Ty Segall

First Taste

2019 (Drag City) | psych-rock

Ty Segall, King Gizzard & The Lizard Wizard, Thee Oh Sees: sono questi gli ultimi grandi protagonisti del rock psichedelico che non si svende alle classifiche. Musicisti che non si accontentano di sdoganare negli anni 10 certi suoni sixties oriented, rendendoli peraltro propri, ma decidono di farlo con modalità a dir poco bulimiche, inondando il mercato con una quantità di album e collaborazioni incrociate, tale da rendere arduo orientarsi. Dopo un 2018 di iperattività, per Segall siamo alla seconda emissione targata 2019, a pochi mesi dall’energetico live “Deforming Lobes”.

Con “First Taste” il genietto californiano compie un doppio miracolo: da un lato riesce a conservare il caratteristico suono elettricamente garage pur mettendo da parte le chitarre (questa volta si dedica alla batteria), dall’altro espande ulteriormente i propri già ampissimi orizzonti, aggiungendo screziature inedite. Sbocciano così il gospel psichedelico racchiuso in “Ice Plant”, traccia a cappella che richiama i Beatles di “Because”, le atmosfere bucoliche sottolineate dal mandolino in “The Arms” e le incursioni di fiati e strumenti poco convenzionali che colorano “Whatever” e gran parte del resto del disco.

Non mancano i consueti assalti a colpi di fuzz nell’iniziale “Taste”, le sane mazzate ritmiche nella speditissima “The Fall” (una sorta di “Brianstorm” retro-posizionata negli anni 60 con tanto di solo di batteria), gli atteggiamenti più sperimentali nei due brevi atti di “When I Met My Parents” e la digressione strumentale che arricchisce “Self Esteem”.
Se va riconosciuto che siamo distanti dal caleidoscopio onnicomprensivo che fu “Freedom’s Goblin”, “First Taste” mostra comunque ulteriori evoluzioni sonore, oltre a qualche bel colpo di genio, come nella conclusiva “Lone Cowboys” che si sviluppa fra aromi pseudo-balcanici, visioni di Zappa e glam alla Bolan. Inafferrabile Segall. Incatalogabile.

(02/08/2019)

  • Tracklist
  1. Taste
  2. Whatever
  3. Ice Plant
  4. The Fall
  5. I Worship The Dog
  6. The Arms
  7. When I Met My Parents (part 1)
  8. I Sing Them
  9. When I Met My Parents (part 2)
  10. Radio
  11. Self Esteem
  12. Lone Cowboys


Ty Segall su OndaRock
Recensioni

TY SEGALL

Deforming Lobes

(2019 - Drag City)
Otto tracce di pura energia registrate dal vivo nel 2018 e masterizzate da Steve Albini

TY SEGALL

Freedom's Goblin

(2018 - Drag City)
Grande libertà espressiva nel monumentale doppio album del rocker californiano

TY SEGALL

Fudge Sandwich

(2018 - In The Red)
Undici cover a colpi di fuzz: così il genietto californiano omaggia alcuni dei propri eroi ..

TY SEGALL

Ty Segall

(2017 - Drag City)
Secondo album eponimo per il californiano, prodotto a sorpresa da Steve Albini

TY SEGALL

Emotional Mugger

(2016 - Drag City)
Prosegue la saga garage dell'ultimo menestrello del rock'n'roll

TY SEGALL

Manipulator

(2014 - Drag City)
Il disco del probabile sdoganamento per il rocker di Laguna Beach

TY SEGALL & MIKAL CRONIN

Reverse Shark Attack

(2013 - In The Red)
Ristampata la collaborazione tra le due stelle del garage-rock

TY SEGALL

Sleeper

(2013 - Drag City)
Un disco terapeutico per Ty, dedicato al padre appena scomparso

TY SEGALL

Twins

(2012 - Drag City)
Quarto Lp in un anno per il "mostro" di Laguna Beach

News


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.