Bon Iver

i,i

2019 (Jagjaguwar) | folktronica, pop-songwriter

Giunti al cospetto di “22, A Million”, in molti hanno indugiato di fronte al poco agevole restyling sonoro di Justin Vernon. Nel tentativo di sconfiggere la mediocrità del linguaggio artistico, il musicista si è fatto trascinare da una frenesia creativa che ha provocato una vera e propria tracimazione di quella potenza armonica espressa nell’ascetico capolavoro “For Emma, Forever Ago”. In questo ipotetico duello tra vizio e virtù, si è inserita anche l’ultima sfida del musicista, che dopo aver stimolato le più ancestrali sinapsi, collaborando con Gayngs, Volcano Choir, Kanye West, St Vincent e così via, si è tuffato nel progetto “Big Red Machine” con la complicità di alcuni membri dei National, mettendo a punto un altro tassello della moderna astrazione pop.

Nonostante questa continua sinergia artistica con altre forme musicali, con il progetto Bon Iver ha tenuto salda la prua, coinvolgendo un numero sempre maggiore di amici e musicisti nel proprio meccanismo compositivo. “i,i” resta fedele alle interconnessioni tra elettronica e soul del precedente album, tentando di capitalizzarne le migliori suggestioni con un flusso pop lievemente più definito. Questo si traduce in un disco ancora una volta bifronte, diviso tra intuizioni di scrittura e d’arrangiamento di rara bellezza e qualche appunto distratto, vestito con sonorità ambiziose, che alfine rappresentano con dovizia la vacuità dei tempi correnti.

Non esiste miglior biglietto da visita, per “i,i”, del surreale pop di “iMi”, che oltre a beneficiare della presenza di James Blake, ostenta anche le sonorità più ardite del progetto. Un’epifania creativa che si rinnova con ancor più vigore nella geniale intuizione pop di “Hey, Ma”: una delle migliori composizioni di sempre, con Vernon che afferra tutto il potere lirico e strumentale del brano, facendolo esplodere a tratti, creando una dipendenza all’ascolto che non ha eguali. La tensione spirituale espressa in “22, A Million” è ancora intatta, ma alla solennità del precedente album si è ricongiunta la forza melodica dell’esordi: brani come “Faith”, “Naeem” fondono antico, moderno e contemporaneo, rinnovando le possibilità di un’evoluzione della musica pop come linguaggio universale, la stessa dottrina che spinge l'artista ad avvalersi della collaborazione di un'icona del pop come Bruce Hornsby in “U (Man Like)”.

Messi a nudo gli elementi base della musica pop americana (folk, soul ed elettronica), il musicista americano li scompone e li ricompone con una saggezza che è affine sia alle prerogative della musica sperimentale (“Yi”, “We”) sia al perfezionismo degli Steely Dan, sparpagliando cacofonie vocali/strumentali (“Holyfields”) e minimalismi austeri (“Jelmore”) all’interno di una rappresentazione allegorica di una realtà dove gli opposti non vanno necessariamente in conflitto, con la voce di Vernon a far da collante espressivo e descrittivo.

Le reminiscenze acustiche e dimesse di “Marion”, le giocose geometrie elettro-soul rimpolpate dal suono dei fiati di “Salem”, l’apparente futilità di “Sh’Diah” e le citazioni neoclassiche dell’incantevole chiosa di “RABi” sono parte di un’esaltante insieme di arte concettuale e musica popolare (ci sono spunti che vanno dalla musica anni 50 ad oggi), che concretizza fino in fondo lo sforzo creativo di Justin Vernon di evolvere gli iniziali input da solista in un progetto musicale collettivo (lo stesso moniker Bon Iver oggi corrisponde a una formazione di 5 elementi), consacrando “i,i” come l’album più completo di Justin Vernon.

(20/08/2019)



  • Tracklist
  1. Yi
  2. iMi
  3. We
  4. Holyfields ,
  5. Hey, Ma
  6. U (Man Like)
  7. Naeem
  8. Jelmore
  9. Faith
  10. Marion
  11. Salem
  12. Sh’Diah
  13. RABi




Bon Iver su OndaRock
Recensioni

BON IVER

22, A Million

(2016 - Jagjaguwar)
L'alter ego di Justin Vernon riemerge dai flutti digitali nella sua forma più precaria

BON IVER

Bon Iver

(2011 - Jagjaguwar / 4AD)
Una nuova stagione per Justin Vernon, alla ricerca di un linguaggio fatto di suggestioni

BON IVER

Blood Bank

(2009 - Jagjaguwar)
Quattro nuove pagine dal diario di Justin Vernon

BON IVER

For Emma, Forever Ago

(2007 - Jagjaguwar)
Il viaggio invernale di un eremita dell'anima

BON IVER

For Emma, Forever Ago

(2007 - Self-released/Jagjaguwar)
Il disco-icona del movimento folk dei Duemila e nel contempo la sua pietra tombale: un'opera unica, con ..

News
Live Report
Speciali

Bon Iver on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.