Max Richter

SLEEP: Tranquility Base

2023 (Deutsche Grammophon)
modern classical, post-minimalismo

Nel 2015 Max Richter, con "Sleep", aveva tentato con successo di realizzare una della sue fantasie più ambiziose. Addirittura otto ore di musica divise in trentuno composizioni di circa venti minuti ciascuna, a loro volta divise in più parti per un totale di 202 brani. Concepito idealmente per essere ascoltato come in un sogno mentre si dorme, l'album era un immenso calderone, che aveva ben rappresentato l'idea attuale di modern classical: il legame con la tradizione ottocentesca si disperdeva nel mare di influenze ambient, minimaliste, in momenti cosmici che si allontanavano dagli orridi mondi sonori di Ligeti, per diventare tutt'altro: accoglienti e intimi.

"SLEEP: Tranquility Base", un Ep di trenta minuti, pur nella sua brevità rispetto al colossale modello di partenza, rappresenta la naturale prosecuzione dell'opera madre "Sleep", un'unica sinfonia classica divisa in sedici composizioni brevi che interpretano ancora una volta la classica moderna con una prospettiva elettronica e con un legame forte con la musica minimal. Tranquility Base è il luogo della Luna dove gli astronauti americani sbarcarono nel 1969, luogo per certi versi ambiguo, punto di assoluto silenzio ma allo stesso tempo simbolo della massima ambizione umana.
La componente elettronica nella musica di "SLEEP: Tranquility Base" diventa sempre maggiore minuto dopo minuto, partendo dall'organo iniziale, che tradisce un legame con il sound ormai classico del compositore tedesco, padre della modern classical, che apre a un breve canto femminile come fondamento dell'intera composizione e segna una vicinanza sia con la tradizione lirica che con lavori recenti come "Voices".

Passando i minuti, l'opera prosegue con cambiamenti minimi ma costanti, tanto da trasformarsi quasi senza accorgersene in tutt'altro. Da tipica composizione modern classical (le prime sette tracce) a opera elettronica vicina all'idea minimalista di Terry Riley (dall'ottava traccia i poi) per poi riunire le due influenze di Richter in un unico grande calderone dall'undicesimo brano, come a omaggiare e ringraziare le due scene musicali senza le quali il compositore tedesco probabilmente oggi non sarebbe quello che è.

20/10/2023

Tracklist

  1. Tranquillity I 
  2. Tranquillity II
  3. Tranquillity III
  4. Tranquillity IV
  5. Tranquillity V
  6. Tranquillity VI
  7. Tranquillity VII
  8. Tranquillity VIII
  9. Tranquillity IX
  10. Tranquillity X
  11. Tranquillity XI
  12. Tranquillity XII
  13. Tranquillity XIII 
  14. Tranquillity XIV
  15. Tranquillity XV
  16. Tranquillity XVI


Max Richter sul web

Tutte le recensioni su OndaRock
MAX RICHTER
Spaceman (Original Motion Picture Soundtrack)

Il pioniere della modern classical alle prese con la soundtrack dell'ambizioso film di fantascienza targato Netflix

MAX RICHTER
Voices 2

Il compositore tedesco ripropone le melodie di "Voices" in una versione alternativa, esclusivamente strumentale

MAX RICHTER
Invasion (Music From The Original TV Series: Season 1)

Il compositore tedesco compone le musiche di una nuova serie Tv di fantascienza

MAX RICHTER
Voices

Il compositore tedesco celebra la "Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo"

MAX RICHTER
Hostiles (Original Motion Picture Soundtrack)

Una nuova colonna sonora del compositore-star neoclassico per l'atipico western di Scott Cooper

MAX RICHTER
The Blue Notebooks (15 Years Edition)

Riedizione arricchita per l'album più "classico" del compositore anglo-tedesco

MAX RICHTER
White Boy Rick (Original Motion Picture Soundtrack)

Un rinnovato manierismo e qualche pesante debito stilistico per il compositore-star neoclassico

MAX RICHTER
Three Worlds: Music from Woolf Works

La partitura originale per un balletto di Wayne McGregor, tra neoclassicismo e crossover elettronico

MAX RICHTER
Taboo (Music From The Original TV Series)

Il capofila della modern classical firma la colonna sonora per il dramma in costume targato FX

MAX RICHTER
Sleep

Oltre otto ore di soave neoclassicismo per accompagnare il sonno

MAX RICHTER
Recomposed - Vivaldi: The Four Seasons

Una riscrittura in chiave contemporanea dei celebri concerti barocchi

MAX RICHTER
Infra

Parole, immagini e movimenti ispirano il nuovo lavoro dell'apprezzato compositore anglo-tedesco

MAX RICHTER
24 Postcards In Full Colour

Uno dei maestri della modern classical si cimenta con le "suonerie"

MAX RICHTER
The Blue Notebooks

Il punto di non-ritorno della modern classical e della carriera del compositore tedesco