Courtney Barnett

Things Take Time, Take Time

2021 (Mom+Pop/Marathon) | slacker rock, songwriter

Fare le cose per bene richiede tempo e dedizione, c'è poco da fare. E ci sono momenti della vita nei quali è bene prendersi del tempo, rallentare, dedicarsi un pochino egoisticamente a sé stessi. Certo, per molte persone potersi fermare è un lusso, ma ci ha pensato la pandemia a regalarci il far nulla più democratico di sempre, respirato in quei drammatici giorni del lockdown. Il mondo intero obbligato in casa a rimuginare sulla propria vita, privato di ogni energia. Courtney Barnett aveva vissuto i mesi precedenti fra frenetici tour intorno al globo, la preoccupazione per gli incendi che stavano devastando la sua Australia, un paio di dolorosi lutti e gli strascichi per la fine della relazione con la cantautrice Jen Cloher, giunta al capolinea nel 2018.

In questa cornice, tutt'altro che confortante, nascono le dieci tracce che compongono "Things Take Time, Take Time", non a caso il disco più intimo e introspettivo nella carriera della Barnett. Non esattamente un lavoro spoglio, ma di sicuro meno arrangiato di "Tell Me How You Really Feel" e molto meno elettrico di "Sometimes I Sit And Think". Interamente suonato e prodotto in coppia con Stella Mozgawa, la batterista delle Warpaint, "Things Take Time, Take Time" conferma l'atteggiamento slacker vagamente annoiato di Courtney, amplificato dal ritrovarsi costretta a osservare per giorni il mondo dalla finestra, situazione che non intacca la logorroica ironia che da sempre contraddistingue i suoi testi, in realtà in questa occasione meno prolissi del solito.

Con un'andatura ciondolante da tardo pomeriggio assolato, la Barnett ripone in un angolo ruvidità grunge e perfezionismi da studio di registrazione per puntare dritta verso l'essenzialità. Il problema è che stavolta la qualità delle canzoni non si posiziona al medesimo livello dei precedenti capitoli della sua discografia. Fra i momenti che spiccano, vanno segnalate le belle rotondità del primo singolo "Rae Street" e la brillante "Write A List Of Things To Look Forward To", oltre alla closing section di "Turning Green", nella quale si diletta in un'intrigante escursione chitarristica, senza mai esagerare.
Volato al quinto posto delle chart australiane, l'album non è però riuscito ad agganciare la fascia alta delle classifiche in Inghilterra e Stati Uniti: forse non era esattamente il disco che oggi il mondo si aspettava da lei.

(25/11/2021)

  • Tracklist
  1. Rae Street
  2. Sunfair Sundown
  3. Here's The Thing
  4. Before You Gotta Go
  5. Turning Green
  6. Take It Day By Day
  7. If I Don't Hear From You Tonight
  8. Write A List Of Things To Look Forward To
  9. Splendour
  10. Oh The Night








Courtney Barnett su OndaRock
Recensioni

COURTNEY BARNETT

MTV Unplugged Live In Melbourne

(2020 - Milk!)
Otto tracce "a spina staccata" registrate dalla cantautrice australiana per il celebre format televisivo ..

COURTNEY BARNETT

Tell Me How You Really Feel

(2018 - Milk!)
L'atteso ritorno della golden girl dell'alt-rock, tra alti e bassi

COURTNEY BARNETT & KURT VILE

Lotta Sea Lice

(2017 - Marathon Artists)
Una delle collaborazioni più attese dell'anno, in un country chitarristico dal gusto trasandatamente ..

COURTNEY BARNETT

Sometimes I Sit And Think, And Sometimes I Just Sit

(2015 - Mom + Pop)
Tanto talento - ma anche "attitudine" - nell'esordio della nuova regina dello slacker

News
Courtney Barnett on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.