Belle And Sebastian

The Third Eye Centre

2013 (Rough Trade) | pop

C’erano una volta gli Ep dei Belle And Sebastian: scrigni di tesori segreti, capaci di alimentare il culto di un gruppo dall’immaginario inconfondibile. Nel 2005, “Push Barman To Open Old Wounds” aveva raccolto le perle disseminate dagli scozzesi al di fuori degli album veri e propri nella prima parte della loro carriera. Segnando uno dei capisaldi della discografia di Stuart Murdoch e soci. Oggi, i Belle And Sebastian ci riprovano con “The Third Eye Centre”, collezionando una serie di b-side, versioni alternative e outtake dell’era Rough Trade.
Il confronto, meglio chiarirlo subito, è impietoso: stavolta quella offerta dagli scozzesi non è altro che un’antologia di scampoli per completisti, che conferma il calo di ispirazione del gruppo nell’ultimo decennio (da “Dear Catastrophe Waitress” al presente). Eppure, lasciando da parte la trappola della nostalgia, “The Third Eye Centre” è l’occasione per dare uno sguardo in controluce alla metamorfosi dei Belle And Sebastian attuali, alla scoperta delle sfaccettature di un gruppo in cerca della propria identità matura.

A risaltare subito, in “The Third Eye Centre”, è l’eclettismo delle atmosfere: i Belle And Sebastian sembrano avere riservato a singoli ed Ep il loro lato più curioso, quello animato dal desiderio di misurarsi anche con le scelte maggiormente azzardate.
Eccoli allora lasciare i cieli familiari di Glasgow per avventurarsi in un personalissimo giro del mondo: con la complicità degli Avalanches, il remix di “I’m A Cuckoo” salpa l’ancora per l’Africa di Paul Simon, in una fiera di flauti, percussioni, fisarmoniche, cori e battimani che riscopre sorprendentemente l’anima folk del gruppo. La cartolina tropicalista di “Love On The March” sposta le coordinate verso il Brasile, mentre le tentazioni ska di “The Eighth Station Of The Cross Kebab House” vanno in cerca di aromi orientaleggianti. E ovviamente non può mancare l’America (teatro delle registrazioni degli ultimi e “The Life Pursuit” e “Write About Love”), con l’ammiccamento agli Everly Brothers in “Stop, Look And Listen” che va a trascolorare nella frontiera morriconiana di “Passion Fruit”.

Le idee non mancano, insomma: è la loro traduzione a lasciare tutto sommato a desiderare, andando di rado oltre il semplice esercizio di stile. Non a caso, quando i Belle And Sebastian provano a flirtare con il synth-pop (vedi “Suicide Girl”), il risultato è di gran lunga inferiore a quello ottenuto da uno specialista come Richard X con il suo remix di “I Didn’t See It Coming”. Allo stesso modo, per le pulsioni disco di “Your Cover’s Blown”, i beat sensuali del conterraneo Miaoux Miaoux vengono preferiti alla versione originale del brano (inserita nell’Ep “Books”), regalando l’unico inedito dell’album.
Tra tante direzioni incerte, le citazioni vintage rimangono un punto fermo del gruppo, dal cheek to cheek di “Meat And Potatoes” agli accenti blues di “Last Trip”. Ma i brani si dimenticano facilmente allo scemare dell'ultima nota. Non resta molto a cui rimanere attaccati: i profumi primaverili di “Your Secrets” e “Desperation Made A Fool Of Me”, la voce di Stevie Jackson in “(I Believe In) Travellin’ Light”, l’insinuarsi della melodia vecchio stampo di “Blue Eyes Of A Millionaire”.

“I took a walk to remember ecstasy/ It's not today, not even yesterday”, canta Murdock sullo scattare veloce delle tastierine stridule di “The Life Pursuit”, title track “fantasma” rimasta esclusa dal disco omonimo. Non contano i ricordi, ma l’orizzonte di un domani ancora tutto da scoprire: “Life that’s found beyond your present situation/ And it’s wide and it's broad, beyond all estimation”. Più di tutto, il desiderio di non rimanere ingabbiati nel passato. Anche quando si tratta solo di un divertissement.

(22/08/2013)

  • Tracklist
  1. I’m A Cuckoo (Avalanches remix)
  2. Suicide Girl
  3. Love On The March
  4. Last Trip
  5. Your Secrets
  6. Your Cover’s Blown (Miaoux Miaoux remix)
  7. I Took A Long Hard Look
  8. Heaven In The Afternoon
  9. Long Black Scarf
  10. The Eighth Station Of The Cross Kebab House
  11. I Didn’t See It Coming (Richard X mix)
  12. (I Believe In) Travellin’ Light
  13. Stop, Look And Listen
  14. Passion Fruit
  15. Desperation Made A Fool Of Me
  16. Blue Eyes Of A Millionaire
  17. Mr. Richard
  18. Meat And Potatoes
  19. The Life Pursuit
Belle and Sebastian su OndaRock
Recensioni

BELLE AND SEBASTIAN

Days Of The Bagnold Summer OST

(2019 - Matador)
Il ritorno alle origini della formazione scozzese, nel disco più ispirato dell'ultimo decennio ..

BELLE AND SEBASTIAN

How To Solve Our Human Problems (Parts 1-3)

(2018 - Matador)
Un nuovo trittico di Ep per la formazione scozzese, tra istanze passate e presenti

BELLE AND SEBASTIAN

Girls In Peacetime Want To Dance

(2015 - Matador)
Gli scozzesi alla prova della svolta electro

BELLE AND SEBASTIAN

Write About Love

(2010 - Rough Trade)

Il "periodo rosa" dei Belle And Sebastian, tra romanticismo e ammiccamenti soft

BELLE AND SEBASTIAN

The BBC Sessions

(2008 - Jeepster / Matador)

Un tuffo dal sapore nostalgico nei classici del gruppo scozzese

BELLE AND SEBASTIAN

The Life Pursuit

(2006 - Rough Trade)

BELLE AND SEBASTIAN

Storytelling

(2002 - Jeepster)

BELLE AND SEBASTIAN

If You're Feeling Sinister

(1996 - Jeepster)
Le meraviglie melodiche di Stuart Murdoch & c. in un classico del pop anni 90

News
Live Report
Belle And Sebastian on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.