Great Saunites

Brown

2018 (Hypershape et al.) | avant-rock, psych

Il duo lodigiano dei Great Saunites chiude la “chromatic trilogy” con “Brown”, successore degli interlocutori “Nero” (2016) e “Green” (2016). Si distacca da ambedue, però, quanto a superiore livello di ricerca e respiro sperimentale. Prevale perciò, e abbastanza nettamente, l’anima elettronica a discapito delle maratone bandistiche.

Due le aggiunte al loro canone maggiore. “Brown” (quattordici minuti) si apre su bordoni zen insieme monumentali e spettrali, da cui peraltro il complesso distacca una sorta di spin-off nella reprise (un suo interessante distillato elettroacustico), diramandosi poi in frasi difettose di batteria e basso distorto, cui si aggiungono dettagli sconnessi (nastri di voci), infine riprendendo la loro maestria nelle trance ipnotiche, l’altro lato della medaglia, lo yang della sarabanda. I Great Saunites hanno tratto stilemi dai primi Clock Dva più dadaisti e dalle costruzioni caotiche-algebriche dei This Heat. “Ago” (otto minuti), il numero più avanguardista del loro ultimo corso, allo stesso modo è una sonata dissonante di jazz da camera per fraseggi liberi di pianoforte registrato e rumori concreti-industriali, in un crescendo subliminale.

Disco afferente soprattutto ad Angelo Bignamini, non solo per la sua batteria duttile e intelligente, ma anche per il suo statuto di scultore elettroacustico maturato anche nella sigla Filtro. Comunque ottima, forse la migliore di sempre, l’integrazione col basso del compagno Marcello Groppi. Disco percorso da fragori digitali e manipolazioni che lo rendono disgiunto, astratto e intrigante, degno del fronte nobile del rock italiano. Ma parte è rimasta acerba: “Respect The Music”, per via della registrazione messa in loop (campagna radio contro la pirateria web della prim'ora), diventa quasi inascoltabile e un’altra trance - pur forte d’una buona figura in ostinato ribattuto -, “Controfase”, suona corrivamente revivalistica. Ben prodotto da Luca Ciffo (anche in un cameo alla chitarra).

(08/06/2018)

  • Tracklist
  1. Brown
  2. Respect The Music
  3. Ago
  4. Controfase
  5. Brown (reprise)
Great Saunites su OndaRock
Recensioni

GREAT SAUNITES

Nero

(2016 - Hypershape et al.)
Ancora un disco ambizioso per il duo psichedelico lodigiano

GREAT SAUNITES

Green

(2016 - Hypershape)
Nuovo tentativo per il duo heavy-psichedelico di Lodi

THE GREAT SAUNITES

The Ivy

(2013 - HYSM?/ Il Verso del cinghiale/ Lemming/ Bloody Sound Fucktory/ Neon Paralleli/ Terracava/ Villa Inferno)
Il nuovo disco del duo lodigiano, tra slanci psichedelici ed esplorazioni kraut

THE GREAT SAUNITES

Delay Jesus '68

(2012 - Hypershape Records)
Un disco di psichedelia heavy e oscura

Great Saunites on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.