Simona Gretchen

Gretchen Pensa Troppo Forte

2009 (Disco Dada) | rock, songwriter

Da qualche anno non si parla d'altro. Il ritorno della scuola cantautorale italiana. Ammodernata, amata, odiata, riciclata, disarmata, abusata, stuprata e infine sempre riabbracciata come il figliol prodigo. Il fatto è che non si sa neanche più come definire questo ritorno di fiammna e qualcuno, tipo Umberto Maria Giardini, ha già incominciato a prenderne le distanze - dimostrando interesse per un ritorno a un'indie-pendenza intellettualmente onesta che esuli dai meccanismi del mainstrindie. Ciò non toglie la suppurazione data dai nomi più improbabili che compongono oramai questo esercito di Dalla e De Gregori ai calci di rigore.

E' proprio in un momento come questo che appare utile, se non doveroso guardarsi alle spalle e iniziare a riscoprire quei dischi, usciti in tempi non sospetti, che hanno posto inequivocabilmente un punto di partenza per tutti i Mario Rossi che adesso cercano di salire sul carrozzone prima che l'Occasione vada a farsi fottere. Così spunta il controverso "Gretchen Pensa Troppo Forte", primo strano vagito della romagnola Simona Darchini (classe 1987, con ironico ringraziamento a Černobyl' per averne palesemente modificato il DNA artistico). Ma, è cosa risaputa, quando non si sa come definire qualcosa, abbiamo qualcosa di positivo: è lo strappo nella rete, quella rete generata dal volere globale e delle griglie già pronte per soddisfare tutti. Tuttavia, come spesso accade, mentre il proverbiale dito indicava la luna, noi abbiamo speso tempo e parole per dischi di Dario Brunori, Dente ed Erica Mou; abbituati all'agio e all'ovvio abbiamo tirato diritto badando pure a Maria Antonietta, che della Gretchen è un'epigone da porre in vetrina, Nicolò Carnesi, Il Cile e tante (tantissime, troppe) altre declinazioni di quell'idea cantautorale sessantottina-per-finta nata per interessare e conclusasi nel peggiore dei modi auspicabili.

Qui ci ritroviamo al cospetto di un disco a parte. Creato e assemblato quando ancora Vasco Brondi era distante anni luce dalle copertine di XL e c'era ancora qualcuno disposto e in grado di fare parallelismi tra Giorgio Canali e Lorenzo Montanà nelle vesti di "produttori artistici" per i due nomi coinvolti. Un disco, questo, per cui hanno parlato più i premi (Fuori dal Mucchio nel 2010, Supersound per due edizioni consecutive) e soprattutto tutte le persone che lo hanno sentito o lo hanno apprezzato dal vivo, da Bolzano a Lecce. Gli scribacchini e compagnia brutta hanno fatto ovviamente orecchie da mercante, troppo intenti ad aggiustarsi gli occhiali da pentapartito - vogliamo sperare non con il dito medio. Peccato. Perché Simona Gretchen è una creatura a sè tra i songwriter nostrani. Le sue liriche, neanche si trattasse di Anja Franziska Plaschg, ma Soap & Skin nel 2009 all'attivo aveva giusto un Ep, sono uno straniante ibrido tra spettrali visioni oniriche e crude riflessioni reali. Etimologicamente contro, il piano musicale rappresenta l'ennesima variazione di questo colossale frullato di passato che è la musica oggi. E laddove i nomi già detti hanno speso tempo ed energie a rifarsi di un background da un punto di vista diciamo pop-olare, con Simona Gretchen si finisce in un limbo dove è possibile udire accenni di Virgn Prunes ("Alpha Overture"), paganesimo ancestrale del primo Branduardi ("Due Apprendisti") e qualcosa dei Dischi del Mulo ("Bianca In Fondo Al Mare"). Non a caso, il rituale comprendeva un'audace collaborazione con Mr. Bologna Violenta, pre-Teatro degli Orrori.

Un debutto imprescindibile e soprattutto in divenire, quello della faentina, che non dovrebbe mancare in nessuna discografia degli anni Zero che si voglia definire completa. "Gretchen Pensa Troppo Forte" ha una sua forza in un viaggio strutturato in undici movimenti (in pratica intercambiabili tra loro): chitarre affilate, per acustiche o elettriche che siano, con sciabordii di riverberi, con feedback e noise che sembrano venire dal profondo dei propri pensieri notturni. Concludendo l'ascolto, sembra solo impensabile che sia stato assemblato da chi, all'epoca dei fatti, aveva solo vent'anni. Età giusta per essere geniali ovunque ma (almeno in apparenza) non qui in Italia.

(30/12/2012)

  • Tracklist
  1. Alpha Ouverture
  2. Le Mie Fate
  3. Cera
  4. Fockus
  5. Due Apprendisti
  6. Bianca In Fondo al Mare
  7. O Nostre Pelli
  8. Vuota
  9. Simpatia per B.C.
  10. Ieri
  11. Non Trovo Più Le Chiavi


Simona Gretchen su OndaRock
Recensioni

SIMONA GRETCHEN

Post-Krieg

(2013 - Blinde Proteus/Disco Dada)
L'inquieta identitÓ dell'artista faentina all'apice della tensione nichilista

Live Report
Simona Gretchen on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.