Courtney Barnett

Courtney Barnett

La riscossa dell'estetica slacker

di Claudio Lancia

La cantautrice australiana è rapidamente assurta a figura di riferimento della cultura slacker, incarnando sensazioni, emozioni e lifestyle della propria generazione. Dai primi Ep al successo mondiale, ottenuto grazie a “Sometimes I Sit” e “Tell Me How You Really Feel”, ecco la sua storia, dalle strade di Melbourne ai palcoscenici dei festival più importanti

Se c’è una cantautrice che meglio di qualunque altra ha saputo incarnare negli anni Dieci l’essenza della cultura slacker, questa è senz’altro Courtney Melba Barnett, nata a Sydney (Australia) il 3 novembre del 1987 e assurta con rapidità a figura di culto della scena indipendente mondiale, mettendo in musica e parole sensazioni, emozioni e lifestyle della propria generazione.

Mentre studia sui banchi della Tasmanian School Of Art, nella cittadina di Hobart, la giovane Courtney si forma musicalmente consumando a casa sia i dischi delle migliori band alt-rock americane, sia quelli dei songwriter originari della terra natia, quali Darren Hanlon e il più noto Paul Kelly, che la ispireranno non poco nella scrittura dei primi brani.
All’alba degli anni Dieci già suona la chitarra in una garage-band di Melbourne con attitudini grunge, i Rapid Transit, che realizzeranno un album omonimo distribuito soltanto in formato cassetta, divenuto poi oggetto di culto. Mentre si mantiene consegnando pizze a domicilio, a 24 anni Courtney entra nella band psych-country Immigrant Union, un side-project di Brent DeBoer dei Dandy Warhols. Con loro parteciperà alle registrazioni del secondo album, Anyway, suonando prevalentemente la chitarra slide e contribuendo ai cori. DeBoer ricambierà suonando la batteria nel primo Ep dell’amica.

I’ve Got A Friend Called Emily Ferris è l’esordio assoluto di Courtney come solista, sei tracce pubblicate ad aprile del 2012 per la neonata etichetta di proprietà Milk! Records. La giovane cantautrice potrà avere dal punto di vista artistico tratti ancora acerbi, ma la visione è subito chiara, quella di una nuova rocker dall’estetica DIY, che intende autoprodursi dimostrando di aver metabolizzato ad arte tutto il buono della scena alt-rock e grunge degli anni 90. L’iniziale “Lance Jr.” è una simpatica risposta a “Lance” dei Dandy Warhols, eseguita come se Cat Power stesse cantando sugli accordi di “Polly” dei Nirvana. Nella successiva “Are You Looking After Yourself” il punto di riferimento è invece la prima PJ Harvey (ma la coda strumentale è molto Pavement), per uno dei testi che faranno di Courtney la nuova eroina slacker-rock.
Esteticamente slacker è anche il videoclip girato per promuovere “Scotty Says” (dove la voce si avvicina a un’ipotesi di Sheryl Crow) che ritrae una coppia in stato di simpatico fancazzismo per le strade di una cittadina di provincia. “Canned Tomatoes” rappresenta invece il tentativo di unire i suoni degli Yo La Tengo (con tanto di chitarroni dissonanti) e il cantato degli Stereolab: gli ingredienti insomma sono tanti, e quasi tutti recuperati da quegli anni 90 mai dimenticati, neppure da chi per ragioni anagrafiche non ha potuto viverli da protagonista. Nell’aspetto della Barnett affiora tutta l’ordinata trasandatezza di quei tempi, unita a un taglio di capelli normale, una faccia acqua e sapone e tanto sarcasmo rimasticato per lunghi oziosi pomeriggi, travasato in canzoni che suonano benissimo, pur conservando tutti gli stilemi dell’approccio lo-fi, canzoni perfettamente riuscite, pur senza spiccare per originalità.

Un anno più tardi (ottobre 2013) esce un altro Ep di sei tracce, How To Carve A Carrott Into A Rose. Sin dall’iniziale “Out Of The Woodwork” risulta evidente la crescita compositiva della Barnett, in equilibrio fra il songwriting introspettivo di Elliott Smith e quel velo di suadente mistero a metà strada fra una Hope Sandoval e una Lana Del Rey del circuito alternativo. “Avant Gardener” è la sua prima piccola hit, che inizierà a farla conoscere oltre confine, anche per merito del supporto dato dall’inserimento della canzone nella serie televisiva di grande successo "Bojack Horseman".
“History Eraser” torna a ricordare i Nirvana, ma con un testo dal lungo svolgimento, quasi un Dylan apocrifo, “David” unisce invece il David Bowie di “Jean Genie” con i Doors di “Love Me Two Times”, frullando il tutto a uso e consumo dei college americani. La lenta conclusiva “Anonymous Club” finirà quattro anni più tardi nella colonna sonora del film “In The Fade”, premiato sia al Festival di Cannes (dove Diane Kruger si aggiudicherà il riconoscimento per la Migliore interpretazione femminile) che ai Golden Globes (Miglior film straniero).

