Apocalypse Lounge

Apocalypse Lounge

2020 (Tannen) | noir songwriting, trip-hop, jazz-funk, hip-hop

E’ un momento di iper-attività per Giovanni Succi. A poche settimane di distanza dall’uscita di “Carne cruda a colazione”, l’inconfondibile voce dei Bachi da Pietra è ora protagonista di un nuovo progetto, generato da un’idea di Riccardo Orlandi. Il fondatore della Tannen Records ha pensato di recuperare estratti da vecchie colonne sonore degli anni 60 e 70, campionarle, e utilizzarle come base di partenza per elaborare canzoni inedite adeguatamente trasversali. Ha poi girato le bozze a una serie di musicisti che di recente hanno gravitato intorno alla Tannen.

I poco catalogabili Apocalypse Lounge nascono così, con Succi che si fa carico di scrivere i testi e di mettere la voce su quasi tutte le tracce, conferendo un’identità all’insieme. Ma non è il solo uomo immagine in questo "aperitivo" che prelude alla fine del mondo: le parti femminili sono state affidate a Francesca Amati dei Comaneci, mentre un nutrito gruppo di amici ha ben volentieri portato preziosi contributi. Fra questi troviamo il violino del signor Bologna Violenta, Nicola Manzan, e la chitarra dei Calibro 35, Massimo Martellotta, ma fra i credits non sfuggirà di certo il nome dei Kill The Vultures: il duo hip-hop di Minneapolis è autore ed esecutore della conclusiva “I’m Going Under”.

Il vocione di Succi incute rispetto e trova espressione in liriche che riescono a unire denuncia e sarcasmo, specie nell’amara retrospettiva storica di “Happy 1942”. Il sax di Antonio Gallucci e il lavoro di scratch operato da DJ Argento regalano ulteriori punteggiature, con derive che si spingono ora verso l’eleganza del jazz, ora verso i suoni urban più contemporanei, arrivando a lambire persino il trip-hop in un paio di circostanze, centrandolo in pieno con “Time Out”. “Apocalypse Lounge”, mattone dopo mattone, diventa in questo modo un contenitore che spazia dal cantautorato noir post-moderno di “Two Guys” all’avvolgente groove di “Funky Doom”.

In un momento storico durante il quale i dischi si vendono con difficoltà, unire le forze per dar vita a progetti condivisi è un’opportunità da non tralasciare, per qualsiasi musicista capace e lungimirante. Mentre si lavorava alle tracce musicali, il collettivo si è felicemente allargato anche agli aspetti visivi: l’artista portoghese Braulio Amado ha realizzato le copertine dei singoli digitali, Stefano Buro ha creato i video d’animazione, Giulia Mazza ha architettato le inquietanti fotografie senza volti, fra le quali quella scelta per la copertina dell’album.

(04/02/2020)

  • Tracklist
  1. Intro
  2. Apocalypse Lounge (feat. Giovanni Succi & Francesca Amati)
  3. Happy 1942 (feat. Giovanni Succi)
  4. Funky Doom (feat. Giovanni Succi)
  5. Let’s Sleep (feat. Giovanni Succi & Francesca Amati)
  6. Mandinga (feat. Giovanni Succi)
  7. Apocalypse Beat (feat. Mingle)
  8. Moka Please (feat. Giovanni Succi)
  9. Time Out (feat. Giovanni Succi & Francesca Amati)
  10. Two Guys (feat. Giovanni Succi)
  11. I’m Going Under (feat. Kill The Vultures)




Giovanni Succi su OndaRock
Recensioni

GIOVANNI SUCCI

Carne cruda a colazione

(2019 - La Tempesta / Soviet Studio)
Quarto ispirato disco solista per la storica voce dei Bachi Da Pietra

GIOVANNI SUCCI

Con ghiaccio

(2017 - La Tempesta)
Alla terza avventura solista, il cantante dei Bachi da Pietra si cimenta con materiale autografo

News
Apocalypse Lounge on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.