Tomografia Assiale Computerizzata

Senza Titolo

2011 (Sometimes) | avant jazz, industrial

Importante ed essenziale ristampa curata dalla Sometimes (che già ha da poco riproposto interessante materiale della art-punk band Detonazione), "Senza Titolo" è senza dubbio uno degli scalini più importanti della musica italiana, all'incrocio tra wave, spirito residentsiano e performance industriale.
Formatisi a Parma nel 1981, i T.A.C contavano cinque componenti: Andrea Azzali, Simon Balestrazzi (successivamente presso Kino Glaz, Kirlian Camera, Bron Y Aur); questa formazione rilasciò due album per la Azteco Records, per poi interropersi diverse volte fra crisi interne, scioglimenti e frammentazioni.

Il materiale della cassetta di debutto (precedente al self titled del 1983) che abbiamo qui è un esempio eclettico della capacità di fondere insieme diverse anime della wave e delle derive sperimentali della musica contemporanea. Originariamente stampata in sole cento copie, la sua ristampa ci permette anche di ricostruire meglio il percorso di una band difficilmente catalogabile.
Iscritti tra le band industrial storiche italiane, i T.A.C hanno evidenziato una via propria per raggiungere sonorità non molto affini al rumorismo e al noise "macabro" di Atrax Morgue, Bianchi e altri.
Le frammentazioni lessicali e ritmiche di "Tuo" e "Cane" presagiscono i toni prettamente residentsiani del successivo Lp, mentre "Na-tu-ra-le" si muove su pieghe dadaistiche informi. "A.I.Z" è un esempio di chiara influenza post-punk inglese, mentre il gioco di rimandi ai Pere Ubu in "Buy" e "Parabole" (quest'ultima influenzata anche da certi Cabaret Voltaire) ci mostrano una band capace di proporre una propria visione stilistica di musica industriale, che possa attraversare stilemi jazzistici e sperimentali per arrivare a una destrutturazione del linguaggio musicale.

Linguaggio. Questo è un elemento fondante da tenere a mente durante l'ascolto. Sarebbe interessante cercare di tracciare un ipotetico fil rouge tra le composizioni più ironiche e assurde degli Area (faccio riferimento per esempio a "Evaporazione") e quelle storte e confuse tra i metalli percossi e le ritmiche tagliate dei T.A.C.; l'analogia non sarebbe malvagia, soprattutto se colta in un contesto di vivisezione delle parole e della forma-canzone.
Queste ipotesi non fanno altro che rafforzare l'immagine di un'opera densa e fertile, che mostra i semi delle successive svolte del gruppo, soprattutto nel successivo "S/T" del 1983 (il primo per Azteco Rec.) dove saranno estremizzati gli esperimenti linguistici e di collage sonoro.
Non possiamo far altro che ringraziare la Sometimes per averceli fatti ri-trovare.

P.S. La ristampa della Sometimes si conclude con alcune interessanti bonus track che testimoniano esibizioni live della band.

(29/12/2011)

  • Tracklist
  1. A.I.Z
  2. Nessun Problema
  3. Parabole
  4. March No.15
  5. Buy
  6. Na-Tu-Ra-Le
  7. Il Nostro Petto è Rame di Timballi
  8. Epicondili Articolari
  9. N
  10. Pues Bien?
  11. Cane
  12. Tuo
  13. Tomografia Assiale Computerizzata
  14. Pervaso Dal Mio Io
  15. Art Is Not A Mirror
  16. Banana Sintetica
  17. Danno Genetico
  18. I Fumi Della Pazzia Trasformati Nell'Ironia Della Vita
  19. Barbat
  20. Tch Tch Tch
Tomografia Assiale Computerizzata su OndaRock
Recensioni

TOMOGRAFIA ASSIALE COMPUTERIZZATA

Chaosphere

(2013 - Old Europa Cafč)
Dentro una sfera di suono orbitale e introversione psicotica

TOMOGRAFIA ASSIALE COMPUTERIZZATA

Tomografia Assiale Computerizzata (ristampa)

(2012 - Officina Fonografica Italiana)
Una frenesia industriale per la decostruzione del linguaggio

Tomografia Assiale Computerizzata on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.