Nel 2014 arriva la firma per la Marathon Records, etichetta che ripubblicherà i primi due Ep - velocemente assurti a cult record della scena indie - in un unico disco intitolato The Double Ep: A Sea Of Split Peas, una sorta di primo album della cantautrice australiana, il quale verrà distribuito nel 2014 anche negli Stati Uniti, ricevendo ottimi riscontri dalla critica musicale.

Nel 2013 Courtney suona la chitarra nel terzo album di Jen Cloher, "In Blood Memory", pubblicato dalla Milk! Records. E’ l’inizio di una collaborazione che viaggerà in parallelo con la relazione sentimentale che legherà le due cantanti fino al 2018.
Nel 2014 l’inedito “Pickles From The Jar” viene inserito nella compilation "A Pair Of Pears With Shadows", edita dalla Milk! Records per promuovere i propri talenti. L’esperimento si ripeterà due anni più tardi, quando nella compilation "Good For You" comparirà la briosa “Three Packs A Day”. Lo stesso anno Courtney sarà invitata da Bryce Dessner a partecipare al tributo monstre ai Grateful Dead "Day Of The Dead", per il quale registra una personale cover di “New Speedway Boogie”.

Ma il disco che muterà il destino della giovane cantautrice arriva a metà marzo del 2015, Sometimes I Sit And Think, And Sometimes I Just Sit, titolo che in quanto a lunghezza replica l’adorabile logorrea presente nei testi delle sue canzoni, dalle quali traspare sempre il piglio da acuta scrittrice e brillante osservatrice. Il disco viene registrato a Melbourne in soli otto giorni: per lasciare inalterata la freschezza dei brani, li ha fatti ascoltare alla band soltanto appena prima di eseguirli, nonostante la fase di minuziosa scrittura sia durata circa un anno. Pubblicato in contemporanea mondiale, grazie all’ausilio delle label House Anxiety e Mom + Pop, l’album concretizza il lucido stream of consciousness dell’autrice sin dalle iniziali “Elevator Operator” e “Pedestrian At Best”, brano quest’ultimo che decreta per la prima volta il successo planetario di Courtney.
L’artista – responsabile anche dell’artwork - si muove fra schitarrate liberatorie e simpatica insolenza, imponendo le eterne indecisioni di “Nobody Really Cares If You Don’t Go To The Party”, la Kim Deal immersa nell’acido lisergico di “Small Poppies”, l’alt-country velvettiano e spazzolato di “Depreston”, il power-pop da Mtv Generation di “Aqua Profunda!” e “Debbie Downer”, gli aromi lisergici – fra Velvet Underground e Doors - di “Kim’s Caravan”.
Nella versione deluxe in doppio vinile compare come bonus la lenta e psichedelica “Stair Androids & Valley Um…”, inizialmente inserita come ghost track nell’edizione australiana del lavoro. Un brano di Sometimes I Sit, "Boxing Day Blues", sarà rielaborato qualche mese più tardi in chiave più rock assieme a Jack White, per divenire parte delle Blu Series edite dalla Third Man Record, etichetta discografica con base a Nashville fondata dallo stesso White. Questa versione "Revisited" verrà distribuita in versione 7", con l'inclusione della cover di "Shivers", brano di Rowland S. Howard, chitarrista dei Birthday Party, scomparso nel 2009.

Sometimes I Sit And Think, And Sometimes I Just Sit si arrampica fino alla quarta posizione nella classifica degli album più venduti in Australia, si piazza al trentanovesimo posto nella chart di fine anno e porta a casa un disco d’oro grazie alle 35.000 copie distribuite. Nominato in otto categorie agli ARIA Music Award, i Grammy australiani, se ne aggiudica ben quattro nelle seguenti categorie: “Breakthrough Artist”, “Best Female Artist”, “Best Independent Release” e “Best Cover”. Non vincerà invece nelle categorie “Album Of The Year” e “Best Rock Album”, battuta da “Currents” dei Tame Impala.
Lontano da casa l’album raggiunge il sedicesimo posto nelle classifiche inglesi (con una nomination ai Brit Awards come “Best International Female”), la vetta della chart di Billboard dedicata agli album indipendenti, e persino la prestigiosa nomination ai Grammy Awards nella categoria “Best New Artist”. A suggellare la fama conseguita in territorio americano, nel maggio del 2016 sarà ospite di Jimmy Fallon nel seguitissimo Tonight Show, dove ritornerà due anni più tardi per presentare il suo album successivo.

