Tony Tears

Music From The Astral Worlds

2015 (Minotauro) | doom, metal

Il chitarrista genovese Tony Tears è, insieme al più noto Paul Chain, uno dei nomi di culto della scena doom europea. Già membro di formazioni a loro modo storiche di tale genere, come Zess e Abysmal Grief, dal 2000 Tony si è messo in proprio, realizzando una manciata di dischi autoprodotti (tra demo, cd e 7") che sono stati ora racchiusi in questo bel cofanetto della Minotauro. Spesso accumunata alla musica di Paul Chain, quella di Tears è in realtà più vicina al primo kraut-rock elettronico (quello dei Tangerine Dream e dintorni, per capirci), condita da dei rumorismi della musica industriale (Current 93, Nurse With Wound).

Il primo album, "Fears And Sensations In The Claustrophobic Mirror" (2000), benché amatoriale e prodotto con una fedeltà sonora pari allo zero, è quello che mette in luce il suo peculiarissimo stile. Si parte dai rituali magici tipici degli Ain Soph (storica formazione esoterico-industriale romana) di "Abyssal Destiny" e "Statua di Cimitero" al doom-metal con voce filtrata di ""Il Mondo delle Ombre" e all'epica "Coniuriationes Mundi". Il pezzo forte è la suite "Forze Invisibili Bussano al Cuore", dove si coniuga il Klaus Schulze di "Irrlicht" (Ohr, 1972) con l'elettronica industriale di Maurizio Bianchi.

L'Ep "The Reality Before All" (2004) è il suo capolavoro. I tre lunghissimi pezzi che lo compongono sono tra i vertici di tutta la recente produzione doom internazionale. "Living In A World Of Pain" è un ottimo esempio di elettronica angosciante, dal gusto quasi "isolazionista". Più classicamente catacombale e orrorifica risulta essere quella delle rimanenti "Damned Souls Of The War" e di "Violence Without Reasons". In questo disco, viene fortunatamente superato ogni stereotipo metal. "Le Entità della Salvazione" (2004) è tratta dall'omonimo singolo e si colloca come appendice del suo primo disco, mentre più banale risulta essere il singolo successivo "All My Black" (2007), sebbene "Evoluzione dell'Anima" sia arrangiata in modo originale.

Il secondo album è "Voci dal Passato" (2010) e continua la saga con i suoi mix di generi dark, come nell'incrocio tra i Goblin e gli Jacula di "Le Ossa e Il Fuoco", la psichedelia di "Mondo Parallelo", "Anima dello Spirito" , degna dell'Edgar Froese più melodico e dalle voci da girone infernale di "Un Mondo Che Non C'è Più". L'ultimo album è "Vortice" (2014), che è anche il suo lavoro meglio prodotto in assoluto.
La lunga "Le Bare dei Giganti" ripete il solito trucco di un'elettronica catacombale e tenebrosa, ma nella bella melodia di "Alla Ricerca di Un Dio" sembra di riconoscere un Claudio Rocchi uscito fuori dall'oltretomba. Le genuinamente malvagie "Il Sole Nella Casa dell'Acquario" e "Sepolcro Del Tempo" sprizzano satanismo da tutte le note.

Va detto che le cose migliori di Tony Tears sono quelle in cui gli sprazzi strumentali hanno il sopravvento. Le canzoni vere e proprie sono invece nettamente inferiori. Le parti vocali (perlomeno quando canta lui) ricordano vagamente quelle del Battiato del periodo Bla-Bla. Pure i testi, benché spesso banalmente esoterici, hanno un loro fascino sinistro.
Ottima la veste grafica del cofanetto, con le copertine ritagliate separatamente a cartoncino. Sempre la Minotauro di Marco Melzi ha da poco riportato alla luce l'opera omnia (edita in un doppio cd) di un oscuro gruppo hard-rock melodico di Boston di fine Seventies, i Seth (un curioso e intrigante incrocio tra i Cheap Trick e i Rush).

(14/01/2015)

  • Tracklist
Cd 1

Fears And Sensations In The Claustrophobic Mirror (2000)

  1. Abyssal Destiny
  2. Coniurationes Mundi
  3. Il Mondo Delle Ombre
  4. Statua Di Cimitero
  5. The Return Of The Underground Temple
  6. Forze Invisibili Bussano al Cuore
Voci dal Passato (2010)
  1. Le Ossa e Il Fuoco
  2. Terza Profezia
  3. Voci dal Profondo
  4. Antichi Messaggi
  5. Anima Vagante
  6. Fiamma dello Spirito
  7. Mondo Parallelo
  8. Un Mondo Che Non C'è Più
Cd2

The Reality Before All (2004)

  1. Living In A World Of Pain
  2. Damned Souls Of The War
  3. Violence Without Reasons

Le Entità della Salvazione (2004)

  1. Le Entità della Salvazione

All My Black (2007)

  1. Il Mio Nero
  2. Evoluzione dell'Anima
Cd 3

Vortice (2014)

  1. Gli Anni Del Tempo Veloce
  2. Le bare dei Giganti
  3. Alla Ricerca di Un Dio
  4. Il Sole Nella Casa dell'Acquario
  5. Sepolcro del Tempo
  6. Dentro Il Vortice
Tony Tears su OndaRock
Recensioni

TONY TEARS

Follow The Signs Of The Times

(2015 - Minotauro)
Il ritorno sulle scene del presunto erede di Paul Chain

Tony Tears on web