Geodetic

Cold Lights

2017 (Instruments Of Discipline) | industrial, techno, dark-ambient

Mentre su riviste cartacee e webzine ancora si tessono lodi sul debutto dei Geodetic di Claudio Rocchetti e Jukka Reverberi, i due hanno già rilasciato per la berlinese Instruments Of Discipline il loro personale "The Return", ovvero l'Ep "Cold Lights", che svela un processo di mutazione sonora in nuce, nonostante i titoli proseguano la serie numerica romana di "Broken Consonance".

E così, se nell'esordio scoprivamo tracce del malsano dadaismo a nome Cabaret Voltaire, nelle abrasioni dance di "VII" riassaporiamo invece i fiocchi di quella nevicata acida del '91 che i Coil scatenarono in "Love's Secret Domain", i cui effetti si riverberano nel synth-punk di "VIII", attraversato da ridondanti allucinazioni mediorientali à-la Muslimgauze.
Il collage industrial-techno su cui poggia la trama disturbante di "IX" sfiora l'esasperazione nelle stridule manipolazioni sonore della finale "X", che vede i Clock Dva di "Buried Dreams" al confronto con la virata dark-ambient di Shackleton.

Non c'è che dire: la ditta Rocchetti-Reverberi sa come divertirsi e farci divertire, pescando i nomi giusti dal calderone della sua cultura musicale e regalandoci ottime rielaborazioni d'autore di glorie ormai (tra)passate o che cercano, in un modo o nell'altro, di reinventarsi.

(31/10/2017)



  • Tracklist
  1. VII
  2. VIII
  3. IX
  4. X
Geodetic su OndaRock
Recensioni

GEODETIC

Broken Consonance

(2017 - Maple Death Records)
Tra Idm, industrial e noise, l'esordio del duo creato da Claudio Rocchetti e Jukka Reverberi

Geodetic on web



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.