Burial

Burial

2006 (Hyperdub) | dubstep

Il progetto Burial nasce dall'esaltazione delle influenze industriali presenti nel dubstep: un groviglio meccanico di percussioni elettriche, distorsioni techno e sterzate deep garage. I suoi spazi sono interamente occupati da ammassi di ruggine dub, ripetutamente spostati dal soffio dei woofer e dai suoni rocciosi dell'incessante basso elettronico; tutto è reso vita senza sfruttare a pieno la polifonia dei sintetizzatori, come si è soliti fare ultimamente dalle parti di Londra, precisamente negli avamposti operai, la stessa zona da cui nasce il monologo notturno della prima anonima traccia, seguito dall'estenuante vintage-dub di "Distant Lights".

Tutto sembra rimandare ai primi Massive Attack, ma è solo un'illusione, un miraggio che trova il riflesso sbagliato nei bassifondi di "Spaceape", vere e proprie lagune metalliche, cariche di asfissianti pulsazioni. In "Wounder" il metronomo elettrico sconnette il ritmo inferto dal basso nevralgico, mentre "Prayer" fornisce la naturale definizione di dubstep, senza l'urgenza di aprire un vocabolario; le sue metamorfosi broken beat sono l'espressione diretta delle prime tentazioni avant-dub.
Nell'opera trovano spazio anche svariati passaggi malinconici, collocati in "Forgive" e "Night Bus", veri e propri pianti acidi in perfetto stile Eno. "Southern Comfort" ci riconduce nei vecchi rave da impianti dimessi, le sue sotterranee pulsazioni dub preannunciano il capolavoro dello scultore segreto, prima che il velo cominci la naturale discesa. L'unica fuoriuscita dal sottosuolo avviene in "Gutted" che, con suoi timidi accenni soul, potrebbe (paradossalmente) tuffarsi in modaioli long drink (pre)serali, senza mai sentire il bisogno di svelare la sua vera identità.

Ciò che colpisce in questo lavoro è la veemente predisposizione avant-dub, più di uno sguardo in avanti eleva il disco da tanta melma inglese presente in questo filone, la stessa che, spesso, genera rigetto in chi ha appena deciso di avvicinarsi al fenomeno. Il linguaggio sonoro presente in "Burial" va oltre e decide di aprirsi a tutti. Con il dovuto distacco propone le sue incessanti modulazioni elettroniche, il suo profumo industriale, sollevandosi come una nube tossica nel cielo di Londra.

(18/07/2006)

  • Tracklist
  1. Distant Lights
  2. Spaceape (feat. Spaceape)
  3. Wounder
  4. Night Bus
  5. U Hurt Me
  6. Gutted
  7. Forgive
  8. Broken Home
  9. Prayer
  10. Pirates

 

Burial su OndaRock
Recensioni

BURIAL

Tunes 2011-2019

(2019 - Hyperdub)
La prelibata cernita dei singoli rilasciati negli ultimi due lustri dal producer londinese

BURIAL

Pre Dawn/Indoors

(2017 - Nonplus)
Tanta cattiveria e selvaggina hardcore nel terzo Ep dell'anno del produttore inglese

BURIAL

Subtemple

(2017 - Hyperdub)
Il primo Ep a sorpresa dell'anno dell'acclamato e misterioso producer londinese

BURIAL

Rodent

(2017 - Hyperdub)
Sterzata deep house per William Bevan, con il sostegno adrenalinico di sua maestà Kode9

BURIAL

Young Death/Nightmarket

(2016 - Hyperdub)
L'ennesimo Ep del misterioso e acclamato producer della Hyperdub

BURIAL

Rival Dealer

(2013 - Hyperdub)
L'improvvisa celestialità nel settimo Ep dell'acclamato produttore inglese

BURIAL

Kindred Ep

(2012 - Hyperdub Records)
Cassa dritta, ali spiegate e un'oscura speranza nelle tre tracce del genio inglese

BURIAL

Truant

(2012 - Hyperdub)
Secondo Ep in questo 2012 per l'acclamato produttore londinese

BURIAL

Street Halo

(2011 - Hyperdub)
Tre succulente tracce nell'avvincente Ep di sua maestà William Bevan, aka Burial

BURIAL

Untrue

(2007 - Hyperdub)
Il misterioso produttore londinese aggiorna la sua visione del dubstep

BURIAL

Untrue

(2007 - Hyperdub)
Il capolavoro assoluto del genere dubstep e della musica elettronica del nuovo millennio

News


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.