A novembre del 2016 viene pubblicato Live At Electric Lady Studios, contenente sei fra le tracce più rappresentative dei primi due Ep, che qui trovano nuova linfa grazie alla carica sprigionata sul palco dall’artista. Dal vivo, così come in studio, è accompagnata da Dave Mudie alla batteria, Bones Sloane al basso, e spesso da Dan Luscombe dei Drones alla chitarra, il quale ha sempre partecipato anche alla co-produzione di tutti i dischi. Quando Luscombe non è disponibile, la band si presenta quasi sempre come trio, con Courtney impegnata in tutte le parti di chitarra.
A maggio del 2017 esce "How To Boil An Egg", singolo inedito, che non aveva trovato sino allora posto nei lavori della cantautrice. Il brano è acquistabile sottoscrivendo il progetto Split Singles Club, una serie creata dalle etichette indipendenti Milk! Records e Bedroom Suck.

Nel frattempo Courtney è diventata una piccola star del circuito indipendente e, incontrata l’anima artisticamente affine Kurt Vile, scrive e registra con lui un album a quattro mani, uno dei lavori più attesi dell’anno. Ma in Lotta Sea Lice, pubblicato nel 2017, il duo in camicia di flanella si lascia andare – e c’era da aspettarselo, conoscendo i protagonisti - a qualche lungaggine di troppo. Si rinnova nell’immaginario collettivo il romantico ricordo di una Courtney e di un Kurt, uniti assieme, seppur le nove canzoni qui incluse non abbiano quasi mai la forza di assecondare le altissime aspettative riposte dai fan, eccezion fatta per qualche episodio più riuscito, come “Over Everything” e “Outta The Woodwork”. Alle registrazioni partecipano amici musicisti, fra i quali spiccano le presenze di Stella Mozgawa delle Warpaint e di Mick Harvey.
Per gran parte del disco la sensazione è di ascoltare le riprese di un pomeriggio in cui si è esagerato con le droghe leggere e si è lasciato il microfono acceso mentre si strimpellava annoiati sul divano per ingannare il tempo. La presenza di Courtney, rispetto ai progetti del Vile solista, porta in dotazione una sana discontinuità, concretizzata anche attraverso un paio di tracce cantate in solitudine, “On Script” e “Peepin’ Tom”, quest’ultima con il solo accompagnamento della chitarra.
Lotta Sea Lice, pur non lasciando molta sostanza, contribuisce comunque a cristallizzare il talento randagio e sincero della Barnett. Un talento che qui resta espresso non al pieno delle proprie potenzialità, in canzoni pulsanti ma incompiute, che difficilmente riescono a insidiarsi sottopelle, prive di qualsiasi gancio da ricordare.

Nel 2018 è la volta di Tell Me How You Really Feel, che conferma Courtney fra le golden girl della scena alt-rock internazionale. Continua a emergere forte la sua anima grunge/alternative, specie nei brani più tirati, quali “Charity” e “Nameless, Faceless” o in una “I’m Not Your Mother, I’m Not Your Bitch” che la trasforma persino in una riot grrrl per un paio di minuti. Più concisa rispetto al passato nella stesura dei testi, la Barnett sembra intenzionata a voler allargare lievemente i propri orizzonti stilistici, azzeccando fra l’altro la ballata della vita, nella perfezione formale di “Need A Little Time”, strutturata alla maniera di “Scar Tissue”: strofa–ritornello–breve assolo di chitarra.
I sottili feedback che squarciano la parte finale della sorniona “Hopefulessness”, l’approccio sonico di “City Looks Pretty” e i languori roots di “Sunday Roats” sono altri ingredienti di un disco che non riesce a superare il livello dell’album d’esordio soltanto perché sul finale tenda un pochino ad appiattirsi. Ospiti importanti, ma non troppo visibili, le sorelle Kim e Kelly Deal (Breeders).
Tell Me How You Really Feel si piazza bene nelle classifiche, raggiungendo la seconda posizione in Australia, la nona in Inghilterra e la ventiduesima nell’americana Billboard 200. Il disco fa incetta di nomination agli ARIA Awards, ben nove, aggiudicandosi due premi nelle categorie “Best Rock Album” ed “Engineer Of The Year”, per il lavoro svolto in studio da Burke Reid.

Nel 2019 Courtney appare come headliner in molti cartelloni dei più importanti e influenti festival, sia in Europa che dall’altro lato dall’Atlantico, dal "nostro" Beaches Brew al Primavera Sound di Barcellona, fino al famigerato Woodstock 50, cancellato poche settimane prima del previsto svolgimento.
Fra un palco e l’altro, Courtney non smette di diffondere nuova musica: ecco quindi i singoli “Small Talk”, inedito inserito nella compilation "10 Years Of Mom + Pop" (ottobre 2018) ed “Everybody Here Hates You”, rilasciato ad aprile 2019 in occasione del Record Store Day, con “Small Talk” come B-side.

