clipping.

CLPPNG

2014 (Sub Pop) | noise hip-hop

Prendi degli amaretti, amalgama dell’uvetta, del cedro e anche del cacao. Fanne delle piccole sfere e usale come ripieno per ravioli inondati di burro sciolto con la salvia. Spolvera il tutto con un’abbondante dose di formaggio grattugiato. Assaggia.
Clipping. intavola il piatto e offre un risultato che si ama o si odia, ma va provato. La band composta da Daveed Diggs (voce), William Hutson e Jonathan Snipes (produzione) - ognuno portatore di background differente - capita nelle mani della Sub Pop, sempre pronta, dall'epoca d'oro del grunge in poi, a intercettare le nuove vibrazioni del mondo musicale.

Seconda uscita assoluta (prima con la label di Seattle) e "CLPPNG" già riscuote attenzione e chiacchiericcio. Si tratta di noise hip-hop, quindi rumore, rumore di fondo e rumore sintetico che - guarda il caso - è il concetto di clipping nell’audio. Si potrebbe pensare che clipping. arrivi da territori d'oltremanica, parte di quella scena brit che unisce egregiamente basi elettroniche, dubstep, techno a un rap mascheratamente violento ed efficace.
I Clipping., invece, sono americani, di Los Angeles, California, da passerelle in bermuda e infradito, come in dovere di cantare l'orecchiabile e il danzereccio. "CLPPNG" è più complesso; si potrebbe pensare a un concept, merce rara nell'hip-hop. Ma clipping. è il concept. Loro sono il nucleo, non il progetto di un album, ma il trio come esperimento stesso.

Ora la qualità: il disco suona, il flow è maturo e moderno, terzinato e cadenzato quando serve. Non sono basi americane queste, capiamoci. Non si mette "CLPPNG" sulla Golf Tuning; non si alza al massimo il "sub"; non si spera negli ammiccamenti felini di qualche "bruna".
Non abbiamo Death Grips, nemmeno Jay-Z o Kanye West, per niente Wu-Tang. Unica semplice comunanza: Tyler The Creator.

"CLPPNG" è una mappa da esplorare, decisamente un disco da ascoltare, da interpretare. Poi magari si scopre che il dolce con il salato piace, e va bene così.

(23/07/2014)

  • Tracklist
  1. Intro
  2. Body & Blood
  3. Work Work (feat. Cocc Pistol Cree)
  4. Summertime (feat. King T)
  5. Taking Off
  6. Tonight (feat. Gansta Boo)
  7. Dream
  8. Get Up (feat. Mariel Jacoda)
  9. Or Die (feat. Guce)
  10. Inside Out
  11. Story 2 
  12. Dominoes
  13. Ends
  14. Williams Mix (feat. Tom Erbe)


Clipping. su OndaRock
Recensioni

CLIPPING.

Visions Of Bodies Being Burned

(2020 - Sub Pop)
La conclusione del dittico iniziato un anno fa dal gruppo californiano è uno degli album più ..

CLIPPING.

There Existed An Addiction To Blood

(2019 - Sub Pop)
Al suo terzo album il trio losangelino reinventa l'horrorcore

CLIPPING.

Splendor & Misery

(2016 - Sub Pop)
Un nuovo paradigma d’opera hip-hop per il trio di Los Angeles

clipping. on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.