Neil Young + Promise Of The Real

The Visitor

2017 (Reprise) | songwriter, alt-rock

Dire che il secondo opus in studio spartito tra Neil Young e i giovani Promise Of The Real capeggiati dai figli di Willie Nelson, “The Visitor” - seguito di “Monsanto Years” (2015) - ha risultati misti, è dire nulla. Rimane di certo lampante, anzi cristallina come non mai, la direttrice attivista, dapprima ambientalista e poi via via anti-Trump, dunque ora persino apertamente patriottica.

Se “Already Great” si limita ancora a riciclare il suo classico boogie elettrificato, la combinazione nell’anti-inno “Children Of Destiny” (pubblicato come singolo il 4 luglio, ndr) è letale, talmente orrida da divenire per contrasto contagiosa: passo bombastico da marching-band esplosiva, fanfare trionfali, liriche paternalistiche e, colpo gobbo, una strofa in stile musical per bimbi. Le ballate acustiche, più sciolte, da “Almost Always” alla scanzonata “Change Of Heart”, fino a culminare nella chilometrica “Forever”, a metà via tra visione commossa e parodia della sua “Ambulance Blues”, suonano decentemente ispirate.

Questo saliscendi scenico-stilistico-emotivo genera una sorta di mostriciattolo, “Carnival”, ibrido di latinoamericano alla Santana e vaudeville sardonico alla Tom Waits, di certo poco avvincente e di certo male organizzata, ma anche armata di uno humour inedito, per il Loner, colto in una rilettura tagliente del nuovo mito americano. E poi viene il solito, palloso avvertimento ecologista, ancora debitore del disco  predecessore, “Stand Tall”; anche questo numero in qualche modo ne esce comunque bene, la furia che lo riporta al “Ragged Glory” dei suoi Crazy Horse è tutta neilyounghiana.

Per quanto sgraziato polpettone di stereotipi, d'invettive da opinionista corrivo incapace di guardare in profondità il momento storico (ma non è nemmeno colpa di Young), e nonostante i Promise non suonino nemmeno vagamente all’altezza della E-Street degli anni ruggenti, è un disco che, specie nell’ultimo periodo del canadese, si fa ricordare e cerca di replicare, e pure con una certa originalità, il “Born In The Usa” di Springsteen (si giustifica così: "I'm Canadian By The Way/ And I Love The Usa"). Come “Peace Trail” (2016), ma con un tono maiuscolo e qualche punta di delirio. Pubblicato nello stesso giorno dell’apertura del “Neil Young Archives”, il sito streaming del suo intero corpus (ma i sospirati lost album ancora mancano), come aveva anticipato il live d’archivio “Hitchhiker” (2017).

(10/12/2017)

  • Tracklist
  1. Already Great
  2. Flying By Night Deal
  3. Almost Always
  4. Stand Tall
  5. Change Of Heart
  6. Carnival
  7. Diggin’ A Hole
  8. Children Of Destiny
  9. When Bad Got Good
  10. Forever
Neil Young su OndaRock

Monografia

Neil Young

The Loner

Recensioni

NEIL YOUNG

Hitchhiker

(2017 - Reprise)
Recupero di una session acustica di prova, risalente al 1976, per il cavallo pazzo

NEIL YOUNG + PROMISE OF THE REAL

Earth

(2016 - Reprise)
Doppio live per un loner sempre più ecologista e la sua giovane band

NEIL YOUNG

Peace Trail

(2016 - Reprise)
Nuovo instant record di attivismo e contemporaneità per il gran canadese

NEIL YOUNG + PROMISE OF THE REAL

Monsanto Years

(2015 - Reprise)
Il Loner insieme una giovane band per un concept d'attualità

NEIL YOUNG

A Letter Home

(2014 - Third Man)
Eccentrica raccolta di cover dal suono antico per il grande canadese

NEIL YOUNG

Storytone

(2014 - Reprise)
L’approdo al rock orchestrale per il grande canadese, in un’accensione di grandeur

NEIL YOUNG & CRAZY HORSE

Psychedelic Pill

(2012 - Reprise)
Primo album doppio per il Loner canadese, al fianco dei suoi Crazy Horse

NEIL YOUNG & CRAZY HORSE

Americana

(2012 - Reprise)
La rimpatriata tra il vegliardo canadese e la sua mitica band, per una raccolta di traditional ..

NEIL YOUNG

Le Noise

(2010 - Reprise)
Il "loner" nel suo disco pił "loner", accompagnato dal conterraneo Lanois

NEIL YOUNG

Fork In The Road

(2009 - Reprise)
L'album "ecologico" del loner canadese: dieci tracce con un mood sfacciatamente arioso ..

NEIL YOUNG

Chrome Dreams 2

(2007 - Reprise/Wea)
Il vecchio loner canadese riesce ancora a emozionare

NEIL YOUNG

Living With War

(2006 - Reprise)

NEIL YOUNG

Prairie Wind

(2005 - Reprise)
Young abbandona i Crazy Horse e cavalca le praterie di Nashville

NEIL YOUNG

Greendale

(2003 - Reprise)

NEIL YOUNG

Rust Never Sleeps

(1979 - Reprise)
Lo storico live del Loner canadese, tra numeri acustici e cavalcate elettriche

NEIL YOUNG

Tonight's The Night

(1975 - Reprise)
L'opera con cui Young si scopre sommo filosofo del dolore, portatore di un messaggio universale e a-temporale ..

NEIL YOUNG

Harvest

(1972 - Reprise)
Ballate bucoliche e sfibranti cavalcate elettriche: l'apoteosi del country-rock younghiano

NEIL YOUNG

After The Gold Rush

(1970 - Reprise)
La migliore commistione possibile tra country e rock, tra epica da terra promessa e languide carcasse ..

Speciali

Neil Young + Promise Of The Real on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.