Neil Young

Greendale

2003 (Reprise)
songwriter

Di certo Neil Young non finirà mai di stupirci e con lui le case discografiche. Rimane infatti un mistero il perché quattro suoi dischi, mai editi in cd, vengano ristampati solo ora. Certo non tutti sono dei capolavori, certamente però "On The Beach" appartiene alla produzione migliore del cantautore canadese e "Hawks & Doves" e "American Stars 'N Bars", sono di gran lunga migliori, per esempio, di "Trans" o "Landing On Water", da tempo disponibili su cd. Forse di "Re-ac-tor" in pochi sentivano davvero la mancanza ma l'aspetto più stupefacente dell'operazione è che l'uscita di questi dischi avvenga solo pochi giorni prima dell'atteso "Greendale", il nuovo lavoro di Neil Young con i Crazy Horse (senza la chitarra di Sampedro), inflazionando di fatto un mercato già traballante.

Misteriose operazioni di mercato a parte, non rimane che parlare di "Greendale", un disco non facile, nessun concept album lo è, che torna ai suoni del passato, che ritrova come d'incanto quella ispirazione ultimamente appannata. Se l'ultimo album "Are you Passionate?" aveva ricevuto più critiche che consensi, oltreoceano "Greendale" è già osannato senza riserve e incassa solo aggettivi positivi. Attraverso le undici canzoni, alcune oltre i dieci minuti, si dipana la storia di un villaggio californiano e dei suoi personaggi, ben approfondita dal ricco libretto allegato al cd. Pur rimanendo nel contesto, a volte poco digeribile di un album "di concetto", le canzoni riescono a sopravvivere alla storia stessa. Certamente se prese singolarmente non faranno mai un singolo radiofonico, ma brani come l'iniziale "Falling From Above", grazie alle atmosfere suadenti e penetranti, ben sostenute da una morbida chitarra elettrica, si ascolterebbero all'infinito.

Insomma, l'opera può anche essere "letta" senza rispettare l'ordine dei capitoli, scoprendo una "scordatissima" "Bandit" o una lunghissima ballata ecologista come "Be The Rain", tra le pagine di un libro lasciato aperto. "Greendale" era stato presentato interamente durante il tour estivo (la data del concerto di Dublino a Vicar St., è contenuta nel Dvd allegato come bonus all'edizione speciale del nuovo disco, per il quale vale davvero pena di spendere qualche prezioso euro in più) durante il quale Neil Young aveva anticipato tutte le canzoni, armato solo della sua chitarra e della voglia di farle conoscere.

Lo spessore del lavoro era intuibile dall'attenzione e dalla passione con cui lo stesso Young aveva introdotto ogni brano, cogliendo di sorpresa un pubblico che non era stato adeguatamente preparato all'evento. In conclusione "Greendale" è un signor disco con tutti i pregi (il sound asciutto con i cavalli pazzi Molina e Talbot") e i difetti (gli oltre 12 minuti di "Sun Green") che può avere un'opera di questo genere. Anche se alla lunga non rimarrà tra le pietre miliari di Young come "After The Gold Rush", "Tonight’s The Night" o "Harvest", "Greendale" resta un disco degno di nota: in quanti, dopo oltre trent'anni di carriera, riuscirebbero a trovare ancora tanta ispirazione?

30/10/2006

Tracklist

1 Falling From Above
2 Double E
3 Leave The Driving
4 Bandit
5 Carmichael
6 Devil's Sidewalk
7 Grandpa's Interview
8 Bringin' Down Dinner
9 Sun Green
10 Be The Rain

Tutte le recensioni su OndaRock
NEIL YOUNG
Before And After

Il cantautore canadese rivisita in chiave acustica tredici canzoni del suo sterminato repertorio

NEIL YOUNG & CRAZY HORSE
World Record

Di nuovo in pista il cantautore canadese con un atto d'amore per il nostro pianeta

NEIL YOUNG & CRAZY HORSE
Barn

Tornano il cantautore canadese e i Crazy Horse con un album tutto composto e registrato in un fienile

NEIL YOUNG
Homegrown

Finalmente pubblicato uno dei più famosi dischi perduti del grande loner canadese

NEIL YOUNG & CRAZY HORSE
Colorado

Un piacevole ritorno per il Loner canadese assieme ai vecchi Crazy Horse

NEIL YOUNG + PROMISE OF THE REAL
Paradox (Original Music From The Film)

Loner e giovani comprimari in un musical western ambientalista

NEIL YOUNG
Hitchhiker

Recupero di una session acustica di prova, risalente al 1976, per il cavallo pazzo

NEIL YOUNG + PROMISE OF THE REAL
The Visitor

Secondo tentativo, patriottico stavolta, per il Loner e i suoi giovani comprimari

NEIL YOUNG + PROMISE OF THE REAL
Earth

Doppio live per un loner sempre più ecologista e la sua giovane band

NEIL YOUNG
Peace Trail

Nuovo instant record di attivismo e contemporaneità per il gran canadese

NEIL YOUNG + PROMISE OF THE REAL
Monsanto Years

Il Loner insieme una giovane band per un concept d'attualità

NEIL YOUNG
A Letter Home

Eccentrica raccolta di cover dal suono antico per il grande canadese

NEIL YOUNG
Storytone

L’approdo al rock orchestrale per il grande canadese, in un’accensione di grandeur

NEIL YOUNG & CRAZY HORSE
Psychedelic Pill

Primo album doppio per il Loner canadese, al fianco dei suoi Crazy Horse

NEIL YOUNG & CRAZY HORSE
Americana

La rimpatriata tra il vegliardo canadese e la sua mitica band, per una raccolta di traditional

NEIL YOUNG
Le Noise

Il "loner" nel suo disco più "loner", accompagnato dal conterraneo Lanois

NEIL YOUNG
Fork In The Road

L'album "ecologico" del loner canadese: dieci tracce con un mood sfacciatamente arioso

NEIL YOUNG
Chrome Dreams 2

Il vecchio loner canadese riesce ancora a emozionare

NEIL YOUNG
Living With War

NEIL YOUNG
Prairie Wind

Young abbandona i Crazy Horse e cavalca le praterie di Nashville

NEIL YOUNG
Rust Never Sleeps

Lo storico live del Loner canadese, tra numeri acustici e cavalcate elettriche

NEIL YOUNG
Tonight's The Night

L'opera con cui Young si scopre sommo filosofo del dolore, portatore di un messaggio universale e a-temporale

NEIL YOUNG
Harvest

Ballate bucoliche e sfibranti cavalcate elettriche: l'apoteosi del country-rock younghiano

NEIL YOUNG
After The Gold Rush

La migliore commistione possibile tra country e rock, tra epica da terra promessa e languide carcasse di utopie