A ottobre 2019 diffonde in streaming la cover dei Loose Tooth "Keep On", inclusa nella compilation Milk On Milk edita dalla Milk! Records e disponibile dal 15 novembre successivo. Nella compilation sono presenti nove tracce nelle quali gli artisti si coverizzano a vicenda. Evelyn Ida Morris si occupa di rielaborare "Nameless, Faceless".
Nel numero di novembre del magazine specializzato inglese Uncut viene allegata una compilation tributo ai Wilco, Wilco Vered, alla quale partecipano molti artisti importanti. Courtney Barnett contribuisce con una propria versione di "Dawned On Me".

L'anno si chiude con la diffusone di un MTV Unplugged, registrato a Melbourne il 22 ottobre. Otto tracce proposte in acustico, seconda la tradizione del format, che anticipano un tour che Courtney sta progettando per il 2020, che la vedrà esibirsi in solitudine, soltanto voce e chitarra. Disponibile in streaming dal 6 dicembre, la versione fisica sarà distribuita a partire dal 21 febbraio 2020.

Courtney Barnett

La riscossa dell'estetica slacker

di Claudio Lancia

La cantautrice australiana è rapidamente assurta a figura di riferimento della cultura slacker, incarnando sensazioni, emozioni e lifestyle della propria generazione. Dai primi Ep al successo mondiale, ottenuto grazie a “Sometimes I Sit” e “Tell Me How You Really Feel”, ecco la sua storia, dalle strade di Melbourne ai palcoscenici dei festival più importanti ..
Courtney Barnett
Discografia
 I've Got A Friend Called Emily Ferris (Ep, Milk!, 2012)6,5
 How To Carve A Carrot Into A Rose (Ep, Milk!, 2013)6,5
 The Double Ep: A Sea Of Split Peas (ristampa dei primi due Ep, Milk!, 2014)6,5
 Sometimes I Sit And Think, And Sometimes I Just Sit (Milk!, 2015)7,5
 Live At Electric Lady Studios (Ep live, Mom + Pop, 2015)6,5
 Lotta Sea Lice (with Kurt Vile, Milk!, 2017)5,5
 Tell Me How You Really Feel (Milk!, 2018) 7
 MTV Unplugged - Live In Melbourne (live, Milk!, 2020) 6,5
pietra miliare di OndaRock
disco consigliato da OndaRock

Video
Scotty Says
(videoclip da I've Got A Friend Called Emily Ferris, 2012)
History Eraser
(videoclip da How To Carve A Carrot Into A Rose, 2013)
Avant Gardener
(videoclip da How To Carve A Carrot Into A Rose, 2013)
Pedestrian At Best
(videoclip da Sometimes I Sit And Think, And Sometimes I Just Sit, 2015)
Depreston
(videoclip da Sometimes I Sit And Think, And Sometimes I Just Sit, 2015)
Kim's Caravan
(videoclip da Sometimes I Sit And Think, And Sometimes I Just Sit, 2015)
Dead Fox
(videoclip da Sometimes I Sit And Think, And Sometimes I Just Sit, 2015)
Nobody Really Cares If You Don't Go To The Party
(videoclip da Sometimes I Sit And Think, And Sometimes I Just Sit, 2015)
Elevator Operator
(videoclip da Sometimes I Sit And Think, And Sometimes I Just Sit, 2015)
Over Everything (with Kurt Vile)
(videoclip da Lotta Sea Lice, 2017)
Continental Breakfast (with Kurt Vile)
(videoclip da Lotta Sea Lice, 2017)
Nameless Faceless
(videoclip da Tell Me How You Really Feel, 2018)
Need A Little Time
(videoclip da Tell Me How You Really Feel, 2018)
City Looks Pretty
(videoclip da Tell Me How You Really Feel, 2018)
Charity
(videoclip da Tell Me How You Really Feel, 2018)
Sunday Roast
(videoclip da Tell Me How You Really Feel, 2018)
Small Talk
(videoclip, 2018)
Everybody Here Hates You
(videoclip, 2019)
 
  
Live on KEXP (full performance)
(July 2014)
Live on KEXP (full performance)
(October 2018)
Pitchfork Music Festival 
(full set, 2018)
  
Courtney Barnett su OndaRock
Recensioni

COURTNEY BARNETT

Tell Me How You Really Feel

(2018 - Milk!)
L'atteso ritorno della golden girl dell'alt-rock, tra alti e bassi

COURTNEY BARNETT & KURT VILE

Lotta Sea Lice

(2017 - Marathon Artists)
Una delle collaborazioni più attese dell'anno, in un country chitarristico dal gusto trasandatamente ..

COURTNEY BARNETT

Sometimes I Sit And Think, And Sometimes I Just Sit

(2015 - Mom + Pop)
Tanto talento - ma anche "attitudine" - nell'esordio della nuova regina dello slacker

News
Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.