Marissa Nadler

The Sister

2012 (Box Of Cedar) | gothic folk

Gettate alle ortiche le confuse velleità sperimentali e gli arrangiamenti più stratificati dei dischi recenti, Marissa Nadler torna a fare quello che sa fare meglio. E il risultato è un incanto ridestato dal buio dei boschi ghiacciati e spettrali, dove la sua musica ha sempre vissuto. Vocalizzi mesmerici, assolutamente irresistibili, sposati quasi solo alla grazia innaturale del suo fingerpicking. E, finalmente, nuove melodie di razza, di quelle che le sgorgano fluide e inarrestabili, quasi fosse in trance, posseduta da un'ancestrale, inquietante musa.

Niente più orpelli sintetici, come nel precedente omonimo e in "Little Hells", quasi sempre l'unica compagnia è quella della sua voce persa nel vento e quasi innaturale, con le sue sfumature spettrali e gotiche. Un incantesimo che comincia già dall'iniziale, struggente "The Wrecking Ball Company" - già un instant classic nella sua austera bellezza - e prosegue nella raggelata, stupenda melodia di "Love Again, There Is A Fire", cesellata attorno a cori onirici e alla malia ipnotica della voce della sirena di Washington.

Basta pochissimo per sprigionare la magia, come tra i sentieri ombrosi di "Christine", altra litania scheletrica, appena ispessita da vocals maschili a supporto. Se "Apostle" mette in mostra soprattutto l'ormai considerevole abilità di Marissa nell'arte del fingerpicking, la parabola di "Constantine", l'ex-rockstar devastata dalla codeina, veste ancora i panni di una ballata senza tempo, fatta di languori e dolori sospesi.

Il lieve calo della parte finale non compromette l'esito di un disco prezioso, probabilmente il migliore composto dalla Nadler dai tempi della saga di Mayflower May, a testimonianza di un talento che le ultime prove minori avevano solo momentaneamente offuscato.
Come una sirena incatenata a un sortilegio, Marissa è costretta a ritrovare la semplicità e l'umiltà per far rinascere la sua magia.

(05/06/2012)

  • Tracklist
  1. The Wrecking Ball Company
  2. Love Again, There Is A Fire
  3. Christine
  4. Apostle
  5. Constantine
  6. To A Road, Love
  7. In A Little Town
  8. Your Heart Is A Twisted Vine


Marissa Nadler su OndaRock
Recensioni

MARISSA NADLER

The Path Of The Clouds

(2021 - Bella Union)
Ispirato da una serie sui "misteri irrisolti", il nono album della fuoriclasse del dream-folk è ..

MARISSA NADLER & STEPHEN BRODSKY

Droneflower

(2019 - Sacred Bones)
Un passo nell'oscurità per la regina dell'inverno

MARISSA NADLER

For My Crimes

(2018 - Bella Union)
Un ritorno al folk spettrale degli esordi per l'album tutto al femminile della cantautrice americana

MARISSA NADLER

Strangers

(2016 - Sacred Bones/ Bella Union)
Ancora supportata dal "doomer" Randall Dunn, torna la musa folk più misteriosa d'America

MARISSA NADLER

July

(2014 - Sacred Bones/ Bella Union)
L'estate resta solo nel titolo: la cantautrice di Washington torna con una nuova, preziosa raccolta di ..

MARISSA NADLER

Marissa Nadler

(2011 - Box Of Cedar)
Lo spiazzante quinto disco della cantautrice di Washington

MARISSA NADLER

Little Hells

(2009 - Kemado)
Il ritorno della damigella del dream-folk riserva più di una sorpresa

MARISSA NADLER

Songs 3: Bird On The Water

(2007 - Peacefrog)

La cantautrice più talentuosa della sua generazione alla sua opera terza

MARISSA NADLER

The Saga Of Mayflower May

(2005 - Eclipse)
Il disco che ha rivelato lo straordinario talento della cantautrice americana

News
Live Report
Marissa Nadler on web