Neil Young

Homegrown

2020 (Reprise) | songwriter, folk-rock, country-rock, blues-rock

Nell'era dell'ultimo ritrovato dell'industria discografica, il lost album, non poteva mancare Neil Young, colui che ha fatto di dischi perduti e pubblicazioni d'archivio quasi una prassi. A una serie di riproposizioni d'incisioni, registrazioni dal vivo esplicite come "Live At Massey Hall" (2007) e "Live At The Cellar Door" (2013), o meno, come "Songs For Judy" (2018), o session acustiche come "Hitchhiker" (2017), tutte risalenti al suo periodo al contempo artisticamente più brillante ed emotivamente più fosco, gli anni 70, per cercare di mettere insieme quante più tessere possibili di un puzzle evidentemente ancora in divenire, mancava però il parto più sostanzioso, "Homegrown", un disco in studio vociferato negli anni e a più riprese reso disponibile per vie corsare sulla base d'indiscrezioni e speculazioni, e coronamento ideale dei mai usciti "Archives vol. 2". Una volta dato alla luce in via ufficiale è perciò come se una leggenda facesse il suo ingresso nella dimensione del reale.

Alcune canzoni già edite rimangono intonse: "Love Is A Rose", già comparsa nel doppio antologico "Decade", uno dei suoi brillanti stornelli acustici (con contrabbasso), qui in rime baciate, e le minori "Star Of Bethlehem" e "Little Wing", poste a (deludente) chiusa dell'album. Altre appaiono nella loro versione originale, precedente al bagno di distorsione delle future versioni con i Crazy Horse, anzitutto l'eponima "Homegrown", qui più scattante nel tempo e asciugata di quel tanto nell'arrangiamento pur sempre elettrificato, ma anche una "White Line" qui invece del tutto acustica, e impreziosita dal libero contrappunto della seconda acustica di Robbie Robertson.

Quindi i pezzi inediti. A stagliarsi è anzitutto la prima "Separate Ways", splendida transizione tra l'umore lirico-rurale di "Harvest" e uno spirito ancor più sentimentale, persino parisienne. "Try" suona invece più convenzionalmente country-folk, con steel languida e gorgheggi di coriste, mentre "Mexico" è uno di quei suoi embrioni di ballata intima pianistica ("Love In Mind", "The Bridge").
E finalmente arrivano i momenti elettrificati, forse i migliori, per primo "Vacancy", epico boogie a fare da "Come On Baby Let's Go Downtown" del caso, e una "We Don't Smoke It No More", l'appuntamento con il rhythm'n'blues che lo Young di metà 70 onora di continuo, guidata dall'armonica e poi dall'elettrica raminga.

Registrato nel 1975 e scomparso per quattro decenni, a cui bisogna aggiungere un piccolo slittamento nell'uscita dovuto allo stop forzato da Covid-19, rimissato da John Hanlon, Chris Bellman e Bernie Grundman, tenuto nascosto perché ritenuto troppo personale, privato, un "down album" improntato alla rottura con Carrie Snodgress. Più che un "Harvest" minore è, infatti, un "Tonight's The Night" rivolto al suo cuore infranto anziché ai lutti amicali. Di quel capolavoro condivide (oltre che lo stesso intorno d'anni) tanto il tono, meditabondo e tribolato, quanto la prassi zigzagante, gli arrangiamenti cangianti da brano a brano, che restituisce uno spettro espressivo eterogeneo per sondare e cantare il dolore da quanti più punti di vista possibili. E come "Tonight's" s'orienta al clima più che alle singole canzoni: nessuna davvero memorabile, ma qualcuna pur pregna di quella lirica tragicità dello Young del periodo. Qualche punto trascurabile tra cui un evitabilissimo interludio, "Florida". Tra le righe è pure il disco "The Band" del canadese (oltre a Robertson compaiono Stan Szelest e Levon Helm), ma c'è anche una Emmylou Harris ancora quasi esordiente.

(21/06/2020)

  • Tracklist
  1. Separate Ways
  2. Try
  3. Mexico
  4. Love Is A Rose
  5. Homegrown
  6. Florida
  7. Kansas
  8. We Don't Smoke It No More
  9. White Line
  10. Vacancy
  11. Little Wing
  12. Star Of Bethlehem
Neil Young & Crazy Horse su OndaRock

Monografia

Neil Young

The Loner

Recensioni

NEIL YOUNG & CRAZY HORSE

Colorado

(2019 - Reprise)
Un piacevole ritorno per il Loner canadese assieme ai vecchi Crazy Horse

NEIL YOUNG + PROMISE OF THE REAL

Paradox (Original Music From The Film)

(2018 - Reprise)
Loner e giovani comprimari in un musical western ambientalista

NEIL YOUNG

Hitchhiker

(2017 - Reprise)
Recupero di una session acustica di prova, risalente al 1976, per il cavallo pazzo

NEIL YOUNG + PROMISE OF THE REAL

The Visitor

(2017 - Reprise)
Secondo tentativo, patriottico stavolta, per il Loner e i suoi giovani comprimari

NEIL YOUNG + PROMISE OF THE REAL

Earth

(2016 - Reprise)
Doppio live per un loner sempre più ecologista e la sua giovane band

NEIL YOUNG

Peace Trail

(2016 - Reprise)
Nuovo instant record di attivismo e contemporaneità per il gran canadese

NEIL YOUNG + PROMISE OF THE REAL

Monsanto Years

(2015 - Reprise)
Il Loner insieme una giovane band per un concept d'attualità

NEIL YOUNG

A Letter Home

(2014 - Third Man)
Eccentrica raccolta di cover dal suono antico per il grande canadese

NEIL YOUNG

Storytone

(2014 - Reprise)
L’approdo al rock orchestrale per il grande canadese, in un’accensione di grandeur

NEIL YOUNG & CRAZY HORSE

Psychedelic Pill

(2012 - Reprise)
Primo album doppio per il Loner canadese, al fianco dei suoi Crazy Horse

NEIL YOUNG & CRAZY HORSE

Americana

(2012 - Reprise)
La rimpatriata tra il vegliardo canadese e la sua mitica band, per una raccolta di traditional ..

NEIL YOUNG

Le Noise

(2010 - Reprise)
Il "loner" nel suo disco più "loner", accompagnato dal conterraneo Lanois

NEIL YOUNG

Fork In The Road

(2009 - Reprise)
L'album "ecologico" del loner canadese: dieci tracce con un mood sfacciatamente arioso ..

NEIL YOUNG

Chrome Dreams 2

(2007 - Reprise/Wea)
Il vecchio loner canadese riesce ancora a emozionare

NEIL YOUNG

Living With War

(2006 - Reprise)

NEIL YOUNG

Prairie Wind

(2005 - Reprise)
Young abbandona i Crazy Horse e cavalca le praterie di Nashville

NEIL YOUNG

Greendale

(2003 - Reprise)

NEIL YOUNG

Rust Never Sleeps

(1979 - Reprise)
Lo storico live del Loner canadese, tra numeri acustici e cavalcate elettriche

NEIL YOUNG

Tonight's The Night

(1975 - Reprise)
L'opera con cui Young si scopre sommo filosofo del dolore, portatore di un messaggio universale e a-temporale ..

NEIL YOUNG

Harvest

(1972 - Reprise)
Ballate bucoliche e sfibranti cavalcate elettriche: l'apoteosi del country-rock younghiano

NEIL YOUNG

After The Gold Rush

(1970 - Reprise)
La migliore commistione possibile tra country e rock, tra epica da terra promessa e languide carcasse ..

News
Live Report
Speciali

Neil Young on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.