Residents

Metal, Meat & Bone

2020 (Cherry Red Records) | avant-rock, blues, weird

Due anni fa piangevamo la perdita di Hardy Fox, storico membro dei Residents ormai giunti a quello che si poteva immaginare come il canto del cigno di una carriera straordinaria segnata dall'invisibilità, dall'oscurità e dai suoni più weird che la musica rock ci abbia mai regalato. Dopo “The Ghost Of Hope” (2017), “Intruders” (2018) e la scomparsa di Hardy, non era facile immaginare un nuovo album a nome Residents. Ma d'altronde chi potrebbe mai essere sicuro che una band capace di celare i propri volti e nomi per decenni non ci stia prendendo in giro per l’ennesima volta e che magari Hardy sia vivo e vegeto a programmare nuove strambe avventure residentsiane.

Eccoci quindi nel 2020 a parlare del quarantasettesimo (!) album (qualcuno direbbe ironicamente “morto che parla”) pubblicato come se nulla fosse cambiato dai capolavori “Meet The Residents” (1974) o “Not Available” (1978), se non i travestimenti (da bulbi oculari o crostacei a cani rabbiosi), con suoni simili e reminiscenze di quello stile inconfondibile che li ha contraddistinti per decenni e che rende ogni loro brano un inno assoluto al regno del bizzarro e del nonsense più ironico.

“Metal, Meat & Bone” è l’omaggio al misterioso e misconosciuto bluesman Alvin Snow, detto Dyin’ Dog, prematuramente scomparso nel 1976. Il ritrovamento di alcune cassette permette alla band di ricordare un musicista maledetto, tipico bluesman da strada che non ha avuto e non avrà mai gli onori della cronaca. Il blues di Dyin’ Dog viene centrifugato e destrutturato, come già fatto in passato con band come Beatles o Rolling Stones, mantenendo però una più marcata riconoscibilità rispetto all'originale. Un viaggio nella follia e nella povertà, uno sguardo nella vita disincantata e nell’arte di un musicista che urla la realtà che ha davanti ai suoi occhi senza edulcorarla (“non ho nessuno, non ho una casa, sto solo cercando un posto dove seppellire il mio osso”), una vita da cane randagio ai margini della società, ogni giorno a tu per tu con la morte.

Da questa visione nascono “Bury My Bone”, uno dei vertici dei Residents degli ultimi anni e “DIE! DIE! DIE!”, blues apocalittico urlato, con la voce di Black Francis dei Pixies e dei testi crudeli che nel video hanno il volto di Trump. Una vita passata sempre al confine tra la vita e morte, tra il giorno e la notte, dove anche il sogno non sembra essere una pausa dalla crudeltà dell’esistente (“The Dog’s Dream”). Il disco si chiude con le registrazioni originali di Alvin Snow. Tutto è in perfetto stile Residents, senza i vertici dei loro migliori anni, ma poco importa.
Riflettendo i dubbi si sciolgono, i Residents sono figli di una dimensione parallela e, non esistendo davvero, non possono morire. Hardy Fox è ancora tra noi, ne sono sicuro.

(10/08/2020)



  • Tracklist
  1. Bury My Bone
  2. Hungry Hound
  3. DIE! DIE! DIE!
  4. River Runds Dry
  5. The Dog's Dream
  6. I Know
  7. Pass For White
  8. Tell Me
  9. Mama Don't Go
  10. Dead Weight
  11. Cold As A Corpse
  12. Blood Stains
  13. Cut To The Quick
  14. She Called Me Doggy
  15. Evil Hides
  16. Midnight Man


Residents su OndaRock
Recensioni

RESIDENTS

Intruders

(2018 - Cherry Red)
L'ultimo album dei geniali spettri californiani, (forse) in ogni senso

RESIDENTS

The Ghost Of Hope

(2017 - Cherry Red)
L'inquietante storia dei disastri ferroviari americani nel disco-racconto dei Residents

RESIDENTS

Not Available

(1978 - Ralph)

RESIDENTS

Meet The Residents

(1974 - Ralph)
L’icona del sottosuolo, un crossover “totale” e cubista di generi musicali

News
Speciali

Residents on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.