KTL

IV

2009 (Editions Mego) | ambient, drone-metal, avantgarde

Spiace ammetterlo, ma dopo l'ottimo esordio del 2006 il duo formato da Stephen O' Malley e Peter Rehberg ha imboccato la strada della normalizzazione, allontanandosi sempre più dalle intriganti intuizioni che quel lavoro gettava nella mischia della ricerca ambient/drone-metal.

"IV", l'ultimo arrivato, è quindi un disco che, pur mostrando un evidente cambio di rotta - privilegiando un suono sempre meno opprimente e sempre più interessato a una speculazione di matrice timbrico-atmosferica - non riesce a risollevare le sorti di un progetto che, ormai da un paio di anni a questa parte, vive una fase di stallo. Ovviamente non si può negare che i due tentino, sempre e comunque, la carta della sperimentazione. Ma è anche vero che queste sei tracce mostrano più di un momento di stanca.

Prendiamo per esempio la prima delle due lunghe composizioni che rappresentano i punti di snodo dell'intero lavoro: con il supporto della batteria di Atsuo dei Boris, "Paratrooper" è un estenuante e cupo cerimoniale fatto di foschi rimbombi, reiterazioni metalliche di chitarra e sibillini accenti elettronici. Poi Rehberg guadagna campo, ma tutto ciò che emerge è un vuoto d'ispirazione, un noioso battibecco con le tenebre - quasi che il duo, infilatosi in un vicolo cieco, continuasse a credere che la parete dinanzi agli occhi possa essere valicata.
Allo stesso modo, ma ponendo l'accento sulla dimensione più "intimista" della loro arte, "Benbbet" (sicuramente più intrigante) lavora per un quarto d'ora circa intorno all'idea di un anarchico ma espansivo concetto di informale digital-noise a contatto con diffrazioni metal.

È insomma la posizione privilegiata del musicista austriaco a rappresentare la vera novità di questo quarto capitolo della saga. Riallacciandosi ai momenti più oscuri della sua produzione a nome Pita, Rehberg ipotizza in "Eternal Winter" un'ambient tossica, dissimulandone lo spessore "microrganico" nelle cosmiche diradazioni glitchy di "Natural Trouble".

Se di cambio di rotta si tratta, dunque, questo è solo l'inizio. E di inizio sottotono si tratta.

(06/01/2009)

  • Tracklist
  1. Paraug
  2. Paratrooper
  3. Wicked Way
  4. Benbbet
  5. Eternal Winter
  6. Natural Trouble
KTL su OndaRock
Recensioni

KTL

V

(2012 - Editions Mego)
Il nuovo capitolo del progetto di O' Malley e Pita, tra diluizioni e tentazioni pseudo-multimediali

KTL

IKKI

(2008 - Mego)
Tre documenti live per il duo O'Malley/Rehberg

KTL

KTL 2

(2007 - Editions Mego)

O' Malley e Pita in un nuovo, inquieto viaggio tra cielo e sotterranei della terra

KTL

KTL 3

(2007 - OR Records)
O' Malley e Rehberg alle prese con due nuove composizioni

KTL

Eine Eiserne Faust In Einem Samthandschuh

(2007 - Editions Mego)
La dimensione live del duo austro-americano

KTL

KTL

(2006 - Editions Mego)



Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.