell'emisfero australe nella nuova puntata di Rock in Onda, il programma condotto da Claudio Fabretti tutti i mercoledì dalle 12 alle 14 sulle web-frequenze di Radio Città Aperta (www.radiocittaperta.it).
Dall'hard-rock dei maestri Ac/Dc alla nidiata punk di Saints, The Celibate Rifles, Radio Birdman, Died Pretty e Birthday Party, dal pop creativo di Hoodoo Gurus, Church, Cardinal e Go-Betweens al gothic-blues di Nick Cave e Crime & The City Solution, dal post-rock dei Dirty Three alla neopsichedelia dei Tame Impala: una panoramica sull'Aussie rock in 24 brani.

Ascolta o scarica gratuitamente il podcast:


Aussie rock - Vibrazioni rock dall'Australia

Lontana geograficamente, ma assai meno culturalmente, dai due grandi avamposti del rock mondiale (Usa e Uk), l'Australia ha sempre espresso una moltitudine di artisti e gruppi originali, spesso pionieri di interi generi. Come ad esempio nel caso dei maestri Ac/Dc in ambito hard-rock, dei folgoranti Dirty Three in territorio post-rock o dell'ineffabile Foetus nella galassia industrial. Ma anche nel rigoglioso campo del punk dall'emisfero australe sono giunte band di tutto rispetto, come Saints, The Celibate Rifles, Radio Birdman, Died Pretty e Birthday Party, primo gruppo di successo del bardo di Melbourne, Nick Cave, a sua volta nume tutelare del gothic-blues dei Crime & The City Solution. Le cantine rock delle sterminate terre d'Oceania hanno fruttato progetti indie spiazzanti e creativi, come Beasts Of Bourbon, Cosmic Psychos, Lubricated Goat e, più di recente, Devastations. Ma dall'Australia è arrivato anche un significativo apporto al pop-rock internazionale, con formazioni raffinate come Hoodoo Gurus, Church, Cardinal e Go-Betweens, nonché con veri fenomeni mainstream come Inxs e - per un breve lasso di tempo - Midnight Oil e Men At Work. E anche oggi da Sydney e dintorni fioccano rivelazioni sorprendenti, come ad esempio King Gizzard & The Lizard Wizard e Tame Impala, istituzioni della neopsichedelia, tra stramberie freak e solide hit.
A unire realtà così disparate, spesso, oltre alla provenienza geografica, un comune sentire, uno spirito indomito e selvaggio, ereditato dalle asprezze dello sconfinato paesaggio australiano.


Vi ricordiamo di iscrivervi alla pagina Facebook di Rock in Onda, presso la quale potrete sempre trovare i podcast da scaricare, più le scalette integrali e tutte le news relative alla trasmissione.
Inviateci pure commenti, suggerimenti e proposte per le prossime puntate, su Facebook e all'indirizzo mail: rockinonda@ondarock.it Sarà un piacere costruire le scalette anche grazie al vostro contributo.

Rock in Onda


 



Playlist
Scaletta del programma
 
  1. Ac/Dc – Hells Bells
  2. The Saints – Stranded
  3. Radio Birdman – New Race
  4. The Celibate Rifles – No Sign
  5. Midnight Oil – Beds Are Burning
  6. Men At Work – It’s A Mistake
  7. Inxs – Mystify
  8. Hoodoo Gurus – I Want You Back
  9. The Church – Under The Milky Way
  10. Dead Can Dance – Avatar 
  11. Birthday Party – Nick The Stripper
  12. Nick Cave & The Bad Seeds – Do You Love Me?
  13. Crime & The City Solution – Six Bells Chime
  14. Beasts Of Bourbon - Drop Out
  15. Go-Betweens – Streets Of Your Town
  16. Cosmic Psychos – Decadence
  17. Died Pretty – Blue Sky Day
  18. Cardinal – Big Mink
  19. Lubricated Goat – Jason The Unpopular
  20. Foetus – The Throne Of Agony
  21. Dirty Three – Some Summers They Drop Like Flies
  22. Devastations – The Night I Couldn’t Stop Crying
  23. King Gizzard & The Lizard Wizard - I Am Not A Man Unless I Have A Woman
  24. Tame Impala – Elephant


Base strumentale: Dirty Three – Sirena




Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.