Desert Sessions

Vols. 11 & 12

2019 (Matador) | desert-rock, alt-rock

Assemblate rigorosamente a coppie, le Desert Sessions hanno rappresentato fra il 1997 e il 2003 uno degli sfoghi artistici preferiti da Josh Homme (un altro fu suonare la batteria nei primi Eagles Of Death Metal), il quale amava riempire i brevi momenti di pausa dai Queens Of The Stone Age con scorribande musicali fra amici, paragonabili alle serate in saletta prove di noi comuni mortali, magari accompagnate da qualche cassa di birra. Solo che lì, al posto del vicino di casa che picchia forte sulla batteria, capitavano magari Polly Jean Harvey o Mark Lanegan, così, tanto per gradire. Eh, la "figaggine" di essere Josh Homme...

Son passati ben sedici anni dalle ultime session: i tempi sono maturi per tornare a registrare e diffondere i cazzeggi. Che poi tanto cazzeggi non sono, visto che brani come “Move Together” (con Billy Gibbons degli ZZ Top alla voce), il bruciante minuto e mezzo di “Crucifire” (sugli scudi Mike Kerr dei Royal Blood) o la ballad a tinte folkye “If You Run” (col microfono nelle mani di Libby Grace, che presumiamo essere uno pseudonimo) sono pezzi molto validi, tanto che non sfigurerebbero in qualsiasi album dei protagonisti.

Poi ci sono i divertissement mezzi sconclusionati, vagamente zappiani (“Chic Tweetz”, condivisa fra il comico Matt Berry e il non meglio precisato Toornst Hulpft), le jam dove si viaggia a ruota libera (la desertica strumentale “Far East For The Trees”) e i momenti – meno riusciti - nei quali sembra di tornare a imbattersi in canzoni già udite in passato. Qualche buono spunto, comunque, emerge in “Noses In Roses, Forever”, interpretata dal maestro di cerimonie, così come la dolente conclusione al piano “Easier Said Than Done”.

Di sicuro nelle Desert Sessions emerge quel gusto per l’avventura che nei più seriosi lavori firmati Queens Of The Stone Age si scorge ormai a fatica. Non trattasi però necessariamente di rimanenze di magazzino, bensì di brani concepiti da ensemble variabili in situazione di grande rilassatezza. Oltre ai musicisti già citati, si segnalano le presenze di Stella Mozgawa (Warpaint), Les Claypool (Primus), Jake Shears (Scissor Sisters, voce nella trascurabile “Something You Can’t See”), Matt Sweeney e Carla Azar, batterista già con gli Autolux e nei dischi solisti di Jack White.

(30/10/2019)

  • Tracklist
  1. Move Together (lead vocal: Billy F. Gibbons)
  2. Noses In Roses, Forever (lead vocal: Joshua Homme)
  3. Far East For The Trees (instrumental)
  4. If You Run (lead vocal: Libby Grace)
  5. Crucifire (lead vocal: Mike Kerr)
  6. Chic Tweetz (vocals: Töôrnst Hülpft, Matt Berry)
  7. Something You Can’t See (lead vocal: Jake Shears)
  8. Easier Said Than Done (lead vocal: Joshua Homme)
Queens Of The Stone Age su OndaRock
Recensioni

QUEENS OF THE STONE AGE

Villains

(2017 - Matador)
Nelle mani di Mark Ronson, la creatura di Josh Homme si distanzia sempre di più dallo stoner ..

QUEENS OF THE STONE AGE

... Like Clockwork

(2013 - Matador)
Sesto lavoro in studio per la band di Josh Homme, con dieci riuscite canzoni ed una sfilza di ospiti ..

QUEENS OF THE STONE AGE

Era Vulgaris

(2007 - Interscope)

I paladini dello stoner-rock accompagnati da molti ospiti illustri

QUEENS OF THE STONE AGE

Songs For The Deaf

(2002 - Interscope Records)
Uno dei dischi che hanno fondato lo stoner-rock

KYUSS

Blues For The Red Sun

(1992 - Dali)
Un caposaldo dello stoner-rock degli anni Novanta

News
Desert Sessions on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.