The Hare And Hoofe

The Hare And Hoofe

2019 (Kent Music Corporation) | prog, hard-rock, folk

Preso atto che gran parte della musica di questi ultimi anni non è altro che una repetita iuvant di forme e linguaggi già noti, viene da chiedersi il perché della loro fascinazione e suggestione, ovvero la ragion d’essere di gruppi neo-folk, neo-prog, neo-wave, neo dark, neo-blues, neo-reggae, neo-kraut o neo-techno. E’ in fondo solo una questione di punti di vista: è la prospettiva con la quale l’autore approccia la materia, l’elemento che può rendere avvincente e in parte innovativo un album o una performance.

Provenienti dal Kent, gli Hare And Hoofe si sono guadagnati la stima del pubblico e della critica inglese grazie a una presenza scenica notevole e alla insana visione musicale tra prog e folk-psych con la quale mettono in scena le sovversive misture di sonorità anni 60 e 70. E’ una prospettiva stravagante, quella che la band utilizza per mettere insieme questo primo doppio album: un’attitudine da garage-band anni 70, un profilo folk-prog che ricorda sia i King Crimson che gli Atomic Rooster (“White Blindness”), e un esuberante flusso lisergico che connette l’energia degli Hawkind alla bislacca genialità dei Soft Boys (“The Terror Of Melton”).
“The Hare And Hoofe” è un disco che ridona spessore al termine acid-rock, rigenerandone la natura naif, bizzarra e, soprattutto, non codificabile.

Pubblicato solo in formato doppio vinile, l’esordio della band è concettualmente diviso in due capitoli, un primo che raccoglie le prime incisioni realizzate tra il 2015 e il 2018: brani strutturalmente più affini al folk di Steeleye Span (“Voyager”) e Jethro Tull (“Appledore Fayre”), ma nello stesso tempo eccentrici e sgangherati come se a eseguirli fosse un gruppo di ubriaconi, trovatisi inopportunamente a far da menestrelli alla corte del re.
In altri episodi del primo album, le stralunate sonorità affidate a synth maltrattati, voci sgraziate, riff hard-rock e cambi di registro, smuovono le acque con risultati imprevedibili: il garage-rock’n’roll alla King Gizzard & The Lizard Wizard di “Lionel Mettle” e il suono da jam-session di “Lady Lovibonde/ Goodwin Pavane”.

Più ardito il secondo capitolo, “The Terror Of Melton”, concepito come una mini-suite alla Pretty Things in bilico tra fantasy e psichedelia (“Did I Dream? Pts. 1-4”), con una lieve concessione a un romanticismo tipicamente prog (“The Ballade Of Layser Manne”), o a trasgressioni elettroniche alla Gong (“Hanfare”), fino a chiudere il cerchio con una gustosa indolenza folk-hippie (“Cold Blows The Whistle, Lonely Night”).
Non mancano, anche in questa seconda parte, alcuni piacevoli imprevisti, come il discolo hard-rock “Chromium Dioxide And The Crazy Data”, la virata verso il glam dei Roxy Music (“I Was A Scientist (1892)”) e la geniale e grottesca messa in scena quasi da rock-opera della title track.

Tom Hodges-The Master, Kate Hodges-The Maide of Ken, Jim Hargreaves-The Hare, Peck Perry-The Hoofe e Jamie Owen–The Wanderer, ovvero i  cinque membri degli Hare And Hoofe, hanno messo a frutto un ricco bagaglio musicale, risultato di una lunga e variegata esperienza live (alcuni membri hanno suonato con Heliocentrics, The Priscillas, Jail Cell Recipes, The Frank Sidebottom etc.), realizzando un esordio che non è soltanto uno dei più strambi e funambolici degli ultimi tempi, ma anche uno dei più divertenti e originali. Imperdibile.

(26/10/2019)



  • Tracklist

The Statements
  1. White Blindness
  2. Appledore Fayre
  3. Voyager
  4. Lady Lovibonde / Goodwin Pavane
  5. Lionel Mettle
The Terror Of Melton
  1. Fanhare
  2. I Was A Scientist (1892)
  3. Did I Dream? Pts. 1-4
  4. The Terror Of Melton
  5. The Ballade Of Layser Manne
  6. Chromium Dioxide And The Crazy Data
  7. Hanfare
  8. Cold Blows The Whistle, Lonely Night




The Hare And Hoofe on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.