Pinhdar

Parallel

2021 (Fruits de Mer) | darkwave, ethereal-wave

Fare un volo pindarico, ossia allontanarsi dalla realtà con l’intento di proiettarsi altrove, estremizzando di conseguenza concetti, pensieri e sensazioni sparse. La celebre espressione associata al poeta Pindaro è la griglia di partenza per addentrarsi nell’universo parallelo dei Pinhdar, il cui nome è appunto un omaggio all’antico cantore greco.

“Parallel”, secondo album del duo composto dalla cantante e autrice Cecilia Miradoli e dal musicista e produttore Max Tarenzi, in passato fondatori della rock band Nomoredolls e del festival internazionale A Night Like This, è infatti un volo figurato sulla fragilità dell’uomo attuato secondo gli umori cupi della darkwave più introspettiva, quella che, per intenderci, collega i primissimi Cure e i Virgin Prunes.
Non solo: nelle otto tracce del disco, i Pinhdar esplorano territori impervi, virando in vari momenti (“Corri”) anche verso partiture post-rock espanse. Ma ciò che cattura l'attenzione non può che essere la presenza in cabina di regia - rigorosamente a distanza, vista la pandemia - del sommo Howie B, musicista e produttore scozzese che nel corso della sua carriera ha collaborato con giganti come U2, Björk, Massive Attack, Tricky, Everything But The Girl e una serie ben nutrita di italiani, in particolare Casino Royale, Marlene Kuntz, Elisa e Ofeliadorme.

E’ un amplesso artistico convincente, quello tra i Pinhdar e Howie B, a impreziosire un'opera in cui svettano i tumulti ritmici e gli squarci alla chitarra di “Atoms And Dust”, le tribolazioni vagamente mefistofeliche di “Hidden Wonders” e la sacralità spezzata dell’introduttiva “Anacreonte”, altro inchino alla Grecia antica attraverso la diretta citazione di uno dei suoi esponenti letterari poeticamente più sfuggenti.
"Parallel" è un "gioco" di incastri con un’epoca lontana ma eternamente esplicativa delle paure e delle gioie dell’essere umano. Un trip che cattura grazie soprattutto al canto soave della Miradoli, a metà strada tra Elisabeth Fraser e Lisa Gerrard, alle corde mai dome di Tarenzi e al tocco elettronico di Howie B. Suoni uni e trini, che mutano magicamente nella conclusiva “The Hour Of Now”, ballata trip-hop totalizzante e degno sipario di un disco assolutamente riuscito.

(09/04/2021)

  • Tracklist
  1. Anacreonte
  2. Parallel
  3. Glass Soul
  4. Corri
  5. Too Late (a big wave)
  6. Atoms And Dust
  7. Hidden Wonders
  8. The Hour Of Now




Pinhdar su OndaRock
Pinhdar on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.