Mdou Moctar

Afrique Victime

2021 (Matador/Beggars Group / Indigo) | african-folk-rock

È entrato nelle nostre case e ha agitato cuori e coscienze: il desert-blues non è più un emerito sconosciuto. L’ingresso del terzo millennio sarà infatti ricordato dagli storici della musica rock occidentale soprattutto per lo sdoganamento di una realtà artistica pregante e vitale come poche. Tamikrest, Tinariwen, Songhoy Blues, Imarhan, Kel Assouf, Bombino sono solo alcuni dei tasselli di una scena ricca di personalità artistiche ben definite e originali.
Chitarrista di raro pregio, Mahamadou Souleymane, noto come Mdou Moctar, è un artista nato nella città di Agadez, situata nel cuore del Niger, già noto a qualche lettore più attento delle nostre pagine grazie all’argomentato encomio per l’album del 2019, “Ilana: The Creator”, progetto che avrebbe meritato una maggiore attenzione da parte di pubblico e critica.
La band di Mdou Moctar è un affiatato quartetto composto, oltre che dal leader, da un secondo chitarrista Ahmoudou Madassane, dal batterista Mazawadje Aboubacar Ibrahim e dal bassista Mikey Coltun, musicista jazz americano noto per aver collaborato con Steve Gunn. “Afrique Victime” giunge dopo ben quattro album, una colonna sonora e un film autobiografico sullo stile di “Purple Rain”, ed è il primo progetto destinato a una diffusione su larga scala: un contratto con la Matador.

Per Mdou Moctar non è stato facile essere musicista in una terra come il Niger: era comunque giovanissimo quando, di nascosto dai genitori, ha costruito una chitarra con un pezzo di legno e cinque cavi dei freni della bicicletta, suonando occasionalmente a feste e matrimoni.
Scoperto dal manager dell’etichetta americana Sahel Sounds, il giovane del Niger ha coltivato il proprio talento imitando i grandi chitarristi occidentali, fino a raggiungere una certa notorietà, consolidata recentemente dalla partecipazione all’ultimo album di Matt Sweeney e Bonnie “Prince” Billy (“Superwolves”). Il pregio dei Mdou Moctar è quello di trascinare il desert-blues in una dimensione più popolare e universale. Le vibrazioni del rock anni 70, della psichedelia, del blues  di John Lee Hooker sono la materia principale di “Afrique Victime”, ma più che Jimi Hendrix, è Van Halen il riferimento creativo dell’irruenza creativa del musicista.

Alla radice della trascinante formula sonora c’è lo stile takamba, la tipica musica popolare che in Niger accompagna feste e matrimoni. La formula di Mdou Moctar, però, non volge lo sguardo solo al passato, ma assorbe al suo interno un linguaggio giovanile e rivoluzionario che ha profonde connessioni con quell’attitudine che noi occidentali chiamiamo punk e che si traduce musicalmente nella commistione di funk, space-rock ed elettronica.
Il passaggio d’etichetta non allenta né stempera l’energia e il vigore della band, al contrario, “Afrique Victime” è l’album più diretto e aspro nei confronti del violento e crudele imperialismo francese, che non solo ha depredato la ricchezza del popolo, l’uranio, ma ha massacrato con ferocia bambini, donne e uomini, radendo al suolo intere comunità e ammucchiando cadaveri come si usa fare con le foglie morte. Ed è nella title track che tutta questa energia mista a rabbia esplode, forgiando un capolavoro di ben sette minuti ritmicamente trascinanti, tra tamburi rotolanti nonché incendiari e selvaggi assolo di chitarra che traducono in note la potenza della parola.

Tanto vigore è in verità già dispensato dalla prima traccia “Chismiten”, un affilato desert-rock-blues che detta le coordinate dell’intero album, con policrome divagazioni sul tema che si nutrono di ipnotica psichedelia (“Ya Habibti”), di inquietudine (“Untitled”) e di ritualità pagana (“Asdikte Akal”).
Mentre la dolcezza del dialogo tra chitarre di “Taliat” resta ardente e impetuosa, la magia del fingerpicking e dell’acustica che permea la poetica “Tala Tannam” scivola nella profondità dell’anima, anticipando il misticismo della preghiera di “Bismilahi Atagah”, che chiude le danze di un disco destinato a segnare indelebilmente l’anno in corso.

“Afrique Victime” non è solo un progetto concettualmente e politicamente forte, ma è anche un vivido diario di un’umanità che ancora brama amore, pace e libertà, conquiste che noi occidentali diamo per scontate e che sono altrove negate, ed è giunto il momento di rivendicare questi diritti per chiunque sia vittima di soprusi e delitti impuniti. Siamo un po' tutti africani.

(03/06/2021)

  • Tracklist
  1. Chismiten
  2. Taliat
  3. Ya Habibti
  4. Tala Tannam
  5. Untitled
  6. Asdikte Akal
  7. Layla
  8. Afrique Victime
  9. Bismilahi Atagah




Mdou Moctar su OndaRock
Recensioni

MDOU MOCTAR

Ilana: The Creator

(2019 - Sahel Sounds)
Il formidabile chitarrista nigerino registra il suo primo album in uno studio professionale

Mdou Moctar on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.