Waxahatchee

Saint Cloud

2020 (Merge) | indie-folk, alt-pop

Oltrepassata la soglia dei trent'anni, smorzati rabbia e disagio giovanile, Katie Crutchfield porta a compimento la personale metamorfosi artistica. Nelle sue molteplici reincarnazioni ha attraversato il pop-punk ai tempi della high school in quel di Birmingham (Alabama), ha tolto le ragnatele dal college rock degli anni 90 divenendo una figura di culto della nuova scena indie, si è immersa nel country-folk che in qualche modo è stato comunque sempre presente nel suo Dna. Quasi sempre a fianco della sorella gemella Allison, dal 2012 ha varato l'esperienza solista Waxahatchee, anch'essa densa di repentine svolte stilistiche: dalle dolenti confessioni bedroom lo-fi di "American Weekend" all'impeto elettrico dell'indispensabile "Ivy Tripp", fino alla scrittura più "adulta" e riflessiva espressa in "Saint Cloud".

Deposte le armi di qualsiasi urgenza rock (se ne ritrova qualche vago sentore giusto in "War"), "Saint Cloud" mostra un'artista riappacificata con sé stessa e con il mondo. Superata, per sua stessa ammissione, la dipendenza dalla bottiglia, ha risolto i problemi di cuore cementando la relazione sentimentale con Kevin Morby, di cui accenna in "The Eye", riflessioni (influenzate da Leonard Cohen) sul tema dell'essere un songwriter con un collega come compagno. Un disco "gentile", ma mai privo di un'energia che oserei definire "primaverile" ("Can't Do Much", "Lilacs"), un senso di rinascita che traspira tanto dal sommesso racconto su un amico che non ce l'ha fatta (la più traditional "Ruby Falls") quanto dal flower pop (pur lievemente velato di un sottile strato di malinconia) di "Hell" e "Witches".

Nel corso del suo svolgimento, "Saint Cloud" unisce i puntini lungo una linea immaginaria che, partendo dalla perfezione classic pop di Carole King, attraversa le ascendenze hippie di Edie Brickell, l'introspezione di Cat Power e la spiritualità della Alanis Morissette post-"Jagged Little Pill", terminando la propria parabola dalle parti dell'attitudine slacker perfettamente impersonata da Courtney Barnett. Anche se Katie sostiene di avere avuto come spirito guida durante la scrittura di queste undici tracce la figura di Lucinda Williams e di tutte le folksinger (Emmylou Harris, Linda Ronstadt) che le sono arrivate dagli ascolti dei genitori. Delineando una svolta che la fa apparire a tratti persino più credibile e meno forzata rispetto al passato.

La narrazione procede come lungo una mappa, che da West Memphis approda a St. Cloud, in Florida, città d'origine del papà. Lungo le strade scorrono luoghi e personaggi, con protagonisti i grandi spazi aperti del sud degli Stati Uniti, narrati con la positiva energia di chi casa l'ha non di rado cambiata per davvero, spostandosi dalla nativa Alabama prima verso Philadelphia, poi in quel di Brooklyn, fino all'attuale Kansas City.
La straordinaria capacità di costruire melodie rende Katie oggi ancor più autentica, consentendole di raggiungere livelli di assoluta eccellenza, ("Oxbow", "Arkadelphia"), come se l'abito garage indossato fino a "Out In The Storm" fosse più che altro una necessità, ormai sorpassata. Questa volta le camicie di flanella restano nell'armadio, per lasciar spazio ai vestitini a fiori, oppure color cielo, come quello indossato in copertina, riuscendo per mezz'ora a farci apparire azzurre tutte le nuvole del mondo, persino le più minacciose.

(12/04/2020)

  • Tracklist
  1. Oxbow
  2. Can't Do Much
  3. Fire
  4. Lilacs
  5. The Eye
  6. Hell
  7. Witches
  8. War
  9. Arkadelphia
  10. Ruby Falls
  11. St. Cloud






Waxahatchee su OndaRock
Recensioni

WAXAHATCHEE

Out In The Storm

(2017 - Merge)
L'ambiziosa opera quarta della più famosa delle sorelle Crutchfield

WAXAHATCHEE

Ivy Tripp

(2015 - Wichita/Merge)
Il disco della svolta per Katie Crutchfield, fra college-rock anni 90 e influenze country-folk ..

WAXAHATCHEE

Cerulean Salt

(2013 - Don Giovanni)
Dolorosi e sconfortanti, gli scarni racconti rock di Katie Crutchfield

News
Waxahatchee on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.