James Yorkston And The Second Hand Orchestra

The Wide, Wide River

2021 (Domino) | alt-folk, chamber-folk

La quasi ventennale carriera discografica di James Yorkston assume sempre di più le caratteristiche di una più complessa e variegata identità artistica. Con Bert Jansch e John Martyn nel cuore, il musicista scozzese ha evoluto il personale profilo di cantautore folk, attirando nel proprio microcosmo lirico le attenzioni di artisti diversi: da Rustin Man, produttore del terzo disco di Yorkston “The Year Of Leopard”, a Tindersticks e Lambchop, compagni di viaggio per alcuni tour, senza dimenticare la collaborazione con i Big Eyes Family Players per l'album "Folk Songs", fino alla sacrale trilogia di esoterico etno-folk in compagnia di Jon Thorne e Suhail Yusuf Khan.

Da cantautore a compositore puro, il passo di James Yorkston è stato graduale ma sempre più palese: come Neil Hannon prestato alle sorti del pop d’autore, così lo scozzese continua a perfezionare uno stile di scrittura puro e versatile, una qualità narrativa che ha sviluppato anche come affermato romanziere.
“The Wide, Wide River” è una nuova frontiera per l’artista, un progetto che consolida l'amicizia di lunga data con il musicista svedese Karl-Jonas Winqvist. Un rapporto talmente autentico che James Yorkston ha accettato senza nessuna remora di suonare con musicisti a lui ignoti: Peter Morén di Peter, Bjorn & John, Cecilia Österholm, Emma Nordenstam e Ulrika Gyllenberg.
Nonostante il repertorio sia stato registrato nell’arco di soli tre giorni e senza alcun freno creativo, la Second Hand Orchestra regge perfettamente il ruolo di cesellatore delle emotivamente vulnerabili ed estroverse folk-song, regalando all’autore uno slancio che rende l’album una delle opere più immediate e accattivante della pur lunga carriera.

C’è perfino un briciolo di umorismo e di malizia in “Ella Mary Leather”, dove Yorkston si prende gioco dei collezionisti seriali di canti tradizionali, ed è sorprendente la resa sonora di “To Soothe Her Wee Bit Sorrows”, una ballata di sette minuti e trentaquattro secondi che ha la vellutata energia di “Fisherman's Blues” dei Waterboys e l’intensità spirituale di “A Summertime In England” di Van Morrison.
Si inebria del calore degli archi, delle voci eteree e del bisbiglio del vento il tenero racconto fanciullesco di “Struggle”, ed è pura ascesi creativa l’interazione tra voci femminili, strumenti e il verseggiare svogliato di Yorkston che anima “A Very Old-Fashioned Blues”, un’altra di quelle pagine folk che il musicista dissemina nei suoi album, costruendo un ponte tra tradizione e innovazione.
Strappa inoltre un sorriso il modo in cui il musicista si arrende al piacere fugace chamber-folk-pop della naif “Choices, Like Wide Rivers”; sorprende e affascina l’affiatamento strumentale che regala un altro piccolo gioiellino di modern-folk, la irrequieta ballata “There Is No Upside”, a metà strada tra il Bob Dylan di “Desire” e i Belle And Sebastian di “Mothermilk”.

Ad esser sinceri “The Wide, Wide River” va ben oltre le attese. James offre alcune delle sue performance vocali più intense, fino a togliere il fiato nella quasi sinfonica progressione armonica di “A Droplet Forms”, ma è tutto l’album a essere permeato di una vitalità che trasforma il pur rigoroso minimalismo di Yorkston in una materia sonora più vicina al nobile mondo della musica classica.
L’estrema fragilità e potenza delle ultime struggenti note dell’album (“We Test The Beams”) cancella ogni dubbio: siamo di fronte a una delle menti più lucide della musica odierna e questo è solo un capitolo meraviglioso di una grande avventura chiamata musica.

(15/02/2021)



  • Tracklist
  1. Ella Mary Leather
  2. To Soothe Her Wee Bit Sorrows
  3. Choices, Like Wide Rivers
  4. Struggle
  5. There Is No Upside
  6. A Droplet Forms
  7. A Very Old-Fashioned Blues
  8. We Test The Beams






James Yorkston su OndaRock
Recensioni

JAMES YORKSTON

The Route To Harmonium

(2019 - Domino)
Ritorno solista dopo cinque anni per il bardo scozzese

JAMES YORKSTON

I Was A Cat From A Book

(2012 - Domino)
Torna il decano e ispiratore del movimento folk britannico

JAMES YORKSTON & THE BIG EYES FAMILY PLAYERS

Folk Songs

(2009 - Domino)
Compendio dalle più disparate tradizioni folkloriche per il bardo del Fife

JAMES YORKSTON

When The Haar Rolls In

(2008 - Domino)
L'approdo alla maturità per il cantautore scozzese

JAMES YORKSTON

Roaring The Gospel

(2007 - Domino)
Un'emozionante raccolta di materiale raro per il menestrello scozzese

JAMES YORKSTON

The Year Of The Leopard

(2006 - Domino)
Una risposta allo strapotere folk di Bonnie "Prince" Billy

James Yorkston And The Second Hand Orchestra on web


Questo sito utilizza cookie tecnici (propri o di terze parti) per monitorare l'esperienza di navigazione degli utenti
Cliccando sul pulsante Continua si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito. Clicca qui per avere ulteriori informazioni sui cookie.