Cate Le Bon & Bradford Cox

Myths 004

2019 (Mexican Summer) | alt-pop

Così avvinghiati in copertina, Cate Le Bon e Bradford Cox sembrano volerci dimostrare quanto la loro recente unione artistica sia salda. Pochi mesi fa si era già concretizzata attraverso la co-produzione da parte della musicista gallese di “Why Hasn’t Everything Already Disappeared?”, ma evidentemente i due hanno trovato più di qualche punto in comune e hanno accettato di contribuire alla serie di release di coppia (siamo alla numero 4) organizzate dal Marfa Myths, un Festival che si svolge nel bel mezzo del deserto texano, impegnato anche in produzioni discografiche.

Radunato un gruppo di amici (Stella Mozgawa delle Warpaint, Stephen Black dei Sweet Baboo, Tim Presley dei White Fence e Samur Khouja), i due hanno scritto e registrato il disco nello spazio di una settimana. Tutto suona quindi immediato e verace, senza troppe sovrastrutture. Nelle sette tracce assemblate di getto convergono slanci alt-pop e clangori rumoristi, specie nella conclusiva “What Is She Wearing” (che sintetizza Patti Smith e Velvet Underground), ma i due protagonisti estraggono dal cilindro anche ipnotiche movenze da dancefloor alternativo (“Constance”) e incubi metropolitani declinati in filastrocca (“Fireman”, con tanto di sassofono a sorpresa nella seconda metà del brano, strumento che emergerà anche in altri frangenti del disco).

Cate e Bradford, due anime artisticamente irrequiete, qui perfettamente integrate, si dividono gli spazi senza mai pestarsi i piedi, prendendo il centro della scena ora lei (“Secretary”), ora lui (“Canto!”, che inevitabilmente richiama i Deerhunter), oppure lasciando che i propri esperimenti restino allo stadio strumentale (“Companions In Misfortune”, “Jericho”). Valutare “Myths 004” un mero progetto estemporaneo significherebbe limitarne il significato: preferiamo immaginare il tutto come delizioso assaggio di future colorate trasmutazioni.

(08/11/2019)

  • Tracklist
  1. Canto!
  2. Secretary
  3. Companions In Misfortune
  4. Constance
  5. Fireman
  6. Jericho
  7. What Is She Wearing
Cate Le Bon su OndaRock
Recensioni

CATE LE BON

Reward

(2019 - Mexican Summer)
Nuova prova in studio per l'irrefrenabile voce gallese

CATE LE BON

Crab Day

(2016 - Drag City)
Un'opera bizzarra e sfuggente per la gallese, sempre più a suo agio in California

CATE LE BON

Mug Museum

(2013 - Turnstile)
Ritorno in salsa vintage-pop per l'autrice gallese

CATE LE BON

Cyrk

(2012 - Ovni / Turnstile)
Cate, dal cognome altisonante e dalle origini francofone, chiede con successo asilo alla Regina

Cate Le Bon & Bradford Cox on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.