Jonathan Wilson

Rare Birds

2018 (Bella Union) | folk-pop

Dura la vita per Jonathan Wilson! Salutato come erede della scena musicale Laurel Canyon, il produttore e musicista ha infranto subito il sogno dei cultori dell’estremismo vintage (“Gentle Spirit"), esibendo un piglio estetico alquanto insolito nell’era del lo-fi a tutti i costi (“Fanfare”).
Dal criptico esordio “Frankie Ray” sono passati in verità ben undici anni, un periodo durante il quale il quarantatreenne della North Carolina ha mostrato sempre di più interesse per l’estrema cura del suono, a volte a scapito della composizione, assumendosi la responsabilità anche del tradimento più scandaloso (secondo alcuni), ovvero il passaggio da indie-folker a reincarnazione di Elton John, dell’ex-batterista dei Fleet Foxes, Josh Tillman/Father John Misty.

Negli ultimi anni Jonathan Wilson ha collaborato con Roy Harper, Chris Robinson, Phil Lesh e tanti altri, fino ad arrivare alla corte di Roger Waters per la realizzazione di “Is This The Life You Really Want?” e il susseguente tour. Ed è in quest’ultima avventura che va ricercata in parte la nuova dimensione creativa di “Rare Birds”, un progetto che, all’interno dell’introspettivo e profondo stile cantautorale dell’autore, introduce sognanti ed eteree gemme sonore di chiara derivazione Pink Floyd/Talk Talk/Peter Gabriel, aprendo ancor di più la strada all’effervescenze pop dei Beatles e al baroque-pop.
Premesso che il quarto album di Jonathan Wilson è destinato a dividere ancor di più i fan dai detrattori, va sottolineata la presenza per la prima volta di batterie elettroniche e sintetizzatori, elementi che collimano con le intenzioni di ottenere un suono ancora più massimalista e complesso, spesso ai limiti della claustrofobia lirica.

E’ un album ricco di luci e ombre, “Rare Birds”, sembra quasi che lo scopo sia quello di rappresentare tutte le variegate esperienze artistiche in un corpo unico: il piano prende possesso della scena, allontanando le speranze di molti fan della prima ora, costantemente in attesa di un guitar-album potente e graffiante.
Dalla psichedelia in stile Laurel Canyon (“Over The Midnight”) al noir romantico dei Pink Floyd il passo è comunque breve (“Sunset Blvd.” anticipata dalla coda di pochi secondi in perfetto stile David Gilmour di “There's A Light”); a volte sembra di avere tra le mani un disco di un altro Wilson (Steven) - in particolare nella title track e nelle grevi note di piano di “49 Hair Flips”.
Liricamente incentrato sul fallimento di una relazione, l’album offre una sequenza comunque ambiziosa di riferimenti e cliché tardi anni 80: dalla curiosa assonanza di “Trafalgar Square” con “Get It Right Next Time” di Gerry Rafferty, alle citazioni di “Don’t Come Around Here No More” di Tom Petty in  ”Hard To Get Over”, entrambi sconfinanti in un prog-funk di chiara marca gabrieliana.

In verità solo dopo molti ascolti la nebbia si dirada, mettendo in luce la reale portata del disco, il cui valore rischia di essere offuscato da un pregiudizio estetico che confonde la purezza con l’essenzialità.
“Rare Birds” è l’album più tradizionalista della carriera del musicista americano, anche se la stratificazione lirica e strumentale è alla fine più complessa di quanto sembri a un primo ascolto, un po’ come accadde per i Fleetwood Mac ai tempi del trittico miliardario (“Fleetwood Mac”, “Rumours”, “Tusk”), non a caso alcune atmosfere di “Loving You”, al di là del cammeo vocale di Laraaji, rimandano alla arcinota “Sara” o, se volete restare nel moderno, a qualcosa dei War On Drugs.

Wilson paga anche il suo personale tributo al pop inglese, con la mini-sinfonia pop in soli quattro minuti e quarantuno secondi di “Miriam Montague”, che mette in fila Kinks, Beatles ed Electric Light Orchestra con un tocco lieve e meno British; in converso il giocoso country stile CSN&Y di “Hi-Ho The Righteous” si tinge di introspezione e colpi di scena tipici del progressive.
Lana Del Rey restituisce il favore ricevuto per “Lust For Life” (il video di “Love”) nel gradevole pop-folk di “Living With Myself”, mentre Josh Tillman fa la sua bella presenza in “49 Hair Flips”, confermando il suo nuovo status creativo con una ballata pianistica che pesca sia in Elton John che nei Beach Boys.
Con questo ricco bagaglio di fascinazioni sonore il musicista conduce in porto l’album più fragile e vulnerabile della sua carriera. La varietà espressiva di “Rare Birds”, se da un lato svincola l’autore dalla forzata configurazione retrò che sembrava aver ingabbiato il suo profilo artistico, d’altro canto sottolinea quelle lievi défaillance (la voce non eccelsa, la scrittura  a volte prevedibile) che fino ad ora molti gli avevano perdonato in virtù di quell’aura mistica che lo accompagna.

Ora che Jonathan Wilson si è messo a nudo, è difficile prevedere quale sarà il responso del pubblico, per me la risposta (positiva) è racchiusa nei minuti conclusivi di questo estenuante album, ovvero “Mulholland Queen”: un avvolgente abbraccio lirico per piano e voce che alfine rassicura coloro che sull’onda dei singoli pubblicati temevano una debacle creativa.
Tirando le somme, “Rare Birds” è alfine quello che in gergo si ama definire un album transitorio o ancor meglio interlocutorio, la cui forza e tenacia rischia di essere apprezzata solo col passare del tempo.

(17/03/2018)



  • Tracklist
  1. Trafalgar Square
  2. Me
  3. Over The Midnight    
  4. There's A Light    
  5. Sunset Blvd.    
  6. Rare Birds
  7. 49 Hair Flips
  8. Miriam Montague
  9. Loving You
  10. Living With Myself
  11. Hard To Get Over
  12. Hi-Ho The Righteous
  13. Mulholland Queen




Jonathan Wilson su OndaRock
Recensioni

JONATHAN WILSON

Dixie Blur

(2020 - Bella Union)
La profonda svolta country del musicista e produttore americano

JONATHAN WILSON

Fanfare

(2013 - Bella Union)
Il cantautore losangelino abbandona la solitudine e torna con un disco ricco di ospiti e sonoritÓ folk-rock ..

JONATHAN WILSON

Gentle Spirit

(2011 - Bella Union)
L'esordio di uno dei produttori-guru della nuova scena folk americana. Nel segno di Neil Young

News
Live Report
Jonathan Wilson on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.