Bat For Lashes

Fur And Gold

2007 (Echo) | dream-pop, gothic-pop

Tremate, tremate, le streghe son tornate! Streghe pur sempre eteree e sintetizzate, d'accordo, ma sicuramente in possesso della pozione adatta a ipnotizzare gli ascoltatori più cedevoli a certe atmosfere cupe ed esoteriche. E non solo loro, probabilmente, considerato che la nostra maestra di cerimonie ha le sembianze avvenenti di Natasha Khan, ventottenne polistrumentista e singer-songwriter anglo-pachistana di stanza a Brighton. Sotto la sua guida, il quartetto al femminile dei Bat For Lashes ha catturato l'attenzione della critica internazionale, specialmente dopo che Devendra Banhart l'ha invitato alla più recente edizione del festival All Tomorrow's Parties e indie-star come Thom Yorke, Jarvis Cocker e Bjork (che l'ha ingaggiato come spalla sul palco del Rock en Seine) si sono spese in generosi encomi.

Uscita in Inghilterra lo scorso settembre e battezzata a 5 stelle dai più o meno compiacenti media connazionali (Guardian, Nme, Mojo e Rocksound), l'opera prima di Natasha e compagne fa la sua apparizione a un anno di distanza in Italia, storica terra di conquista per i dream-popper d'oltremanica - dai pionieri Cocteau Twins alla Alison Goldfrapp ancora illibata di "Felt Mountain". E fin dal primo ascolto, appare chiaro che "Fur And Gold" ha tutte le carte in regola per tentare un nuovo centro. Undici tracce che ci catapultano per incanto tra maghi e folletti, attraverso scenari fantasy cullati da trasognate melodie elettro-folk.
La Khan, autrice di testi e musiche, si alterna a harpsichord, piano, autoharp, chitarra, beat machine e percussioni, affiancata da Ginger Lee (autoharp, chitarra, piano, percussioni), Abi Fry (viola, batteria, piano) e Lizzie Carey (chitarre, violino, percussioni). Special guest: Josh T Pearson (Lift To Experience), che aggiunge voce e chitarra in tre brani.

Il magical mystery tour prende il via nella fitta selva di harpsichord e voci spettrali di "Horse & I", fiaba à-la Patrick Wolf che sembra uscita da un libro dei fratelli Grimm e che invece nasce da un sogno di Natasha ispirato dal mito di Giovanna d'Arco. Con la cupa "Trophy" si fa subito evidente il debito verso Bjork, fin troppo citata sia nei timbri infantili sia nelle pulsazioni freddamente nordiche, mentre l'immacolata "Tahiti" mette a nudo l'ugola celestiale della Khan, assecondandola solo con tintinnanti rintocchi di piano. Ma è soprattutto il gothic-pop del singolo "What's A Girl To Do" a far gridare al miracolo: un muro di percussioni che ruba l'intro a "Just Like Honey" dei Jesus And Mary Chain, poi, la metamorfosi, con un'arpa ostinata e cori spettrali a incalzare il canto sinistro di Natasha, che strizza l'occhio a due "streghe" doc del passato, come Kate Bush e Siouxsie Sioux.

E se la mesta ballata piano-voce di "Sad Eyes" potrebbe esser stata sottratta al songbook della prima Tori Amos, il seguito del disco accentua i risvolti "pagani" di questo sortilegio sintetico. Il nervoso shuffle di "Wizard" invoca ossessivamente l'avvento del mago ("the wizard comes") mentre tastiere e drumming scandiscono una sorta di danza propiziatoria ("drink his blood and he's our leader"); la sinfonica "Bat's Mouth" ci trasporta dentro una grotta infestata dai pipistrelli in una gelida notte nordica; la tenera nenia di "Seal Jubilee" inneggia al regno animale degli oceani; "Prescilla" e "Sarah", dietro gli handclapping, i beat e i cori mesmerici, nascondono inconfessabili atrocità ("they cut out her heart when she was a little girl"); mentre l'orrorifica chiusura di "I Saw a Light" narra di luci nella foresta e di una coppia suicida nel retro di un'auto, in un crescendo di effetti thrilling.

Manca forse la coesione e il pathos di un "Wind In The Wires", ma, pur con tutte le sue ingenuità e i suoi fin troppo espliciti rimandi, "Fur And Gold" lascia intravedere tutto il talento di Natasha Khan, regina dei ghiacci che si aggira per foreste montane e valli sconfinate con il suo fascino misterioso e inquietante.

(17/07/2007)



  • Tracklist
  1. Horse And I
  2. Trophy
  3. Tahiti
  4. What's A Girl To Do 
  5. Sad Eyes
  6. Wizard
  7. Prescilla
  8. Bat's Mouth
  9. Seal Jubilee
  10. Sarah
  11. I Saw A Light
Bat For Lashes su OndaRock
Recensioni

BAT FOR LASHES

The Bride

(2016 - Parlophone)
Al quarto album, Natasha Khan intraprende una lenta e sofferta luna di miele

BAT FOR LASHES

The Haunted Man

(2012 - Parlophone)
Un tormentato gioco di luci e ombre nel terzo album di Natasha Khan

BAT FOR LASHES

Two Suns

(2009 - Parlophone)
L'atteso ritorno della creatura di Natasha Kahn, dopo il successo di "Fur And Gold"

Bat For Lashes on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.