Plaid

Spokes

2003 (Warp) | elettronica

"Spokes" segna il ritorno sulla scena dei Plaid, esponenti di spicco dell’ intellighènzia digitale. I nostri si sono avvicinati alle macchine grazie al leggendario Moog e ispirandosi al pop sintetico degli anni 80, quello per intenderci di famiglie elettroniche come Ultravox e Human League.
Le esperienze artistiche realizzate nel decennio seguente, quelle dei rave in particolare, hanno spinto i due lontano dalle formule Eighties e dal relativo pericolo di stagnazione creativa, abituandoli a cercare nei loro successivi progetti (Balil, Atypic…) nuove formule espressive.
Ed Handley e Andy Turner da tempo fanno parte del versante melodico e maggiormente istintivo della technologica etichetta Warp, soprattutto se paragonati ad altri affiliati alla label di Sheffield, come Aphex Twin e Boards Of Canada.

I Plaid sono titolari di un impasto sonoro unico nel panorama al silicio, caratterizzato da una parte dalla costante ricerca della melodia e dall’altra dalla creazione di ritmiche irregolari e ossessionanti: analogico e iperdigitale si incrociano costantemente nelle tracce dei due produttori.

Il nuovo disco non viene meno a tale modus operandi, sebbene l’aspetto umano appaia privilegiato rispetto a quello numerico e a tratti riporti alla mente le storiche produzioni che i britannici realizzavano ai tempi del super trio Black Dog.
L’album si apre con la voce in lacrime di Luca Santucci, peraltro l’unica nel corso del viaggio, che introduce una (poi) vibrante "Even Spring", vagamente simile a "Eyen", traccia iniziale del precedente "Double Figure".
Da qui in poi è un intenso susseguirsi di delicati arpeggi, perfette armonìe, microbeat minimali, ritmiche veementi e riverberi: risulterebbe penalizzante raccontare di una spiaggia strumentale piuttosto che di un’altra, l’ellepì va assimilato (ripetutamente) nel suo insieme, poiché i brani sono magistralmente incastonati uno nell’altro.

"Spokes", come i precedenti album "Rest Proof Clockwork" (1999) e "Double Figure" (2001), dimostra ancora una volta che la famigerata musica digitale può evocare una quantità infinita di emozioni; i Plaid rientrano a pieno merito tra gli artisti in grado di donare all’elettronica del terzo millennio una fisionomia "naturale".

(29/10/2006)

  • Tracklist

1 The Single
2 Oh! It's Love
3 Bears and You
4 The Confession of an Ardent Heart
5 Sanguino Cholericus
6 Bitter Suite
7 Quay Dismay
8 Succubus
9 Dross
10 Hours Like Days
11 Video World
12 Synapsis

Black Dog su OndaRock
Recensioni

BLACK DOG

Neither/Neither

(2015 - Dust Science)
Il ritorno del brand più eterogeneo di Sheffield, di nuovo sul trono della techno

PLAID

Reachy Prints

(2014 - Warp)
Handley e Turner tornano con un paradigma del loro approccio all'elettronica

BLACK DOG

Tranklements

(2013 - Dust Science Recordings)
L'ennesimo oggetto di culto per il duo di Sheffield, fra techno e nostalgia Idm

PLAID

Scintilli

(2011 - Warp/ Self)
Le nuove "scintille" del duo inglese, tra arrangiamenti melodici e dancefloor

BLACK DOG

Book Of Dogma

(2007 - Soma)
Una nuova doppia raccolta per un duo-chiave della (post)hardcore techno

PLAID & BOB JAROC

Greedy Baby

(2006 - Warp)
Progetto multimediale per i Plaid. Con loro un collaboratore di vecchia data, il regista Bob Jaroc

Plaid on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.