Scisma

Visioni rock in chiaroscuro

di Marco Delsoldato e Claudio Lancia

Ritratto della band italiana, protagonista di raffinate sperimentazioni all'insegna di un sound acido e malinconico, duro ed emozionante. Dal debutto del 1994 allo scioglimento, che ha portato il leader, Paolo Benvegnù, a intraprendere una carriera solista, fino alla reunion avvenuta nel 2015
L'obiettivo degli Scisma? Emozionare chi li ascolta. Parola di Paolo Benvegnù, chitarrista e fondatore di un gruppo che in pochi anni ha cambiato decisamente strada, essendo nato nel 1993 per "ricercare una nuova forma d'espressione all'interno di una scena musicale un po' troppo rock-oriented". Infatti, la band inizialmente, oltre ai componenti "storici", Giorgia Poli al basso, Michela Manfroi alle tastiere, Diego de Marco alla chitarra e Danilo Gallo alla batteria (oltre a Benvegnù allora anche prima voce), ha al suo interno tre attori: Max Ilian Zelig, Manuela Minelli ed Elena Massidda.La sperimentazione è la scelta, proseguita anche dopo l'ingresso nella formazione della cantante Sara Mazo, che raggiunge il suo culmine nell'album autoprodotto Pezzettini di carta.

Nel 1995 la componente teatrale abbandona il gruppo: gli Scisma scelgono definitivamente la strada musicale, caratterizzata da un magnetismo e da un impatto sonoro fuori dal comune. Viene autoprodotto l'album Bombardano Cortina, un disco acido e duro, anche se già si intravedono le basi di un sound raffinato e colto che caratterizzerà i futuri lavori del gruppo. In un brano come "Umanità sconsolante" si nota persino qualche legame col noise dei Marlene Kuntz, ma i pezzi migliori sono "Amore vuoto espande" e "Scivolando", dove il suono sognante ma "violento" della band viene esaltato dalla voce di Sara Mazo, fascinosa e intrigante.

Il 1996 è l'anno della svolta: lo straordinario successo riscosso ad "Arezzo Wave" e a "Rock Targato Italia" offre alla band la possibilità di registrare l'album Rosemary Plexiglas,uscito l'anno successivo per la Emi. Il disco, prodotto da Manuel Agnelli degli Afterhours, mette in luce l'enorme potenziale degli Scisma: la voce di Sara testimonia sempre di più la sua eterea bellezza, Benvegnù, ormai seconda voce, diffonde con la sua chitarra visioni oniriche bagnate da sfumature sonore che si alternano ai differenti colori dipinti da quella di Diego De Marco, la batteria di Danilo Gallo è potente e compatta, le note che escono dalla tastiera di Michela donano sogni e Giorgia Poli si dimostra un'eccellente bassista. L'album scivola fra immagini concrete e altre illusorie: dal noise di "Completo" e di "84" al tentativo di sperimentazione di "Poco incline ai R.F.", il disco offre istanti magici, come in "Loop 43" ed in "Golf " ("Dolce di miele ocra e cromo nel cobalto. Linee su linee punti immensi prospettive. Spettro-colori voci e suoni da imparare"), anche se il brano-manifesto è proprio "Rosemary Plexiglas", dove le combinazioni fra chitarre in distorsione, accenni di piano e semplici momenti d'archi raggiungono il loro culmine.
"Abbiamo sicuramente molta voglia di sperimentare - spiega Benvegnù - e dobbiamo ringraziare Manuel Agnelli che è riuscito a canalizzare tutte le sperimentazioni che non stavano portando a niente di costruttivo. Noi non sapevamo che direzione prendere. Oltre ad essere il nostro produttore è stato un.tutore, ci ha dato la possibilità di prendere una certa strada, di evolverci. 'Rosemary Plexiglas' è un album molto motivato, ma non so se questo si può percepire. Ho paura che si intuiscano tante cose, ma che poi non resti in mano molto di materiale. Ritengo che ci siano delle idee molto sentite e profonde: il periodo del disco è stato di grande sofferenza ed illusione.".

Nel 1998 esce un Ep di quattro pezzi intitolato Vive le Roi, prodotto esclusivamente in vinile 10" ed in tiratura limitata. Al suo interno vi sono due brani che faranno poi parte dell'album successivo, Armstrong: "L'universo" e "Jetson high speed", mentre gli altri due pezzi "Oblò" ed "In dissolvenza" si possono trovare solo nel mini-cd. Con questo lavoro gli Scisma fanno intuire la direzione che le loro sonorità prenderanno in Armstrong, definito giustamente un ibrido fra pop deviato e rock filo-indie. Uscito nel 1999, l'album dimostra una maturazione evidente nella band, sia nei testi che nei suoni. Dodici canzoni preziose, che scivolano dalla dolcezza di "L'innocenza" allo stupendo intreccio fra archi, violino e violoncello di "Jetson high speed", con un testo geniale (".ma se sono il contrario di me da che cosa mi sento diverso."). Un disco onirico, dove pezzi come "Simmetrie" e "I am the Ocean" (scritto con Marc Huigens dei Venus) offrono all'ascoltatore la possibilità di dissolversi in illusioni eteree. Ma non mancano brani diversi, più legati al passato, come "Tungsteno" e "Troppo poco intelligente". La canzone che chiude l'album, "Good Morning", esalta per l'ennesima volta la voce di Sara Mazo, ma è tutto il gruppo ad aver fatto il definitivo salto di qualità. Un album sicuramente difficile, ma che affascina.
Interessante è anche la scelta di non cantare esclusivamente in italiano, ma sfruttare altre lingue (in questo caso, inglese e francese), scelta così motivata dal gruppo: "Siamo convinti che certe espressioni siano veramente intraducibili, che perdano gran parte del loro senso una volta traslate in un'altra lingua. Per questo abbiamo sfruttato l'inglese ed il francese". Commentando in generale l'album Benvegnù ha affermato: "Siamo riusciti a diversificare la maniera di parlare. Prima di 'Armstrong' eravamo un gruppo di calcolatori... 'Armstrong' è un lavoro che mi impaurisce, perché ci siamo messi a nudo. E' un disco chiaro, non filosofeggiante. La scelta è stata di essere meno alternativi, ma solo per armonizzare meglio suoni e testi. Forse può apparire un disco difficile, studiato a tavolino, ma garantisco che, quando facciamo "L'innocenza" sul palco, mi sento davvero vulnerabile, perché quello sono io".

