Ride

Weather Diaries

2017 (Wichita) | alt-rock

In principio ci fu il ritorno più atteso, quello dei My Bloody Valentine, che ci spedì nella macchina del tempo – quattro anni fa, ventuno dopo “Loveless” - spianando la strada per i nuovi walls of sound firmati Lush, Swervedriver e Slowdive, in sella anche loro di lì a poco per diffondere materiale inedito dopo decenni di assenza. Ora tocca ai Ride fare un giro di campo per raccogliere i riconoscimenti che non ottennero fino in fondo negli anni 90.
Sì, perché il termine “shoegaze” venne all’epoca inteso da molti in senso dispregiativo: i protagonisti di quella scena si ritrovarono così a progettare nuovi scenari sonori, riscuotendo però soltanto briciole di successo, costretti in uno spazio troppo angusto, fra le deflagrazioni grunge e le ubriacature britpop.

In quel parterre i Ride erano considerati (fra) quelli che sapevano suonare meglio, ma anche i più ossequiosi verso la tradizione, sì, perché per il quartetto di Oxford la componente “shoegaze” è sempre stata più che altro un incidente di percorso, un espediente per arrivare ad altro, per scrivere una personale forma di very british alternative pop.
Grazie a questa scelta si ritagliarono il ruolo di gruppo-cerniera: accostando alle chitarre iper-effettate un innato senso per la melodia, iniziarono a lastricare quel percorso che di lì a poco avrebbe reso grandi Oasis, Blur, Verve, Pulp e compagnia. Non è un caso se il leader Andy Bell, dopo lo scioglimento dei Ride avvenuto nel 1996, si mise prima a capo degli effimeri Hurricane #1 (che nel contesto britpop ci sguazzavano alla grande) per poi divenire il bassista di fiducia dei fratelli Gallagher e proseguire l’avventura a fianco del solo Liam nei successivi Beady Eye.

“Weather Diaries” riapre solo in parte il libro dei ricordi, perché in queste nuove undici tracce i Ride continuano a volersi distinguere dal coro dei nostalgici, e allora cercano soluzioni inedite pur se con risultati mai all’altezza dei loro dischi migliori. Le iniziali “Lanney Point” e “Charm Assault” (con breve inserto psych verso il finale) presentano le chitarre che tornano a intrecciarsi come ai bei tempi, ma l’impianto complessivo stenta a decollare, e il disco finisce presto su binari anonimi, poco caratterizzanti, senza il carisma che dovrebbe mostrare una band di rango.
Gli inserti electro nella successiva “All I Want”, l’approccio dreamy (mai ai livelli emozionali di certi Beach House) in “Home Is A Feeling”, l’arrotondamento pop proposto nella title track (che sul finale si concede finalmente qualche deriva da “fissatori di scarpe”), i robusti innesti sintetici nella prima parte di “Rocket Silver Symphony” (che si slancia poi verso territori kraut), sono alcune soluzioni escogitate dai Ride di oggi, senza mai riuscire a farci sobbalzare dalla sedia.

Nella seconda metà del disco la band esce dal confortevole guscio per osare qualcosina di più e allargare gli orizzonti. Ecco allora sopraggiungere il brio garage di “Lateral Alice”, l’impronta Byrds/Wire di “Cali” (bello il closing chitarristico) e l’evocativo breve strumentale “Integration Tape”, per poi cercare la quiete nelle placide oasi delle conclusive “Impermanence” e “White Sands”.
A conti fatti non si scorgono motivi plausibili per i quali si dovrebbe preferire l’ascolto di “Weather Diaries” al posto di uno qualsiasi dei lavori pre-dissolvimento; è anche vero che l’ingombrante “Nowhere” è tenuto volontariamente a distanza, per sdoganarsi dal passato (al contrario di quanto fatto da My Bloody Valentine e Slowdive) e cercare di essere oggi qualcosa di diverso. Ci sono momenti molto belli dentro “Weather Diaries”, ma troppo pochi per un best di quanto i Ride siano riusciti a scrivere negli ultimi ventuno anni di vita.

(12/07/2017)

  • Tracklist
  1. Lannoy Point
  2. Charm Assault
  3. All I Want
  4. Home Is A Feeling
  5. Weather Diaries
  6. Rocket Silver Symphony
  7. Lateral Alice
  8. Cali
  9. Integration Tape
  10. Impermanence
  11. White Sands
Ride su OndaRock
Recensioni

RIDE

Clouds In The Mirror

(2020 - Wichita)
La versione modern classical del recente "This Is Not A Safe Place" con arrangiamenti affidati ai Petr ..

RIDE

This Is Not A Safe Place

(2019 - Wichita)
Il secondo full length dei pionieri shoegazer dopo la fortunata reunion del 2015

RIDE

Tomorrow's Shore Ep

(2018 - Wichita)
Un Ep breve ma intenso che rimarca la volontà dei Ride di attualizzare il proprio suono.

RIDE

Nowhere

(1990 - Creation)
Da Oxford uno dei capolavori dello shoegaze, tra momenti di estasi e di rassegnata contemplazione

News
Live Report
Ride on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.