Marissa Nadler & Stephen Brodsky

Droneflower

2019 (Sacred Bones) | alt-folk, gothic-rock

E’ proprio una cattiva ragazza, Marissa Nadler, sempre in compagnia di personaggi loschi come il doomer Stephen O'Malley, il gruppo black-metal dei Xasthur o i visionari Okkervil River. Non stupisce, dunque, questo nuovo gemellaggio con Stephen Brodsky (Cave In, Mutoid Man, New Idea Society e Old Man Gloom) frutto di un incontro avvenuto anni fa e che solo ora i due musicisti hanno concretizzato con un progetto discografico.

“Droneflower” mette a dura prova i confini artistici dei due protagonisti, sviluppando idiomi espressivi in parte inediti. Il punto d’incontro tra il canto cristallino e da mezzo soprano della Nadler e il bagaglio metal, hardcore e progressive-rock di Brodsky giace nell’oscurità e nel sempre affascinante mondo del gothic-folk.
E’ un disco frutto di continue mutazioni progettuali, concepito in origine come una potenziale colonna sonora di un film horror, di questa idea primigenia resta solo l’intensità delle immagini che la musica riesce a evocare.
Marissa Nadler non è stata mai cosi intensa e brusca, e Stephen Brodsky non è mai apparso così incline alla dolcezza come in “Droneflower”. Tutto avviene senza alcun minimo sforzo da parte dei protagonisti, quasi come se le dieci canzoni fossero già state create in un universo parallelo, in attesa solo di essere catturate e rivelate ai comuni mortali.
Nulla che non fosse già noto, tuttavia, come quando un pittore cattura la poesia di un tramonto svelandone sfumature inedite, così le istantanee sonore lievemente dissonanti dei due musicisti rinnovano stupore e meraviglia.

Una cover di “Estranged” dei Guns & Roses fa bella mostra di sé al centro della sequenza dell’album, dando vita a uno dei momenti più epici e suggestivi, con Brodsky che dilata e rallenta il brano mentre organo e fuzz-guitar conducono per mano la voce della Nadler, che si adagia con naturalezza su note dolorose e gelide. A far da leit-motiv per le atmosfere di “Droneflower” sono le minimali e cinematiche “Space Ghost I” e “Space Ghost II”: due strumentali dalle sonorità molto introspettive e funeree, scandite da toni grevi di piano, echi lontani della voce e chitarre acustiche appena percettibili. Ed è in questi spazi oscuri che Brodsky architetta alcune delle più interessanti e intriganti incursioni musicali: prima con una serie di accordi agrodolci di chitarra elettrica in “Watch The Time”, poi con ruvidi e spettrali accordi mutanti che confondono la percezione delle evoluzioni vocali, spostandosi da atmosfere eteree e vellutate verso toni più cupi e ancestrali.
Una spiritualità più ruvida e malvagia s’impossessa di “For The Sun”, con i due musicisti che danzano su agili accordi elettrici e ululati sonori, restando abilmente in bilico tra sogno e incubo. Una sinergia che si ripete in parte nell’altra cover del disco, ovvero “In Spite Of Me” dei Morphine, che i due musicisti profanano con delicato candore, chiamando Dana Colley e il suo sax, in supporto di un’altra pagina emblematica e carismatica di “Droneflower”.

Con la speranza che questa collaborazione abbia un seguito, non si può tacere della magia di “Buried In Love“ o della viscerale dolcezza di “Shades Apart”, altri tasselli di un puzzle multicolore che apre interessanti prospettive future.
Quella che sembrava un’estemporanea destinata solo ai fan più curiosi di Marissa Nadler si rivela invece un piccolo scrigno di preziose gemme. Con l’aiuto di Stephen Brodsky la cantautrice ha scoperto un altro lato oscuro della personale e complessa dimensione artistica.
A volte le cattive compagnie aiutano a crescere.

(18/05/2019)



  • Tracklist
  1. Space Ghost I
  2. For The Sun
  3. Watch The Time
  4. Space Ghost Ii
  5. Dead West
  6. Estranged
  7. Shades Apart
  8. Buried In Love
  9. Morbid Mist
  10. In Spite Of Me




Marissa Nadler su OndaRock
Recensioni

MARISSA NADLER

For My Crimes

(2018 - Bella Union)
Un ritorno al folk spettrale degli esordi per l'album tutto al femminile della cantautrice americana

MARISSA NADLER

Strangers

(2016 - Sacred Bones/ Bella Union)
Ancora supportata dal "doomer" Randall Dunn, torna la musa folk più misteriosa d'America

MARISSA NADLER

July

(2014 - Sacred Bones/ Bella Union)
L'estate resta solo nel titolo: la cantautrice di Washington torna con una nuova, preziosa raccolta di ..

MARISSA NADLER

The Sister

(2012 - Box Of Cedar)
Un ritorno alle origini, per la cantautrice americana, che non cambia le carte in tavola

MARISSA NADLER

Marissa Nadler

(2011 - Box Of Cedar)
Lo spiazzante quinto disco della cantautrice di Washington

MARISSA NADLER

Little Hells

(2009 - Kemado)
Il ritorno della damigella del dream-folk riserva più di una sorpresa

MARISSA NADLER

Songs 3: Bird On The Water

(2007 - Peacefrog)

La cantautrice più talentuosa della sua generazione alla sua opera terza

MARISSA NADLER

The Saga Of Mayflower May

(2005 - Eclipse)
Il disco che ha rivelato lo straordinario talento della cantautrice americana

News
Live Report
Marissa Nadler & Stephen Brodsky on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.