King Gizzard & The Lizard Wizard

Ice, Death, Planets, Lungs, Mushrooms And Lava

2022 (KGLW)
psych-rock, jam-session

Un azzardo? Un affronto? A distanza di quasi dieci anni dalla pubblicazione su OndaRock della monografia dei King Gizzard & The Lizard Wizard, il dubbio sembra ormai dissolto, nel bene e nel male, nonostante i tentativi di liquidarli come l’ennesima band garage-rock dai tratti psichedelici (un’idea incoraggiata dall’egregio “12 Bar Bruise”), la formazione australiana ha conquistato un posto di rilievo nel panorama internazionale.
Prolifici, eccessivi, versatili, Stu MacKenzie e soci non fanno più mistero della loro attitudine alle scale oscillanti del jazz e all’uso ricorrente di accordi microtonali, scelte creative adottate al fine di preservare una libertà espressiva che i canoni della musica pop-rock spesso rendono più complessa. Il segreto dei King Gizzard & The Lizard Wizard è racchiuso nella loro capacità di reinventarsi, ovvero in questa costante sfida nel voler rinnovare lo spirito del garage-rock alternando caos a melodia, intensità a leggerezza.

 

La band ha giù salutato il 2022 con due album, nonché l’ennesimo classico da aggiungere alla scaletta di fuoco delle esibizioni live (“The Dripping Tap”, tratto da “Omnium Gatherum”). L’annuncio di altri tre album da pubblicare in uno stretto lasso di tempo ha dunque lasciato perplessi i fan. Ma timori e paure si sono per fortuna istantaneamente volatilizzati: “Ice, Death, Planets, Lungs, Mushrooms And Lava” eredita in parte l’imprevedibilità free-form di “Omnium Gatherum” e la densità psych-rock di “Poligondwanaland”, senza essere allineato con nessuno dei dischi appena citati.
Sette brani, ovvero i sette modi della scala maggiore (una successione di 8 note che hanno una distanza fra loro sempre fissa), conosciute ai musicisti con i termini Ionico, Dorico, Frigio, Lidio, Misolidio, Eolio e Locrio, sette jam session per sette giorni, un flusso di spontanea incoscienza e capricci di post-produzione, con Stu MacKenzie pronto a rimodellare, tagliare e depistare.

Ingannevoli dolcezze reggae-pop con eleganti striature jazzy (“Mycelium”), inaspettati flussi acid-jazz contaminati da visioni psichedeliche orientaleggianti, kraut e afro-blues (“Magma”) e raffinatezze funky intercettate da digressioni chitarristiche alla Animal Collective e un wah wah stile Carlos Santana (“Iron Lung”): questo offre in parte il primo dei tre nuovi album della band australiana, ed è solo una porzione del glorioso campionario di uno dei capitoli più avvincenti della sua pur copiosa discografia.
Anche “Hell's Itch”, forse l’episodio più debole del lotto, offre fraseggi chitarristici degni di menzione, nonché un ipnotico groove a base di flauto, voci soavi e armonie rilassanti. Per gli amanti del virtuosismo la vera fonte di delizia è invece racchiusa nel blues psichedelico di “Lava”, un mantra perfetto per l’iniziazione di nuovi adepti al credo degli australiani.

 

Jam session per i King Gizzard & The Lizard Wizard vuol anche dire lanciarsi ancora una volta nel sacro fuoco dell’improvvisazione jazz-psych e il respiro delle composizioni non è mai stato così vibrante: le movenze funky di “Ice V” evocano perfino il buon Herbie Hancock ma anche i War (una suggestione che aleggia anche negli altri due album pubblicati a ottobre di quest’anno), mentre gli incisi della conclusiva “Gliese 710” affondano ancor più le mani nelle lande del jazz, citando Dave Brubeck, Miles Davis e Tony Allen.

 

Chiedere di più a questo punto è difficile e al di là delle altre due pubblicazioni di cui a breve racconteremo, questo capitolo discografico segna un deciso spartiacque tra la produzione più incidentale della band e quella destinata alle glorie della storia della musica rock. “Ice, Death, Planets, Lungs, Mushrooms And Lava” è l’album degli australiani che attendevamo per rilanciarne le già notevoli quotazioni: keep jammin’!

06/11/2022

Tracklist

  1. Mycelium
  2. Ice V
  3. Magma
  4. Lava
  5. Hell's Itch
  6. Iron Lung
  7. Gliese 710




King Gizzard & The Lizard Wizard sul web

Tutte le recensioni su Ondarock
KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD
Butterfly 3001

Stop all'enorme mole di live album, per la band psych-rock è tempo di remix

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD
Omnium Gatherum

Il tour de force post-pandemico degli australiani regala più di un sussulto

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD
Laminated Denim

Due jam session di 15 minuti per un interlocutorio progetto della band australiana

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD
Changes

Eleganze psych-soul e divagazioni pop-rock per un'altra pagina targata 2022 della band australiana

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD
L.W.

Album in studio numero 17 e terzo, definitivo capitolo di musica microtonale per il gruppo psych-rock australiano

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD
Butterfly 3000

L'eccitante svolta elettronica in chiave psych-pop della band australiana

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD
Chunky Shrapnel

Il documento ufficiale della band di Stu MacKenzie dopo i tre album live per raccogliere fondi per i boschi australiani

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD
K.G.

Dopo sei album live e una raccolta di demo, la band australiana torna a incidere nuovo materiale

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD
Fishing For Fishies

Partendo da jam session blues, gli australiani realizzano il loro album pop

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD
Infest The Rats' Nest

Quota quindici per gli australiani, questa volta alle prese con il thrash-metal e una inedita formazione di tre elementi

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD
Flying Microtonal Banana

Il primo dei 5 album che la band australiana promette di pubblicare nel 2017

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD
Murder Of The Universe

Terrore dallo spazio profondo per i maestri della nuova psichedelia australiana

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD WITH MILD HIGH CLUB
Sketches Of Brunswick East

La pubblicazione in cd/Lp del disco estivo offre nuove chiavi di lettura per la band australiana

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD
Polygondwanaland

Il progressive rock si impossessa della funambolica mistura psichedelica della band australiana

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD
Gumboot Soup

Il quinto tassello del folle progetto della band australiana, anticipato da una pubblicazione solo in digitale nel 2017

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD
Nonagon Infinity

Un'eclatante conferma in chiave hard-rock per il gruppo australiano

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD
Oddments

La rivoluzionaria bizzarria psichedelica della band australiana

KING GIZZARD & THE LIZARD WIZARD
I'm In Your Mind Fuzz

Prosegue la trance psichedelica del gruppo australiano