A tanti anni di distanza dall'ultimo album pubblicato, gli Scisma, in stand by dal 2002, continuano ad essere una band di culto dal valore unanimamente riconosciuto, anche dai giovani musicisti della generazione successiva.

A testimonianza di un affetto che non tende a tramontare, il 16 aprile 2012 per iniziativa della label Mag-Music viene pubblicato Simmetrie - Un Omaggio agli Scisma, un disco tributo che raccoglie 14 reinterpretazioni del catalogo Scisma, eseguite da altrettanti artisti emergenti italiani, fra i quali Il Disordine delle Cose e Desert Motel.

L’affermazione in chiave solista di Paolo Benvegnù ha rappresentato l’ovvia concretizzazione del successo di una scrittura già qualitativamente eccelsa nei solchi di “Rosemary Plexiglas” e “Armstrong”, i dischi più acclamati del gruppo, ristampati entrambi in doppio vinile nel 2015 in occasione del ritorno sulle scene della band con Mr. Newman, un Ep d sei tracce: non un evento nostalgico, bensì la traslazione in età matura di un percorso che se era lucido allora, oggi si fa ancor più consapevole ed esperto.Il ritorno è stato possibile grazie all’assenso delle due voci del gruppo, Benvegnù e Sara Mazo, senza i quali un’ipotetica reunion avrebbe avuto poco senso. Accanto a loro sono schierati il pianoforte ed i synth di Michela Manfroi, il basso di Giorgia Poli, la batteria di Beppe Mondini, e ancora Giovanni Ferrario, co-produttore e polistrumentista, Alessandro “Asso” Stefana che ha aggiunto qualche chitarra, Marco Tagliola alle programmazioni, Sebastiano De Gennaro al vibrafono e Daniele Richiedei al violino.
La prima parte dell’Ep è gradevolissima, con la vivace introduzione della title track, intrisa del miglior Benvegnù solista, l’infinita dolcezza di “Neve e resina” e la divertente funkeggiante “Darling, Darling!”. Ma il pezzo centrale, non soltanto per la collocazione fisica nella tracklist, è “Musica elementare”, il brano che meglio di tutti spiega l’attitudine alla leggerezza che permea questo lavoro: al bando l’ermetismo di un tempo, oggi gli Scisma intendono divertirsi raccontando cose semplici. “Metafisici”, un light rock con tanto di chitarre in tremolo, e “Stelle, stelle, stelle”, deliziosa ballad conclusiva, sono gli altri titoli che completano un ritorno tanto atteso quanto meritevole d’attenzione. A seguito delle sole tre date annunciate per la presentazione di Mr. Newman, a Roma, Bologna e Brescia, restiamo in attesa di conoscere quelle che saranno le eventuali prossime mosse della band.


Scisma

Visioni rock in chiaroscuro

di Marco Delsoldato e Claudio Lancia

Ritratto della band italiana, protagonista di raffinate sperimentazioni all'insegna di un sound acido e malinconico, duro ed emozionante. Dal debutto del 1994 allo scioglimento, che ha portato il leader, Paolo Benvegnù, a intraprendere una carriera solista, fino alla reunion avvenuta nel 2015
Scisma
Discografia
 SCISMA

 

  

 

 Pezzettini di carta (1994)

 Bombardano Cortina (autoprodotto/Emi, 1995)

Rosemary Plexiglas (Emi, 1997)

 Vive Le Roi (Ep, Emi, 1999)

 Armstrong (Emi, 1999)

 6,5

 Mr. Newman (Woodworm, 2015)

6

  

 

 PAOLO BENVEGNU'

 

  

 

 Piccoli fragilissimi film (Stout, 2005)

 7

 Cerchi nell'acqua (Ep, Stout, 2005) 6,5
 14-19 (Ep, La Pioggia, 2007) 6,5
 Le labbra (La Pioggia, 2008) 7,5
 500 (Ep, La Pioggia, 2009) 6,5
 Dissolution (Live, La Pioggia, 2010) 7
 Hermann (La Pioggia, 2011) 7,5
 Earth Hotel (Woodworm, 2014) 7,5
   
pietra miliare di OndaRock
disco consigliato da OndaRock

Scisma su OndaRock
Recensioni

SCISMA

Mr. Newman

(2015 - Woodworm)
L'Ep che sancisce il ritorno sulle scene della band di Paolo Benvegnù e Sara Mazo

Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.