Jóhann Jóhannsson

Mandy (Original Motion Picture Soundtrack)

2018 (Lakeshore)
soundtrack, dark ambient / elettronica

Dopo alcune uscite immediatamente precedenti e seguenti la prematura scomparsa siamo ora giunti, a quanto pare, all’ultima colonna sonora realizzata da Jóhann Jóhannsson, premiato e stimatissimo autore della scena neoclassica. Ma se “The Mercy” e “Mary Magdalene” ne riconfermavano la sensibilità e il gusto raffinato, lo score per “Mandy” è la prova incontrovertibile di una curiosità e di un eclettismo ancora in divenire, assecondati per mezzo di un’indole sperimentale che pochi suoi comprimari possono vantare.

Le apparenze della seconda regia dell’italo-canadese Panos Cosmatos sono abbastanza fuorvianti: quello che dal trailer e dalle immagini promozionali (con un Nicolas Cage quantomai sopra le righe) si presenta come un possibile nuovo trionfo del kitsch in realtà è già stato salutato dalla stampa come un riuscito incontro tra atmosfere horror/fantasy di stampo vintage e visionarietà contemporanea, sorella dell’estetica pop iper-saturata di Nicolas Winding Refn. Buona parte della riuscita di questo prodotto – decisamente in linea con la “retromania” che negli ultimi anni ha investito con prepotenza anche l’industria cinematografica – è stata imputata proprio allo score di Jóhannsson ora edito da Lakeshore, etichetta statunitense specializzata in soundtrack originali.

Per molti altri autori sarebbe stato facile cadere negli stereotipi della rediviva synth-music, specie sull’onda del successo clamoroso della serie “Stranger Things” con il duo elettronico SURVIVE. Il maestro islandese, invece, prende le mosse dalle perturbazioni sotterranee da lui evocate nello sci-fiArrival”, avvolgendo in una tetra e pervasiva coltre dark-ambient la trama di vendetta e mistero di “Mandy”, incentrata sulla caccia di Red a una setta religiosa che, sotto l’effetto di droghe pesanti, ne ha brutalmente ucciso la moglie.

Assistita nella produzione da Randall Dunn, firma stabile al fianco di formazioni estreme come Boris, Earth e Sunn O))), la partitura di Jóhannsson alterna i tappeti di tastiere e i minacciosi soundscape orchestrali alle squassanti incursioni della chitarra distorta di Stephen O’Malley, sacerdote drone-doom per eccellenza (“Sand”, “Temple”, “Burning Church”). Solo uno dei due brani di lancio, “Forging The Beast”, ricalca brevemente le ben note progressioni oscillanti di marca minimalista, mentre “Waste” avanza con passo gravoso su un battito post-industriale che sembra addossarsi tutta l’angoscia e la depravazione morale della vicenda narrata. La conclusiva “Children Of The New Dawn”, a onor del vero, è forse l’unica concessione al più scadente immaginario sonoro ottantiano, mollemente adagiata su una melodia banale e inconsistente, corredata da percussioni elettroniche in primo piano e da uno stoppato di chitarra alla “Eye Of The Tiger” (sic).

Benché la scrittura fosse già ultimata prima della morte, l’assemblaggio finale della colonna sonora è stato condotto dai co-produttori Kreng e Yair Elazar Glotman, due ulteriori garanzie nell’ambito della più opprimente composizione d’atmosfera contemporanea: di certo è anche grazie al loro grado di esperienza se la forma finale di “Mandy” si dimostra così solida anche come album a sé stante, tale da accentuare il rammarico per la perdita di una voce realmente significativa nel panorama della musica per il cinema e non solo.
Nel ricordo del regista: “Jóhann si è spinto oltre, e sospetto sino ai limiti della sua salute mentale, per creare la musica di questo film. Le sue parole e le sue azioni ne hanno fatto più di un ottimo collaboratore, lo hanno reso come un fratello per me”.

19/09/2018

Tracklist

  1. Seeker Of The Serpent’s Eye 
  2. Starling 
  3. Mandy Love Theme 
  4. Horns Of Abraxas 
  5. Black Skulls 
  6. Death And Ashes 
  7. Sand 
  8. Red 
  9. Forging The Beast 
  10. Dive-bomb Blues 
  11. Waste 
  12. Temple 
  13. Burning Church 
  14. Memories 
  15. Children Of The New Dawn

Johann Johannsson sul web

Tutte le recensioni su Ondarock
JÓHANN JÓHANNSSON
Drone Mass

Pubblicata postuma, la messa di droni è una delle opere più ambiziose del compositore islandese

JÓHANN JÓHANNSSON
12 Conversations With Thilo Heinzmann

Echo Collective incide l'unica opera per quartetto d'archi del compianto maestro islandese

JÓHANN JÓHANNSSON
The Mercy (Original Motion Picture Soundtrack)

Tra gli ultimi lavori del maestro islandese recentemente scomparso, la colonna sonora di un biopic ne compendia l'opera e lo stile

JÓHANN JÓHANNSSON
Englabörn & Variations

Una pregevole reissue omaggia l'esordio solista del compositore islandese, recentemente scomparso

HILDUR GUĐNADÓTTIR & JÓHANN JÓHANNSSON
Mary Magdalene (O.S.T.)

Tra le ultime colonne sonore del maestro islandese anche il dramma storico-religioso di Garth Davis

JÓHANN JÓHANNSSON
Orphée

La star islandese della neoclassica esordisce anche su Deutsche Grammophon

JÓHANN JÓHANNSSON
Arrival (Original Motion Picture Soundtrack)

Il giovane maestro islandese torna alla soundtrack, musicando un emozionante racconto sci-fi

JÓHANN JÓHANNSSON
Sicario OST

Dopo il Golden Globe per "La teoria del tutto", il nuovo impegno cinematografico del guru islandese

JÓHANN JÓHANNSSON
The Theory Of Everything OST

La consacrazione del guru islandese, reinventatosi compositore per il cinema

JÓHANN JÓHANNSSON
Prisoners (Original Motion Picture Soundtrack)

Dopo più di dieci anni il compositore islandese non smette di incantare

JOHANN JOHANNSSON
The Miners’ Hymns

Grandiosità orchestrale e contenuto narrativo nella seconda colonna sonora consecutiva del compositore islandese

JOHANN JOHANNSSON
And In The Endless Pause There Came The Sound Of Bees

Le inquiete pièce del compositore islandese per una colonna sonora d'animazione

JOHANN JOHANNSSON
Fordlândia

Un'immersione profonda e coinvolgente in un favoloso non-luogo, accompagnati dalle melodie orchestrali del compositore islandese

JÓHANN JÓHANNSSON
Fordlândia

Il capolavoro del compositore islandese dedicato alla dolorosa storia della città Fordlandia